Voci della Sanità 2 Dicembre 2021 16:23

Scuola di specializzazione in pediatria e neuropsichiatria infantile, Sapienza e Gruppo INI stipulano convenzione

I centri di scienze riabilitative e diagnostiche dell’età evolutiva Ini inseriti anche nella mappa dei servizi dell’osservatorio nazionale autismo dell’ISS

È stata stipulata dalla Scuola di Specializzazione in Pediatria della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università ‘Sapienza’ di Roma la convenzione con i Poli Territoriali del Centro di Scienze Riabilitative e Diagnostiche dell’Età Evolutiva del Gruppo INI.

La stipula è frutto del grande impegno, della costante condivisione e scambio clinico-scientifico del Gruppo INI con le Istituzioni Universitarie ed Ospedaliere della Regione Lazio.

«La patologia neurologica pediatrica riunisce almeno un terzo delle patologie che possiamo trovare in Pronto Soccorso pediatrico e nell’Ambulatorio di neurologia pediatrica. Pertanto il congresso nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica, appena concluso – dice Pasquale Parisi, direttore della Cattedra di Pediatria e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università ‘Sapienza’ di Roma, – è stata la cornice adatta per comunicare che, da quest’anno, i nostri specializzandi in Pediatria potranno frequentare i Centri di Diagnosi e cura per l’età evolutiva del Gruppo INI, una struttura con competenza ventennale, per approfondire gli aspetti della formazione anche in neuro-riabilitazione pediatrica».

Il direttore si ritiene «davvero soddisfatto della stipula di questa Convenzione perché, qualunque sia l’ambito in cui si andrà a operare – pediatria di famiglia – ospedaliero o pediatria universitaria – ritengo auspicabile la formazione, approfondimento culturale, assistenziale e scientifico, delle condizioni che prima o poi, capiterà ad un Pediatra di dovere affrontare, in qualunque scenario assistenziale si trovi ad operare».

«La convenzione – sottolinea Maria Nicoletta Aliberti, Responsabile dei Centri di Scienze Riabilitative e Diagnostiche per l’Età Evolutiva Villa Alba del Gruppo INI – è un riconoscimento davvero prezioso e si definisce come attività di collegamento tra Università e strutture di rete del territorio, accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale e la Regione Lazio, a completamento di una significativa e consolidata rete di collaborazione clinica tra i Centri di Diagnosi e cura per l’età evolutiva del Gruppo INI e le Cattedre e le Scuole  di Specializzazione di Pediatria e di Neuropsichiatria Infantile dell’Università ‘Sapienza’ di Roma. Da oltre venti anni, i nostri Centri offrono continuità di intervento e assistenza, per sostenere la crescita e il benessere del bambino senza dimenticare di fornire supporto alla famiglia. L’esperienza maturata dal nostro gruppo di lavoro, ad esempio, nel campo della abilitazione e riabilitazione dei disturbi dello Spettro Autistico, anche nel corso della emergenza sanitaria Covid-19, ha evidenziato la necessità di garantire nel quadro emergenziale attuale, una costante attenzione ai percorsi di reinserimento sociale, ludico-ricreativo e sportivo».

«L’elevata specificità dell’intervento clinico riabilitativo – conclude Maria Nicoletta Aliberti – attuato nelle nostre sedi, INI Medicus a Tivoli, INI Villa Dante a Guidonia, INI Villa Alba a Veroli e Fonte Nuova e la costante attenzione ai modelli di riferimento riabilitativi nazionali e internazionali ha consentito di offrire al bambino affetto da disturbo dello spettro autistico e alla sua famiglia un ambiente altamente qualificato nella ricerca e applicazione delle migliori prassi riabilitative. Un impegno ventennale che ha avuto un importante riconoscimento: i servizi di riabilitazione dell’età evolutiva del Gruppo INI Villa Alba sono stati inseriti nella mappa Servizi dedicati alla diagnosi e presa in carico delle persone con disturbi dello spettro autistico in tutte le età della vita dell’OssNA, Osservatorio Nazionale Autismo dell’Istituto Superiore di Sanità. Questo importante riconoscimento certifica le nostre strutture come centri di riferimento per la diagnosi e il trattamento nei disturbi dello spettro autistico nella Regione Lazio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
World Health Summit in Sapienza, Polimeni: «La salute al centro con ricerca, innovazione e formazione»
L’Ateneo romano ha ospitato uno dei forum più importanti al mondo per la salute globale, per la prima volta in Italia. La ministra Messa: «Mettere i risultati della ricerca al servizio del cittadino e del SSN perché diano l’indirizzo su come organizzare il sistema salute»
Sclerosi multipla: un modello sperimentale dimostra il ruolo della risposta immunitaria
Un gruppo di ricercatori internazionali, coordinato dal Dipartimento di Scienze cliniche internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari della Sapienza, ha dimostrato per la prima volta come la risposta immunitaria peggiori il decorso della malattia nei pazienti affetti da sclerosi multipla. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Cell Death & Disease
Distribuzione intermedia farmaceutica, i tagli sulle remunerazioni pesano. Morra (ADF): «Soluzione non più rinviabile»
Uno studio Sapienza si è posto il problema di determinare gli effetti del D.L. 78/2010 e della riduzione progressiva del prezzo medio per confezione dei farmaci di classe A sulla redditività del settore della distribuzione farmaceutica. Il commento del presidente ADF Alessandro Morra
Università e Ssn, Gaudio (ex Rettore Sapienza): «Necessari maggiori investimenti, più territorio e paghe più alte»
Intervista ad Eugenio Gaudio, ex Rettore della Sapienza e attuale Consigliere del Ministro dell’Università e della Ricerca per la formazione nell’area sanitaria e per i rapporti con il Servizio sanitario nazionale
Effetto Michelangelo: le opere d’arte e la realtà virtuale potenziano l’efficacia delle terapie di neuroriabilitazione
Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale. Lo studio della Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi