Voci della Sanità 25 Maggio 2020 09:45

RSA, l’interrogazione di Bologna (Gruppo Misto): «Rete residenze assistenziali vecchia e fragile, ora rivedere standard»

Il medico e deputato del Gruppo Misto chiede al Ministro Speranza un percorso che porti le RSA ad entrare in una articolazione della rete territoriale che risponda alle nuove esigenze di residenzialità: «Occorre un percorso che porti le RSA ad entrare in una articolazione della rete territoriale che risponda alle nuove esigenze di residenzialità»

«Ho presentato una Interrogazione al Ministero della Salute chiedendo quali iniziative intendesse intraprendere, nel rispetto delle competenze territoriali in materia, per sollecitare i sistemi di Welfare regionali ad avviare un percorso che porti le RSA ad entrare in una articolazione della rete territoriale che risponda alle nuove esigenze di residenzialità, alle nuove competenze e alla necessità di un coordinamento con il sistema per garantire di adattarsi ai bisogni dei cittadini nella assistenza ordinaria e nell’emergenza secondo standard di qualità e di efficienza uniformi su tutto il territorio nazionale». Così in una nota Fabiola Bologna, Deputata del Gruppo Misto, componente della Commissione Affari Sociali.

«L’emergenza coronavirus ha portato alla luce la fragilità della organizzazione della rete assistenziale territoriale in particolare rispetto al numero di vittime da coronavirus ospiti delle residenze sanitarie assistenziali (RSA) a partire dalla Lombardia che è stata la più colpita» è la premessa della Bologna.

«Le Rsa – continua – hanno pagato un prezzo alto perché la rete territoriale non era organizzata per affrontare l’emergenza. Ora abbiamo l’occasione per una rivalutazione della situazione. L’invecchiamento della popolazione, la modifica della tipologia delle famiglie, il calo lento ma inesorabile dei caregiver familiari e la marginalità degli aiuti domiciliari devono farci riflettere ora. La salute e il benessere per le persone è legato anche all’ambiente che le circonda e una revisione dei requisiti strutturali per le RSA sono necessari per garantire una vita comunitaria dignitosa ma anche per assicurare una assistenza che ormai è sempre più multidimensionale sanitaria, geriatrica e sociale».

«Le RSA devono garantire flessibilità nelle proposte: aiuti domiciliari, di varia tipologia e intensità, centri diurni, sostegni ai familiari, supporti al lavoro privato di cura, quello svolto dalle badanti, proposte per l’invecchiamento attivo. Ma per questo occorre cambiare radicalmente anche il sistema di organizzazione e finanziamento ingessato e vecchio di oltre vent’anni, che ha reso sempre più precaria la qualità delle cure, ha incentivato poco la formazione professionale e la valorizzazione delle competenze e non ha permesso l’apertura delle residenze verso il contesto che le circonda e verso la domanda legata ai nuovi bisogni dell’anziano».

«Il Ministero si è impegnato a fornire il necessario supporto a favore delle regioni e la conseguente attività di vigilanza, per garantire che il nuovo modello di assistenza territoriale sia attuato, in modo uniforme sul territorio nazionale, mediante i piani regionali, che garantiscano la piena soddisfazione dei bisogni sanitari e la completa presa in carico dei pazienti. La diversificazione nella tipologia di offerta residenziale impone una riorganizzazione territoriale in rete e condivisa, capace di valutare attentamente i singoli casi e di indirizzarli verso la soluzione più coerente. Spero che con il supporto del Ministero della Salute e del Governo si possa scrivere una nuova pagina di questa Storia».

Articoli correlati
Le linee guida per tornare a visitare i parenti nelle Rsa, Federanziani: «Attenzione anche all’aspetto psicologico»
Green Pass e misure di sicurezza per riaprire le Rsa: «Per gli anziani il lockdown non è mai finito»
Vaccinazioni, Bologna (PP): «Ho chiesto a Speranza di istituire un tavolo di lavoro con tutte le professioni coinvolte»
«La campagna vaccinale per contrastare il Covid-19 sta accelerando, le regioni cercano di raggiungere gli obiettivi programmati e i numeri in assoluto sono in miglioramento. Questa crescita la dobbiamo senza dubbio al modello organizzativo unitario nazionale che sta funzionando nell’ambito degli hub vaccinali e degli ospedali grazie alla collaborazione di medici e infermieri che gestiscono […]
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Covid, nelle RSA primi effetti del vaccino: in calo incidenza e decessi
Lo dimostra la seconda edizione del report di sorveglianza sulle strutture realizzato dall’Iss in collaborazione con il Ministero della Salute, il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale e l’ARS Toscana
Malattie rare, Bologna (PP): «Testo unico in aula il 29 marzo. Priorità a questi malati per le vaccinazioni»
«Il Testo fornisce una cornice normativa completa per rendere uniforme il trattamento delle malattie rare su tutto il territorio italiano e per l’avanzamento della ricerca nel campo delle malattie rare», spiega Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco