Voci della Sanità 22 Novembre 2019

Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»

La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»

«Il via libera del governo al rinnovo del contratto del personale sanitario pubblico è prima di tutto un riconoscimento al sacrificio e all’impegno di migliaia di professionisti del settore che, nonostante le grandi difficoltà strutturali e organizzative, offrono ai cittadini italiani un servizio sanitario pubblico di cui andare fieri. In Italia, è sempre bene ricordarlo, non bisogna avere carte di credito e assicurazioni per essere curati in caso di emergenza. Con la delibera del Consiglio dei Ministri si è fatto un passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese, per il quale ringrazio il ministro della Salute, Roberto Speranza, per l’impegno con il quale sta conducendo la battaglia per un SSN davvero equo e universale». Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan.

«Per raggiungere l’ambizioso traguardo di una sanità davvero inclusiva – prosegue la deputata di Liberi e Uguali – occorre adesso mettere mano alle gravi carenze in organico che ancora oggi penalizzano sia l’utenza, con tempi di attesa delle liste insopportabili specie al Sud, che il personale, con turni di lavoro massacranti. E ancora ritengo fondamentale che si proceda all’approvazione in Aula della legge sulla sicurezza del personale sanitario nel più breve tempo possibile, prevedendo il riconoscimento agli operatori in servizio della qualifica di pubblico ufficiale».

Articoli correlati
Carenza medici, Odg di Tiramani (Lega): «Garantire accesso a SSN a medici abilitati privi di diploma di specializzazione»
«È necessario che delle figure non specializzate, come avviene già in diverse regioni d'Italia e per certi servizi, come il 118, possano svolgere anche mansioni di guardia medica nel Pronto soccorso ed in medicina generale» sottolinea il deputato leghista
Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale
A sostenerlo sono i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul 'Journal of Cellular Physiology' e presentato alla Camera dei Deputati. «I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano. Il Viceministro Sileri: «Finanziato in Manovra il Registro Tumori»
Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»
Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.350 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.878 mentre i morti sono 2.705. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...