OMCeO, Enti e Territori 23 Maggio 2018

Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria

È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]

È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore.

Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI che vedrà coinvolti numerosi ed importanti partner istituzionali come Guardia Costiera, CISOM Corpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta, Protezione Civile, 118 e Croce Rossa Italiana. Anche quest’anno, è stata scelta come location l’isola siciliana di Lampedusa, nota purtroppo come teatro di drammi umanitari e imponenti sfide socio-sanitarie, proprio per sottolineare l’importanza dell’umanizzazione delle cure in medicina.

«Il SIAARTI Academy CREM – dichiara il Dottor Antonio Corcione, Presidente SIAARTI e Direttore UOC Anestesia e TIPO AO Dei Colli, Ospedale Monaldi di Napoli – rappresenta il primo progetto europeo di formazione su larga scala che, tramite l’ausilio di moderne tecnologie di simulazione ad alta fedeltà, postazioni pratiche e lezioni frontali, stimolerà la crescita professionale delle nuove generazioni di anestesisti-rianimatori, consentendo loro di acquisire quelle competenze specifiche necessarie per operare nell’ambito delle maxi-emergenze e catastrofi».

Nel corso della settimana, gli specializzandi potranno mettersi alla prova con ben 22 workstation pensate per simulare differenti situazioni di emergenza. Per aumentare il realismo delle situazioni di emergenza, giovedì 24 maggio si terrà una maxi-simulazione in esterna: i medici metteranno in campo le competenze acquisite durante la settimana, simulando un’emergenza nei ruoli di vittime, sanitari e osservatori.

«È stato recentemente specificato dalla normativa europea – sostiene il Dottor Maurizio Menarini, Responsabile sezione Emergenza SIAARTI – come l’anestesista-rianimatore abbia competenze avanzate tali da renderlo leader nella gestione della Critical Emergency Medicine (CREM), per fronteggiare crisi cliniche e organizzare la migliore risposta sanitaria grazie alle stesse tecniche adottate nel mondo aeronautico (Crisis Resource Management), tecniche efficaci proprio per ridurre al minimo l’errore umano e massimizzare lo sviluppo di competenze specialistiche, tecniche, non tecniche, organizzative e umane».

«Durante l’Academy – continua il Professor Raffaele De Gaudio, Presidente del Collegio dei Professori di Anestesia e Rianimazione – i giovani specialisti avranno la possibilità di approfondire e discutere con i maggiori esperti nazionali gli argomenti sviluppati e acquisiti nei cinque anni del percorso di specializzazione  nell’ambito della medicina delle catastrofi e delle maxi-emergenze, praticando in ambiente ostile la rianimazione cardio-polmonare avanzata, la gestione delle vie aeree, la gestione dell’annegato, del traumatizzato, le emergenze durante il parto».

In una disciplina ad alto impatto tecnologico come l’anestesia e la rianimazione, è fondamentale considerare anche gli aspetti etici e relazionali perché spesso si affrontano pazienti e situazioni in cui, in pochi secondi, il medico è tenuto a decidere per il soggetto, soprattutto se non in grado di intendere e volere.

Questo format innovativo, che nel 2017 ha ricevuto diversi riconoscimenti a livello europeo come il Best Event Award nella sezione education, i premi giuria e pubblico di Federcongressi e IAPCO Award, evidenzia l’importanza di un modello di co-gestione tra strutture militari, civili e sanitarie in situazioni di emergenza o di crisi. Il progetto rappresenta per questi futuri specialisti, riuniti nel progetto Proxima di SIAARTI, un’occasione unica per sviluppare competenze tecniche e organizzative, unitamente ad una profonda esperienza umana.

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Emergenza STEN in Campania, FNOPO: «Servizio inadeguato. A rischio sicurezza di neonati e mamme»
«Il Servizio di Trasporto di Emergenza per Neonati (STEN) che di fatto risulta inadeguato - fanno sapere i Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica -. Occorre l’adeguamento a norme già presenti»
Spiagge senza barriere, una giornata a La Girandola Beach. Tutti gli stabilimenti accessibili raccolti in una guida
Ad Anzio le volontarie dell’associazione La Grande Quercia hanno dato vita ad uno stabilimento balneare a misura di disabilità. Tuttavia, strutture così sono mosche bianche in molte regioni italiane: la guida Heyoka ha censito le spiagge attualmente accessibili
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»
«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone