Voci della Sanità 27 Luglio 2020 15:42

Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale

Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»

Dopo settimane di battaglie, con la UGL Sanità Nazionale sempre in prima linea per difendere i diritti dei lavoratori delle strutture accreditate della Regione Lazio, si vede uno spiraglio di luce per la salvaguardia occupazionale di tanti operatori minacciati dalla scure del licenziamento.

«Questa mattina – dichiarano congiuntamente Gianluca Giuliano, Segretario della UGL Sanità Nazionale e Armando Valiani, Segretario della UGL Lazio – abbiamo avuto un incontro con i rappresentanti degli Assessorati Regionali alla Salute e al Lavoro. Nodo centrale del colloquio è stato il raggiungimento dell’accordo di salvaguardia occupazionale per gli operatori della sanità coinvolti, come accaduto per il San Raffaele Rocca di Papa, in crisi derivate dal ritiro dell’accreditamento regionale nelle strutture in cui prestano servizio».

Gli sforzi delle ultime settimane che hanno visto la UGL Sanità protagonista di tante iniziative, dalla presenza su Rai1 in diretta nazionale per denunciare la ‘mattanza sociale’ del San Raffaele Rocca di Papa fino al presidio dello scorso 2 luglio, hanno prodotto un primo risultato.

«Rivendichiamo con forza – dicono ancora Giuliano e Valiani – la stesura di questo protocollo che vedrà l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro, dove saremo presenti con un nostro rappresentante per monitorarne il funzionamento».

L’attenzione della UGL Sanità resta alta: «La volontà della Regione Lazio di ricollocare in altre strutture chi si troverà difronte al licenziamento è uno dei motivi che ci ha fatto accogliere positivamente la proposta, ma è chiaro che non abbasseremo per nessun motivo la guardia anche se, come gesto di responsabilità, abbiamo revocato il presidio al Consiglio Regionale che ci avrebbe visto, domani, ancora una volta presenti al fianco dei lavoratori. Per ora siamo davanti a rassicuranti parole delle istituzioni ma tutto dovrà essere confermato nei fatti. Lo ribadiremo nell’udizione prevista dalle 13 proprio domani in Consiglio Regionale e che avrà come tema centrale il futuro degli operatori della sanità accreditata».

Articoli correlati
Smi-Lazio firma l’accordo regionale per la vaccinazione anti SARS-CoV-2 con forti critiche
di Ermanno De Fazi, vice segretario Smi-Lazio
di Ermanno De Fazi, vice segretario Smi-Lazio
Specialistica ambulatoriale, Cisl Medici Lazio chiede attivazione Accordo Integrativo Regionale
Il sindacato Cisl medici Lazio ha chiesto all’Assessore alla Sanità della Regione Lazio «l’immediata attivazione della trattativa regionale per l’Accordo Integrativo Regionale con i medici specialisti ambulatoriali, i veterinari e le altre professionalità sanitarie (biologi, chimici e psicologi) convenzionati». «Alle Regioni infatti – si legge nel comunicato – spetta il compito di definire gli atti di programmazione […]
Covid-19, avviato il centro vaccinale della Regione Lazio al parcheggio lunga sosta di Fiumicino
Il primo hub in Italia in uno scalo aeroportuale sarà gestito dalla Croce Rossa italiana insieme ad aeroporti di Roma
Da UGL Sanità e Medici nasce UGL Salute. Capone: «Alle porte grande sfide»
Gianluca Giuliano nominato Segretario Nazionale della nuova Ugl Salute: «Continueremo a lavorare per un nuovo SSN, per l'adeguamento degli stipendi alla media europea e per la sicurezza sui luoghi di lavoro»
Sanità privata, Cimop e Fp Cgil Medici scioperano per il mancato rinnovo del contratto con Aiop
In sciopero in piazza Montecitorio i sindacati della Sanità privata contro Aiop e il mancato rinnovo del contratto. Cimop e Fp Cgil Medici si scagliano contro la disuguaglianza economica e lavorativa creata dal sì di Aris e dal no di Aiop. Presente anche Fnomceo: «9mila medici a basso tasso di diritti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...