Voci della Sanità 18 Febbraio 2020

Pazienti rari in cerca d’autore: Vanessa Scalera con Linfa nella lotta contro le neurofibromatosi

Per la Giornata delle Malattie Rare, sabato 22 febbraio l’attrice Vanessa Scalera incontra al MUSME, il Museo della Medicina di Padova, i pazienti affetti dalle varie forme di neurofibromatosi, i loro cari, i medici e gli scienziati che lavorano senza sosta alla ricerca di terapie efficaci. L’incontro, unico nel suo genere, si chiama Pazienti rari […]

Per la Giornata delle Malattie Rare, sabato 22 febbraio l’attrice Vanessa Scalera incontra al MUSME, il Museo della Medicina di Padova, i pazienti affetti dalle varie forme di neurofibromatosi, i loro cari, i medici e gli scienziati che lavorano senza sosta alla ricerca di terapie efficaci.

L’incontro, unico nel suo genere, si chiama Pazienti rari in cerca d’autore ed è stato fortemente voluto dall’associazione Linfa (Lottiamo Insieme contro le Neurofibromatosi). “Il termine malattie rare tende a confondere e a ridurre l’attenzione – spiega infatti la dott.ssa Federica Chiara, ricercatrice universitaria e presidente di Linfa – si tratta di migliaia di patologie diverse, ma prese tutte insieme interessano milioni di persone solo in Italia. C’è quindi bisogno di una grande attenzione dell’opinione pubblica verso questi pazienti, che si sentono abbandonati. Per questo tutti i pazienti rari, fra cui quelli affetti da neurofibromatosi, sono in cerca d’autore, ossia hanno bisogno di essere messi in scena, sul palco dell’interesse di tutta la comunità. E per questo abbiamo pensato di far parlare per una volta il mondo dei pazienti e di chi si prende cura di loro, con quello dello spettacolo”.

Le neurofibromatosi sono sindromi genetiche, caratterizzate da un elevato rischio di sviluppare tumori oltre che problemi vascolari, ossei e cognitivi. Vanessa Scalera, nota al pubblico televisivo per la sua interpretazione della procuratrice Imma Tataranni, ha deciso di abbracciare con slancio e generosità la battaglia di Linfa, volendo entrare personalmente in contatto con la realtà di vita delle persone affette dalle neurofibromatosi per farla conoscere e per promuoverne i progetti.

L’obbiettivo dell’evento è quindi quello di creare un corto circuito fra i mondi dell’arte, della scienza e dei pazienti con neurofibromatosi: conoscersi, coNFrontarsi ed iNFormarsi sono dunque le parole d’ordine di questo particolare appuntamento, per far scaturire una nuova sensibilità ed attenzione verso i pazienti rari. Vanessa, con il suo viso, la sua sensibilità e la sua personalità energica è pronta a fianco di Linfa perché chi lotta contro le neurofibromatosi non si senta più solo.

L’ Associazione Linfa è dal 1993 in prima linea per aiutare le persone affette dalle neurofibromatosi e le loro famiglie fornendo indicazioni cliniche, identificando e proponendo sistemi di intervento assistenziale ed umano sempre più efficaci e sensibilizzando l’intera comunità attraverso campagne d’informazione. Al fine di migliorare il benessere delle persone affette da neurofibromatosi e dare speranza alle famiglie, Linfa sostiene progetti di ricerca volti alla identificazione di farmaci efficaci per la cura dei tumori, lavora per favorire reti scientifiche internazionali, finanzia il sostegno logopedico e psicologico sia dei piccoli pazienti che dei genitori.

Pazienti rari in cerca d’autore si svolgerà sabato 22 febbraio, a partire dalle 14.30 al Centro Congressi del MUSME di Padova, in via San Francesco 94.

Programma

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
I vincitori della settima edizione del Premio OMaR
Sette i riconoscimenti concessi per il Premio OMaR. Ciancaleoni Bartoli, direttore Omar: «Fondamentale notizie siano accurate»
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Bambino Gesù, scoperta nuova malattia rara che ha colpito 7 bambini nel mondo. Intervista al dottor Tartaglia
Con il dottor Tartaglia (Bambino Gesù) parliamo della scoperta fatta grazie al gene MAPK1. Era l'ultimo a non essere associato a una malattia genetica. Due dei sette bambini colpiti nel mondo sono italiani
Lo screening neonatale per la SMA ha cambiato la vita di sei bambini
I risultati del progetto nel Lazio e in Toscana. Il genetista: «Diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica permette alla maggior parte dei bambini di compiere tutte le tappe motorie»
di Isabella Faggiano
Emofilia: che cos’è, i sintomi, le terapie e tutti i numeri. Intervista all’esperta
La responsabile del Centro Emofilia di Cesena: «Non abbiamo ancora una cura definitiva. Le novità più interessanti arrivano dalle terapie che determinano un equilibrio coagulativo e possono essere somministrate a livello sottocutaneo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...