OMCeO, Enti e Territori 24 Maggio 2019

«Ripartire dalla dignità dell’uomo». Incontro tra Antonio Monda (Osservatore Romano) e Toti Amato (OMCeO Palermo)

Umanizzazione delle cure, aziendalizzazione dei servizi sanitari, solidarietà,  ambiente e ruolo dei medici. Su questi temi, il direttore responsabile de L’Osservatore Romano Andrea Monda e il presidente dei medici siciliani Toti Amato, accompagnato dall’addetto alla comunicazione della testata Maria Teresa Simeoni, si sono incontrati a Roma negli uffici della redazione del quotidiano per diffondere impegni […]

Umanizzazione delle cure, aziendalizzazione dei servizi sanitari, solidarietà,  ambiente e ruolo dei medici. Su questi temi, il direttore responsabile de L’Osservatore Romano Andrea Monda e il presidente dei medici siciliani Toti Amato, accompagnato dall’addetto alla comunicazione della testata Maria Teresa Simeoni, si sono incontrati a Roma negli uffici della redazione del quotidiano per diffondere impegni condivisi nel segno della centralità della “persona”.

«È tempo di correggere le storture di un’aziendalizzazione ospedaliera sempre più marcatamente orientata al risparmio della spesa sanitaria – ha detto Amato – e ripartire dalla dignità dall’uomo e dalle sue specificità fisiche psicologiche, relazionali e multiculturali. Questo è possibile solo attraverso un percorso di vera umanizzazione che vada oltre l’ambito sanitario e di cura, ma dove i medici sono le prime sentinelle in grado di educare e modificare molti approcci, dalla semplificazione della relazione con il cittadino-paziente e il recupero di qualità e fiducia ormai perduti, alla qualità del processo assistenziale perché sia più confortevole e sempre indirizzato al rispetto della dignità della persona. Dignità e solidarietà sono le parole chiave per correggere ciò che è stato smantellato per troppo tempo».

«L’Ordine dei medici di Palermo – ha spiegato il presidente – è impegnato da anni nella raccolta di fondi per sostenere progetti di solidarietà. Grazie all’aiuto delle Suore Francescane Missionarie del Cuore Immacolato di Maria, presenti in Guinea Bissau da più di quarant’anni, è stato possibile costruire un piccolo ospedale nel villaggio di Nhacra, in piena foresta, attrezzandolo di tutte le apparecchiature e materiali sanitari necessari per un primo soccorso. Diffonderne le ragioni e i risultati ottenuti, in termini di vite salvate e curate grazie a un piccolo presidio, può essere da sprone per altri enti o semplici cittadini».

«Quando si parla di salute globale, un vero cambio di passo si può misurare però solo con il coinvolgimento di tutti – ha sottolineato il presidente dell’Omceo Palermo – Nessuno è escluso dall’appello dell’Enciclica sull’ambiente ‘Laudato si’ in cui Papa Francesco chiede una ‘conversione ecologica’. Siamo tutti responsabili e responsabilizzati: istituzioni, cittadini del mondo e media. Primi fra tutti i medici, che con grande partecipazione e contributi scientifici hanno di recente lanciato un grande allarme in occasione della Conferenza mondiale sulla Dieta mediterranea che si è svolta di recente a Palermo. Gli esperti di circa 90 Paesi hanno individuato nella dieta mediterranea il vero pilastro di salute per l’uomo e il pianeta, come l’unica strada percorribile per uscire dalla deriva di un ambiente malato.

«Su questo tema della sensibilizzazione alla conversione ecologica l’Osservatore Romano farà la sua parte», ha sostenuto il direttore Andrea Monda.

«Come Primo vicepresidente della Conferenza degli Ordini dei medici dell’Euro mediterraneo – continua Amato – l’impegno sul tema oggi è consolidare l’approccio scientifico della Conferenza mondiale come forum permanente tra i Paesi del Mediterraneo, culturalmente diversi ma uniti dal grande patrimonio della Dieta mediterranea, potenziando la rete degli Omceo dell’area attraverso il Comem».

Articoli correlati
Sicilia: Regione e Omceo firmano il protocollo per formare dipendenti pubblici, è il primo in italia
Hanno siglato l'intesa l'assessore regionale all'Istruzione e Formazione Roberto Lagalla e il presidente dei medici Toti Amato
«Non siamo un bancomat». Toti Amato (OMCeO Palermo) contro contenziosi temerari: «Premiare chi fa aggiornamento ECM»
Nuovo appuntamento degli Stati Generali FNOMCeO il 4 e 5 luglio. Ai microfoni di Sanità Informazione, Toti Amato, presidente Omceo Palermo e membro del Comitato Centrale FNOMCeO fa il punto della situazione e risponde agli attacchi contro i camici bianchi che arrivano dalle associazioni dei pazienti: «Con FNOMCeO siamo al lavoro per rafforzare il rapporto medico-paziente anche attraverso incentivi per chi adempie all’aggiornamento professionale, una garanzia per i cittadini»
Regionalismo differenziato, Amato (OMCeO Palermo): «Così com’è cittadini del sud non avranno benefici»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo non nasconde i dubbi e le preoccupazioni per il provvedimento portato avanti dal governo. Fnomceo chiede ‘Piano Marshall’ per colmare le disuguaglianze di salute
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Aggressioni ai medici, Amato (OMCeO Palermo): «Gli operatori sanitari temono ritorsioni da parte dei superiori»
Nel presentare l’iniziativa del suo Ordine per raccogliere dati e studiare il fenomeno, il Presidente dichiara: «In caso di aggressione il medico responsabile della sicurezza dovrebbe denunciare il proprio datore di lavoro, ma chi è disposto a farlo?»
Aggressioni ai medici, la proposta di Toti Amato (OMCeO Palermo): «Serve un Daspo come negli stadi. Stop gratuità Ssn per i violenti»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo rilancia dopo la grande manifestazione di sabato in Piazza Politeama: «Non è giusto che tutti dobbiamo pagare per colpa di chi rompe o fa male a un medico o danneggia una struttura». Poi aggiunge: «Istituzioni agiscano prima che ci scappi il morto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone