Voci della Sanità 17 Febbraio 2021 13:00

Plasma iperimmune, Comitato cure domiciliari: «Terapia non fruibile, diffida al Centro Nazionale Sangue e alle Regioni»

Il Comitato pertanto, invita e diffida il Centro Nazionale Sangue «a sollecitare le opportune sedi territoriali, affinché procedano ad una raccolta capillare del plasma iperimmune di tutti i guariti dal Covid delle singole regioni» si legge nel documento presentato dal Presidente Erich Grimaldi

Una diffida volta ad effettuare il prelievo del plasma iperimmune, la sua conservazione, nonché distribuzione ed utilizzo tempestivo nei reparti di degenza Covid degli ospedali, con contestuale invito ad adempiere. È l’ultima iniziativa indirizzata alle regioni e al Centro Nazionale Sangue del “Comitato per il diritto alla cura tempestiva domiciliare nell’epidemia di Covid-19”, presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi.

«L’utilizzo tempestivo del plasma iperimmune, negli ospedali di Mantova e Pavia, dimostrava di avere un ruolo fondamentale, nella riduzione del rischio di trasferimento in terapia intensiva, favorendo la sopravvivenza e la minore durata della degenza dei pazienti affetti da Covid-19» è la premessa che si legge nell’atto in cui il Comitato sottolinea di aver ricevuto «diverse segnalazioni, sia di pazienti guariti, che non riuscivano a donare il plasma nella propria regione, in assenza di adeguati centri di raccolta e/o di informazioni, sia di familiari che non riuscivano a reperire sacche presso i centri trasfusionali della propria regione ovvero di ospedali covid che, benché sollecitati, non adottavano, tempestivamente, la predetta terapia».

Il Comitato riporta poi quanto segnalato dal dott. Massimo Franchini, Direttore del SIMT Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale di Mantova che «comunicava che centinaia di pazienti, di altre regioni italiane, si rivolgevano direttamente all’ospedale di Mantova, onde poter ottenere delle sacche di plasma iperimmune, non reperibili altrove, per poterle somministrare, a familiari affetti da Covid e ricoverati in diversi ospedali della penisola».

Da qui, le richieste del Comitato: «Il Comitato, dunque, ritiene opportuno valorizzare il grande lavoro già svolto, in questi mesi, dai centri trasfusionali territoriali, con il prezioso contributo dei donatori, convogliando tutte le energie verso un obiettivo comune ovvero quello di raccogliere, conservare e distribuire il plasma in tempi rapidi, attesa le problematiche che potrebbero discendere dalle circoscritte tempistiche afferenti l’espletamento di tali operazioni».

Il comitato sollecita inoltre un coordinamento delle attività di conservazione e distribuzione del plasma, da parte dei centri trasfusionali regionali, operanti su tutto il territorio nazionale. «Un coordinamento ed una sinergia, tra le attività dei centri trasfusionali regionali e le strutture riceventi, invero, consentirebbe di somministrare il plasma ad una sempre crescente platea di pazienti, con innegabili benefici sull’andamento dell’emergenza sanitaria ancora in atto, senza far decorrere, vanamente, i tempi tecnici previsti per una tempestiva raccolta».

Il Comitato, altresì, ritiene necessario, che gli enti regionali sensibilizzino i nosocomi territoriali affinché utilizzino, senza indugio, il plasma iperimmune, con effetto immediato e, comunque, entro i primi 3/4 giorni dal ricovero nei reparti di degenza, come affermato da uno studio argentino pubblicato dal New England Journal of Medicine.

Il Comitato pertanto, invita e diffida il Centro Nazionale Sangue «a sollecitare le opportune sedi territoriali, affinché procedano ad una raccolta capillare del plasma iperimmune di tutti i guariti dal covid delle singole regioni, nei tempi utili, attraverso un’adeguata informazione e sensibilizzazione, onde rendere la terapia fruibile, in maniera più rapida ed efficiente, su tutto il territorio nazionale» e le regioni e province autonome con i rispettivi assessorati alla Sanità «a sollecitare i nosocomi e le aziende sanitarie locali affinché utilizzino, senza indugio, il plasma iperimmune, con effetto immediato e, comunque, entro i primi 3/4gg dal ricovero dei pazienti nei reparti di degenza»

Il Comitato è pronto a «denunciare eventuali inadempienze alle Autorità giudiziarie competenti, al fine di garantire la tutela del diritto alla salute dei cittadini italiani e vi riterrà responsabili di ritardi ed omissioni, che possano compromettere la stessa, con aggravamento dei pazienti che non riceveranno tempestiva terapia con plasma iperimmune, con riserva di ogni opportuna azione».

 

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Situazione in miglioramento». Da lunedì solo Valle d’Aosta in zona arancione
«La mappa dell'Ue si sta schiarendo, si vedono spot gialli anche in Europa, compresa l'Italia. Segnale positivo che viene confermato anche dalle curve in tutti i Paesi dove sono stabili o in decrescita»
«Il burnout tra gli anestesisti rianimatori»
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione, già primario dei servizi di Anestesia e Rianimazione Ospedali di Lugo e Faenza
di Claudio Melloni, specialista in anestesia e rianimazione
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...