Voci della Sanità 19 Maggio 2020 15:51

Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni

Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»

«Il 18 giugno sarà sciopero nazionale per un contratto atteso da 13 anni e negato nonostante il Covid. Dopo 13 anni di attesa, 2 anni e 7 mesi di trattativa e una pandemia che ha visto gli operatori della sanità in prima linea per difenderci tutti, non possiamo permettere che un diritto irrinunciabile come quello al contratto continui ad essere negato». Con queste parole Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini – segretari generali di Fp Cgil Roma Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – lanciano l’offensiva contro il muro di gomma delle associazioni datoriali, a partire da Aris, Aiop e Unindustria Lazio – «concentrate unicamente sul profitto, a discapito di chi ogni giorno rischia la vita e dei pazienti che affidano loro la propria salute».

LEGGI ANCHE: SANITÀ PRIVATA CHIEDE AMMORTIZZATORI SOCIALI. CGIL CISL UIL: «PARADOSSALE CON PANDEMIA IN CORSO. REGIONE LAZIO CI CONVOCHI»

«Un’ingiustizia che dura da anni e che l’emergenza Coronavirus ha posto ancor più sotto gli occhi di tutti – scrivono i segretari regionali di categoria -. Alle stesse persone che tutti in questi mesi hanno applaudito, a quegli stessi infermieri, oss, tecnici, terapisti, ostetriche, professionisti e personale amministrativo e di assistenza che, insieme ai colleghi della sanità pubblica, ci stanno tirando fuori da un periodo emergenziale difficilissimo, i datori di lavoro non solo stanno negando un ringraziamento tangibile, ma anche il più basilare dei diritti, com’è quello al salario, alle tutele e alla valorizzazione delle competenze. Stiamo parlando, nel solo Lazio, di 25mila lavoratori che nel complesso assicurano il 40% delle prestazioni di sanità pubblica. Vale a dire quasi la metà del Ssr. Personale straordinario che ha contribuito in modo determinante, anche in condizioni di rischio per la loro stessa sicurezza, a fronteggiare l’emergenza coronavirus e ai quali è affidata l’attuazione del diritto costituzionale alla salute» spiegano Cenciarelli, Chierchia e Bernardini.

LEGGI ANCHE: SANITÀ PRIVATA, CGIL CISL E UIL: «AIOP FA SALTARE IL RINNOVO DEL CONTRATTO»

«Così come non possiamo accettare la situazione delle Rsa, in cui da anni si applicano condizioni contrattuali peggiorative rispetto ai loro colleghi, a parità di professione, applicando un Ccnl, l’Aiop Rsa, non sottoscritto da Cgil Cisl Uil. Operatori che in molti casi sono stati lasciati soli di fronte all’epidemia e che si sono spesi ben oltre il proprio dovere e ben oltre i rischi consentiti, per dare cura e assistenza alle fasce più deboli della popolazione – puntualizzano -. Per questo il 18 giugno i lavoratori saranno in sciopero per un intero turno in tutte le strutture sanitarie accreditata e in tutte le Rsa. È stato profondamente immorale da parte dei datori di lavoro mandare in fumo una trattativa lunghissima alzando continuamente l’asticella delle richieste economiche ai contribuenti e rifiutando di fare la propria parte di imprenditori. E ciò nonostante l’impegno del Ministero della Salute e delle Regioni che hanno messo a disposizione fondi consistenti».

«Chiediamo alla Regione Lazio e alle Asl di intervenire sugli accreditamenti: garantendo le regole dettate dalla legge regionale e i controlli sulle strutture private. Basta con il dumping e con le furbizie, solo chi è in grado di assicurare condizioni contrattuali e professionali dignitose deve poter far parte del Ssr. Lo abbiamo sempre detto chiaramente: stesso lavoro, stesso salario, stessi diritti. Nel pubblico e nel privato. E non arretreremo di un millimetro – concludono i segretari -. Nemmeno il Covid ha fermato questi lavoratori. Ora pretendiamo rispetto e riconoscimento del sacrificio e della professionalità, a partire dal sacrosanto rinnovo di contratto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sanità integrativa, Cittadini (Aiop): «Domanda di salute cresciuta, deve essere complementare»
Al convegno anche il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa e il governatore della Liguria Giovanni Toti
Pensione di anzianità, come affrontarla serenamente con il ventaglio di opzioni Enpam
Dal trattamento misto alle maggiorazioni previste per chi resta in attività fino ai 70 anni, una guida per tutte le categorie
Non tornare indietro sul tema della sicurezza del lavoro
Il Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio, esprime il proprio dissenso circa il Decalogo sul lavoro sicuro, redatto e pubblicato dall’Associazione professionale AIAS network
di Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio
Dl Aiuti-ter, Cittadini (Aiop): «Governo equo nei confronti delle componenti del SSN, ma fondi coprono solo una parte degli aumenti»
«Auspichiamo che si possa procedere nell’immediato alla conversione del decreto legge e alla successiva adozione dei decreti attuativi, così da poter sostenere le strutture del SSN a prescindere dalla loro natura giuridica» sottolinea la presidente AIOP
Sanità, Cittadini (Aiop): «Riconoscere valore di tutte le componenti del SSN»
«Registriamo, con soddisfazione, che il settore termale ha ottenuto un incremento delle tariffe del 20 per cento e questo rappresenta, senza dubbio, un risultato importante per la collettività. È significativo che si sia intervenuti su un comparto che, in seguito alla crisi pandemica, ha subìto danni rilevanti. È un segno di attenzione istituzionale che registriamo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi