OMCeO, Enti e Territori 30 ottobre 2017

Roma, Policlinico Universitario Campus Bio-Medico: Zingaretti inaugura la nuova Terapia intensiva

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Felice Barela, insieme ai vertici dell’ateneo, hanno inaugurato oggi la nuova Terapia Intensiva. Un rapporto sempre più stretto con il sistema sanitario regionale. Una presenza sempre più forte nelle reti sanitarie: con questi risultati il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha […]

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Felice Barela, insieme ai vertici dell’ateneo, hanno inaugurato oggi la nuova Terapia Intensiva.

Un rapporto sempre più stretto con il sistema sanitario regionale. Una presenza sempre più forte nelle reti sanitarie: con questi risultati il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha accolto il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha visitato la struttura di Trigoria inaugurando la nuova Terapia intensiva.

Alla visita erano presenti, tra gli altri, il responsabile della Cabina di Regia della Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, il Direttore generale della Salute Vincenzo Panella, il Direttore generale della ASL RM2 Flori Degrassi oltre ai vertici dell’Università e del Policlinico Campus Bio-Medico.

I posti letto di Terapia intensiva disponibili al Policlinico passano dunque da 9 a 16. La nuova sala, situata al primo piano del Policlinico e attrezzata grazie al significativo contributo della Fondazione Roma, offre a pazienti e operatori i più elevati standard tecnologici e di sicurezza e si caratterizza per la massima flessibilità nell’utilizzo degli spazi.

«La nuova Terapia intensiva è un risultato importante per il nostro Policlinico e consente di incrementare l’alta complessità – ha dichiarato Felice Barela, Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Ringrazio la Regione Lazio e la Fondazione Roma: quest’ultima ha dato un contributo essenziale all’apertura della nuova sala sostenendo l’acquisto delle apparecchiature presenti».

«Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, che da sempre fa della ricerca uno dei suoi punti di forza – ha aggiunto Barela – è una realtà sempre di più integrata nel territorio, aumentando la sua capacità di accogliere i pazienti. Siamo attivi nelle reti sanitarie regionali con numerose specialità e stiamo crescendo ancora. Nel futuro vediamo un Policlinico sempre più connesso al sistema sanitario regionale, sempre più presente nella vita dei cittadini, con nuovi servizi che puntiamo ad aprire nel prossimo futuro, come il pronto soccorso».

E in chiusura di “Ottobre rosa”, mese della prevenzione del tumore al seno, il Presidente della Regione Lazio ha inoltre scoperto una targa presso l’ingresso della Breast Unit regionale.

IL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO IN CIFRE

Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico eroga prestazioni in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e privatamente. Dispone di 27 aree specialistiche e 12 sale operatorie ed ospita 322 posti letto autorizzati (di cui 286 a contratto con SSN) in camere singole e doppie. Nel 2017 il Policlinico ha ricevuto il rinnovo dell’accreditamento presso la JCI-Joint Commission International (23 le strutture sanitarie riconosciute in Italia) soddisfacendo oltre 300 standard di qualità e sicurezza riconosciuti a livello mondiale. All’interno del Policlinico si svolge attività sanitaria, didattica e di ricerca, con gli studenti e gli specializzandi dei corsi di laurea di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Tecniche di Radiologia. La struttura si trova al confine con la Riserva Naturale di Decima Malafede, polmone verde alle porte di Roma.

I numeri:

–           13.536 ricoveri ordinari totali;

–           20.000 accessi al Day Hospital SSN l’anno;

–           Oltre 1 milione di prestazioni ambulatoriali l’anno;

LA NUOVA TERAPIA INTENSIVA PASSA DA 9 A 16 POSTI LETTO: la nuova terapia intensiva passa da 9 a 16 posti letto e garantisce i più elevati standard tecnologici e di sicurezza per chi riceve le cure e per gli operatori sanitari. La nuova sala si caratterizza per la presenza di:

–           Un unico spazio aperto con 7 posti letto più 1 di isolamento (per pazienti infettivi o immunodepressi) dotato di ventilatori meccanici di ultima generazione, pompe infusionali “smart”, letti altamente performanti e il nuovo sollevatore del paziente a soffitto per una migliore routine di gestione assistenziale;

–           Massima flessibilità nell’utilizzo degli spazi per ogni esigenza di cura;

–           Tecnologie “Paper less”: i macchinari “si scambiano” tra loro i dati del paziente, assicurando un’informazione puntuale sulle condizioni di salute, garantendo minore produzione di carta e restituendo agli operatori più tempo da dedicare direttamente al paziente;

–           Monitor multiparametrici per analizzare in tempo reale le condizioni vitali del paziente;

–           Centro di controllo unico per il monitoraggio dati e video dei pazienti anche di notte;

–           Predisposizione per comunicazione video via tablet tra pazienti e familiari all’esterno;

LA BREAST UNIT REGIONALE CONTRO IL TUMORE AL SENO

Con oltre 50mila nuovi casi in Italia nel 2016 (fonte: Associazione Italiana dei Registri Tumori) il tumore al seno è ancora la prima causa di morte tra le donne. La Breast Unit del Policlinico Campus Bio-Medico è uno dei 15 centri di Senologia individuati dalla Regione Lazio e inseriti nel decreto del febbraio 2015 che definiva i requisiti qualitativi e quantitativi di una Breast Unit.

La Breast Unit tratta 250 casi in un anno, con numeri in crescita. È un centro di diagnosi e cura in grado di garantire un approccio integrato al tumore al seno, con il supporto di un team di professionisti dedicati in strutture tecnologicamente avanzate. Qui si garantiscono integrazione, tempestività e appropriatezza delle cure e si offrono percorsi personalizzati di diagnosi e trattamento per ogni singolo paziente.

Inoltre, dal 2009 è attivo l’Ambulatorio Open, senza necessità di prenotazione, che nasce dalla collaborazione con i medici di famiglia e rappresenta un modello di interazione con la medicina di territorio. L’ambulatorio garantisce una diagnosi in 48 ore alle donne con sospetta sintomatologia di tumore al seno.

 

Articoli correlati
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
Latina, attivati i controlli per i casi di West Nile sui cavalli
Il virus della febbre del Nilo si trasmette di animale in animale principalmente tramite le zanzare. «In merito ai casi di West Nile a Cisterna di Latina riscontrati su tre cavalli sono immediatamente scattate le procedure del protocollo indicato dal Piano nazionale integrato di sorveglianza. La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla Asl […]
Monza, grave un 29enne ricoverato per polmonite da legionella
Un ragazzo di 29 anni, di Brescia, è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva del San Gerardo di Monza per polmonite da legionella.  Si era presentato al Pronto Soccorso con i sintomi classici della patologia ed è stato poi trasfeito a Monza per il corretto trattamento della patologia. Le sue condizioni sono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...