Voci della Sanità 27 Luglio 2020 15:42

Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale

Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»

Dopo settimane di battaglie, con la UGL Sanità Nazionale sempre in prima linea per difendere i diritti dei lavoratori delle strutture accreditate della Regione Lazio, si vede uno spiraglio di luce per la salvaguardia occupazionale di tanti operatori minacciati dalla scure del licenziamento.

«Questa mattina – dichiarano congiuntamente Gianluca Giuliano, Segretario della UGL Sanità Nazionale e Armando Valiani, Segretario della UGL Lazio – abbiamo avuto un incontro con i rappresentanti degli Assessorati Regionali alla Salute e al Lavoro. Nodo centrale del colloquio è stato il raggiungimento dell’accordo di salvaguardia occupazionale per gli operatori della sanità coinvolti, come accaduto per il San Raffaele Rocca di Papa, in crisi derivate dal ritiro dell’accreditamento regionale nelle strutture in cui prestano servizio».

Gli sforzi delle ultime settimane che hanno visto la UGL Sanità protagonista di tante iniziative, dalla presenza su Rai1 in diretta nazionale per denunciare la ‘mattanza sociale’ del San Raffaele Rocca di Papa fino al presidio dello scorso 2 luglio, hanno prodotto un primo risultato.

«Rivendichiamo con forza – dicono ancora Giuliano e Valiani – la stesura di questo protocollo che vedrà l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro, dove saremo presenti con un nostro rappresentante per monitorarne il funzionamento».

L’attenzione della UGL Sanità resta alta: «La volontà della Regione Lazio di ricollocare in altre strutture chi si troverà difronte al licenziamento è uno dei motivi che ci ha fatto accogliere positivamente la proposta, ma è chiaro che non abbasseremo per nessun motivo la guardia anche se, come gesto di responsabilità, abbiamo revocato il presidio al Consiglio Regionale che ci avrebbe visto, domani, ancora una volta presenti al fianco dei lavoratori. Per ora siamo davanti a rassicuranti parole delle istituzioni ma tutto dovrà essere confermato nei fatti. Lo ribadiremo nell’udizione prevista dalle 13 proprio domani in Consiglio Regionale e che avrà come tema centrale il futuro degli operatori della sanità accreditata».

Articoli correlati
Ottobre rosa nel Lazio, Lena (Pd): «Ampliare fascia età screening gratuito tutto l’anno» Presentata proposta all’ass
«Attualmente nella nostra Regione, lo screening gratuito è riservato, nel corso dell’anno, alle donne tra i 50 e i 69 anni. Durante “L’ottobre rosa”, invece, come in questo periodo, tale fascia si amplia fino a comprendere le donne dai 45 ai 74 anni» spiega il presidente della commissione Sanità del Lazio, Rodolfo Lena
PNRR e Case della comunità: la sanità privata non le vuole
Vietti (ACOP): «Le case e gli ospedali di comunità, senza un’adeguata programmazione degli investimenti, rischiano di diventare delle cattedrali nel deserto. Per rinforzare l’assistenza territoriale meglio investire sulle strutture sanitarie (private-convenzionate) già esistenti»
AIOP e le associazioni della sanità privata: «Sì ai nuovi Lea, no al Tariffario»
Aiop, Aris, Andiar, Ansoc, Federanisap, Federbiologi, FederLab, Sbv, Snr, Cic, Sicop ribadiscono la loro contrarietà al nuovo Tariffario dell’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, che prevede riduzioni fino all’80%
Sanità, AIOP e le altre associazioni della sanità privata: «Conferenza delle Regioni non approvi nuovo tariffario»
Nella nota firmata da AIOP, ARIS, ANDIAR, ANSOC, FEDERANISAP, FEDERBIOLOGI, FEDERLAB, SBV, SNR, CIC, SICOP si sottolinea che «il nuovo Tariffario di specialistica ambulatoriale aumenta le liste d’attesa e non consente di garantire prestazioni di qualità»
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa