OMCeO, Enti e Territori 18 Luglio 2018

Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»

La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»

«È assolutamente meritoria l’attenzione che il Ministro della Salute Giulia Grillo ha riposto sul percorso professionale dei giovani medici. Dopo anni di colpevole assenza sul tema da parte dei precedenti Governi, finalmente si stabilisce una priorità che è quella di dare una vera opportunità in Italia ai nostri giovani laureati in medicina». Il Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Marialucia Lorefice, plaude all’iniziativa del Ministro della Salute Giulia Grillo che ieri, in un post su Facebook, aveva annunciato la creazione di un gruppo di lavoro per la revisione del sistema di formazione medica post laurea, come previsto anche dal programma di Governo. Un lavoro che dovrebbe rendere più agevole il percorso dei giovani laureati in medicina

«Il Movimento Cinque Stelle – sottolinea Lorefice – nel programma di Governo ha previsto la revisione del sistema di formazione medica post-laurea e l’indirizzo dato dal Ministro Grillo, con la predisposizione di un gruppo di lavoro che si occupi della programmazione, mira proprio a trasformare in un’opportunità di crescita quello che finora è stato un percorso pieno di difficoltà e impedimenti. Sappiamo che sono stati insufficienti i posti nei corsi di specializzazione e nella formazione in medicina generale, sappiamo dei continui problemi concorsuali: occorre invertire subito la rotta».

Lorefice ricorda i dati della Commissione Europea sulle migrazioni dei professionisti forniti a dicembre 2017: «Dal 2005 al 2015 ben 10.104 medici italiani sono stati costretti ad emigrare all’estero per ottenere considerazione e realizzarsi professionalmente. L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno dei suoi migliori cervelli, nell’interesse di tutti».

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
I giovani medici italiani “invecchiano” senza FaceApp. Consulcesi «Ogni anno in mille costretti alla fuga»
Il Presidente Massimo Tortorella: «La tentazione di andare a lavorare in Francia, Germania o Gran Bretagna, dove vengono offerti contratti migliori e carriere più rapide, è forte per tutti i nostri aspiranti specialisti: in Italia ci sono primari under 40? All’estero è la normalità»
Direzioni sanitarie, risoluzione Lega allarga platea. Tiramani: «Rivoluzione culturale, potranno essere nominati anche medici più giovani»
Il testo presentato in Commissione Affari Sociali prevede che potranno essere nominati in quel ruolo anche medici che hanno diretto strutture semplici e non per forza complesse. «Così si evitano i soliti nomi e vi è una più ampia possibilità di scelta» aggiunge il deputato del Carroccio
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...