Voci della Sanità 27 Novembre 2020 18:28

Scoperto il meccanismo con cui la mutazione del gene ETNK1 causa la leucemia mieloide cronica atipica

Il lavoro di ricerca condotto dal team di Ematologia dell’Università di Milano Bicocca è stato pubblicato sulla rivista “Nature Communications”

di Federica Bosco

Una nuova scoperta – effettuata da un team italiano coordinato dai professori Rocco Piazza, professore associato di Ematologia presso la facoltà di Medicina dell’Università di Milano-BicoccaCarlo Gambacorti-Passerini, professore ordinario di Ematologia presso la stessa facoltà direttore del reparto di Ematologia dell’ospedale San Gerardo – fornisce un contributo importante alla comprensione della patogenesi della Leucemia Mieloide Cronica Atipica (LMCa) e potrebbe nel futuro cambiare il destino dei pazienti affetti da questa malattia. I risultati di questo lavoro di ricerca, condotto sotto il patrocinio della Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) e dell’Associazione “Antonio Castelnuovo”, sono stati pubblicato sull’autorevole rivista “Nature Communications”. L’8 dicembre, inoltre, lo studio sarà presentato dalla dottoressa Diletta Fontana, ricercatrice presso l’Università di Milano-Bicocca e primo autore della pubblicazione, al congresso della Società Americana di Ematologia in sessione plenaria, dove è stato selezionato, insieme ad altri 5 lavori scientifici provenienti da tutto il mondo, nella prestigiosa categoria dei “Late-breaking abstracts”.

Ancora oggi, purtroppo, esistono tumori la cui origine rimane misteriosa e ciò impedisce lo sviluppo di strategie terapeutiche efficaci. Per i pazienti con LMCa (circa 200 nuovi casi in Italia ogni anno) la prognosi attualmente è estremamente severa, con una sopravvivenza che in genere non supera i 2-3 anni dalla diagnosi e senza terapie efficaci a contrastarne la crescita.

Grazie all’utilizzo di tecnologie avanzate, come il sequenziamento dell’intero genoma e l’uso di una nuova tecnica conosciuta come CRISPR-Cas9, in grado di modificare selettivamente un determinato gene, è stato possibile caratterizzare il ruolo di un gene, noto come ETNK1, precedentemente identificato per la prima volta nel 2015 dallo stesso team dell’Università di Milano-Bicocca, e coinvolto nella LMCa fin dalle sue fasi più precoci. Ora è stato identificato il meccanismo con cui la mutazione del gene ETNK1 causa la leucemia.

«In passato eravamo riusciti ad identificare specifiche mutazioni a carico del gene ETNK1 – osserva il professore Piazza – ma il loro ruolo nel processo di sviluppo del tumore ci era oscuro. Dopo 4 anni di lavoro siamo riusciti finalmente a ricostruire il meccanismo oncogenico delle stesse, arrivando a capire come le mutazioni a carico di ETNK1 causino una ridotta produzione di un piccolo metabolita, noto come fosfoetanolamina, in grado di controllare l’attività del mitocondrio, il “motore” delle nostre cellule, agendo come un freno sulla sua attività. La ridotta produzione di fosfoetanolamina determina quindi un’iperattivazione del mitocondrio che, proprio come un motore costretto a lavorare ad un numero troppo elevato di giri, “inquina” la cellula con dei prodotti di scarto noti come radicali liberi. Questi prodotti a loro volta causano un danno diretto al genoma della cellula, causando l’accumulo di nuove mutazioni ed aumentando quindi progressivamente l’aggressività della malattia stessa».

«Le ripercussioni terapeutiche sono possibili – continua la dottoressa Fontana –; abbiamo già iniziato a lavorare a nuovi esperimenti che speriamo ci consentano di ripristinare il “freno molecolare” andato perso a causa delle mutazioni di ETNK1, arrivando quindi a bloccare direttamente il meccanismo alla base dell’attività genotossica mediata da ETNK1».

«Questo “freno” – conclude il professore Gambacorti-Passerini – ha dimostrato di funzionare in cellule leucemiche in coltura e speriamo di poterlo dimostrare a breve in vivo e in pazienti».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ossido di etilene nelle sacche per la nutrizione artificiale, Bologna (CI) presenta interrogazione
L'Associazione famiglie disabili lombarde ha rivolto una lettera ai ministeri della Salute e della Disabilità, rappresentando i rischi per la salute derivanti dal suo utilizzo per la sterilizzazione delle sacche per la nutrizione artificiale
Come stanno i guariti dal Covid a 6 e 12 mesi dall’infezione? Lo studio
I risultati dello studio multicentrico condotto da un team di medici dell’Unità operativa complessa di pneumologia del San Gerardo di Monza in collaborazione con l’Università Bicocca
di Federica Bosco
Immunoterapia, farmaci orali innovativi e terapie senza chemio al Congresso “Leukemia” promosso da AIL
Il 26 e 27 aprile AIL, nel corso dei lavori di Leukemia 2021, racconterà insieme a ematologi italiani e stranieri il suo ruolo a sostegno della ricerca scientifica, gli studi e i risultati più avanzati dell’ematologia e le speranze future legate a terapie sempre più rivoluzionarie
Il 19, 20 e 21 marzo tornano le uova di Pasqua AIL a sostegno della ricerca e dell’assistenza per i malati di leucemia
Il tradizionale appuntamento è realizzato grazie all’impegno delle 82 sezioni provinciali e degli oltre 20mila volontari che offriranno, con una donazione minima di 12 euro, un uovo di cioccolato contrassegnato dal logo dell’Associazione
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali