Voci della Sanità 30 Ottobre 2017

Roma, Policlinico Universitario Campus Bio-Medico: Zingaretti inaugura la nuova Terapia intensiva

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Felice Barela, insieme ai vertici dell’ateneo, hanno inaugurato oggi la nuova Terapia Intensiva. Un rapporto sempre più stretto con il sistema sanitario regionale. Una presenza sempre più forte nelle reti sanitarie: con questi risultati il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha […]

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma Felice Barela, insieme ai vertici dell’ateneo, hanno inaugurato oggi la nuova Terapia Intensiva.

Un rapporto sempre più stretto con il sistema sanitario regionale. Una presenza sempre più forte nelle reti sanitarie: con questi risultati il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha accolto il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ha visitato la struttura di Trigoria inaugurando la nuova Terapia intensiva.

Alla visita erano presenti, tra gli altri, il responsabile della Cabina di Regia della Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, il Direttore generale della Salute Vincenzo Panella, il Direttore generale della ASL RM2 Flori Degrassi oltre ai vertici dell’Università e del Policlinico Campus Bio-Medico.

I posti letto di Terapia intensiva disponibili al Policlinico passano dunque da 9 a 16. La nuova sala, situata al primo piano del Policlinico e attrezzata grazie al significativo contributo della Fondazione Roma, offre a pazienti e operatori i più elevati standard tecnologici e di sicurezza e si caratterizza per la massima flessibilità nell’utilizzo degli spazi.

«La nuova Terapia intensiva è un risultato importante per il nostro Policlinico e consente di incrementare l’alta complessità – ha dichiarato Felice Barela, Presidente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Ringrazio la Regione Lazio e la Fondazione Roma: quest’ultima ha dato un contributo essenziale all’apertura della nuova sala sostenendo l’acquisto delle apparecchiature presenti».

«Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, che da sempre fa della ricerca uno dei suoi punti di forza – ha aggiunto Barela – è una realtà sempre di più integrata nel territorio, aumentando la sua capacità di accogliere i pazienti. Siamo attivi nelle reti sanitarie regionali con numerose specialità e stiamo crescendo ancora. Nel futuro vediamo un Policlinico sempre più connesso al sistema sanitario regionale, sempre più presente nella vita dei cittadini, con nuovi servizi che puntiamo ad aprire nel prossimo futuro, come il pronto soccorso».

E in chiusura di “Ottobre rosa”, mese della prevenzione del tumore al seno, il Presidente della Regione Lazio ha inoltre scoperto una targa presso l’ingresso della Breast Unit regionale.

IL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO IN CIFRE

Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico eroga prestazioni in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e privatamente. Dispone di 27 aree specialistiche e 12 sale operatorie ed ospita 322 posti letto autorizzati (di cui 286 a contratto con SSN) in camere singole e doppie. Nel 2017 il Policlinico ha ricevuto il rinnovo dell’accreditamento presso la JCI-Joint Commission International (23 le strutture sanitarie riconosciute in Italia) soddisfacendo oltre 300 standard di qualità e sicurezza riconosciuti a livello mondiale. All’interno del Policlinico si svolge attività sanitaria, didattica e di ricerca, con gli studenti e gli specializzandi dei corsi di laurea di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Tecniche di Radiologia. La struttura si trova al confine con la Riserva Naturale di Decima Malafede, polmone verde alle porte di Roma.

I numeri:

–           13.536 ricoveri ordinari totali;

–           20.000 accessi al Day Hospital SSN l’anno;

–           Oltre 1 milione di prestazioni ambulatoriali l’anno;

LA NUOVA TERAPIA INTENSIVA PASSA DA 9 A 16 POSTI LETTO: la nuova terapia intensiva passa da 9 a 16 posti letto e garantisce i più elevati standard tecnologici e di sicurezza per chi riceve le cure e per gli operatori sanitari. La nuova sala si caratterizza per la presenza di:

–           Un unico spazio aperto con 7 posti letto più 1 di isolamento (per pazienti infettivi o immunodepressi) dotato di ventilatori meccanici di ultima generazione, pompe infusionali “smart”, letti altamente performanti e il nuovo sollevatore del paziente a soffitto per una migliore routine di gestione assistenziale;

–           Massima flessibilità nell’utilizzo degli spazi per ogni esigenza di cura;

–           Tecnologie “Paper less”: i macchinari “si scambiano” tra loro i dati del paziente, assicurando un’informazione puntuale sulle condizioni di salute, garantendo minore produzione di carta e restituendo agli operatori più tempo da dedicare direttamente al paziente;

–           Monitor multiparametrici per analizzare in tempo reale le condizioni vitali del paziente;

–           Centro di controllo unico per il monitoraggio dati e video dei pazienti anche di notte;

–           Predisposizione per comunicazione video via tablet tra pazienti e familiari all’esterno;

LA BREAST UNIT REGIONALE CONTRO IL TUMORE AL SENO

Con oltre 50mila nuovi casi in Italia nel 2016 (fonte: Associazione Italiana dei Registri Tumori) il tumore al seno è ancora la prima causa di morte tra le donne. La Breast Unit del Policlinico Campus Bio-Medico è uno dei 15 centri di Senologia individuati dalla Regione Lazio e inseriti nel decreto del febbraio 2015 che definiva i requisiti qualitativi e quantitativi di una Breast Unit.

La Breast Unit tratta 250 casi in un anno, con numeri in crescita. È un centro di diagnosi e cura in grado di garantire un approccio integrato al tumore al seno, con il supporto di un team di professionisti dedicati in strutture tecnologicamente avanzate. Qui si garantiscono integrazione, tempestività e appropriatezza delle cure e si offrono percorsi personalizzati di diagnosi e trattamento per ogni singolo paziente.

Inoltre, dal 2009 è attivo l’Ambulatorio Open, senza necessità di prenotazione, che nasce dalla collaborazione con i medici di famiglia e rappresenta un modello di interazione con la medicina di territorio. L’ambulatorio garantisce una diagnosi in 48 ore alle donne con sospetta sintomatologia di tumore al seno.

 

Articoli correlati
“Su la maschera, giù i contagi”. La campagna di sensibilizzazione con gli attori di Skam Italia
Parte "MaskLazio", la campagna della Regione Lazio per sensibilizzare i giovanissimi all'utilizzo della mascherina. Zingaretti: «L’aiuto di tutti noi in questo momento è vitale»
Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale
Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»
San Raffaele, UGL: «Regione Lazio giochi a carte scoperte, servono risposte chiare per i lavoratori»
I sindacalisti contestano la nota della Regione Lazio sulle Rsa: «No a esternalizzazioni e a eventuali ricollocazioni. Così pagano solo i lavoratori»
Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione
Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...