Voci della Sanità 22 Gennaio 2019 16:58

Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»

Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]

Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano in Europa gravi malattie».

Secondo lo studio dell’OMS – basato sull’analisi di oltre 13mila documenti raccolti in 54 paesi – infatti, si tratta di un “falso mito” che non corrisponde alla realtà dei fatti perché la loro situazione sanitaria tende a peggiorare solo dopo essere entrati sul suolo europeo. L’Amsi e l’Umem applaudono a questo minuzioso ed accurato lavoro realizzato dall’OMS che contiene dati e fatti che da tempo le due associazioni affermano in maniera scientifica, chiara ed inequivocabile. Il professor Foad Aodi, presidente e fondatore delle due associazioni e consigliere dell’Omceo Roma in cui coordina l’Area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri, sulla sanità e sull’immigrazione dice: «Sono molto soddisfatto del lavoro dell’OMS che smentisce il “falso mito” degli immigrati come portatori di malattie. Alcuni politicanti hanno spesso strumentalizzato utilizzando il tema della salute e la situazione dei migranti, aumentando pregiudizi e paura nei loro confronti. Noi, sin dal 2000 – continua – con gli ambulatori Amsi aperti a tutti gli stranieri, ribadiamo che gli immigrati non sono assolutamente portatori di malattie dall’estero, ma si ammalano spesso dopo l’arrivo in Europa e in Italia, soprattutto gli irregolari, per motivi economici, abitativi, per lavori pesanti a cui sono costretti a sottoporsi. Molti di loro giungono in Europa già affetti da disturbi come l’ansia e la depressione per il tragico tragitto in mare oltre alle violenze e alle aggressioni operate dagli scafisti. Le richieste più frequenti, infatti, tra i migranti irregolari sono di visite ginecologiche ed ostetriche (frutto di violenze sessuali e conseguenti gravidanze senza controlli medici), visite ortopediche e fisiatriche (causate da lavori pesanti come lavori edili, la raccolta di pomodori in nero), visite pediatriche (il 35% delle circoncisioni sono clandestine e il 15% di esse causano complicanze) visite oculistiche, di otorinolaringoiatria, visite gastroenterologiche (causate dall’ingerenza di cibo freddo, dalla malnutrizione, dallo stress e dal freddo) visite cardiologiche e psichiatriche (ipertensione arteriosa e crisi depressive). Inoltre, c’è stato un aumento del 35% delle richieste di informazioni riguardo l‘assistenza sanitaria dopo il decreto sicurezza, perché emerge la paura di recarsi nelle strutture sanitarie pubbliche a causa della scadenza del permesso di soggiorno».

«Facciamo un appello a tutti gli albi professionali – conclude Aodi – per intensificare l’informazione e a tutti gli immigrati regolari e irregolari di recarsi al #SsnSenzaPaura. Ribadiamo che #Noinondenunciamo gli immigrati irregolari. Diciamo basta ai morti in mare che nel giro di 15 giorni hanno superato le 200 vittime. Secondo i nostri medici locali sono moltissimi quelli che partono e muoiono e di cui non si sa più nulla».

Articoli correlati
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Donne e Tiroide: novità terapeutiche con il myo-inositolo
Intervista del prof. Maurizio Nordio in vista del Congresso congiunto della Società italiana di Fitoterapia e integratori Ostetricia e ginecologia (SIFIOG) e International Society of Dietary Supplements and Phitotherapy (ISDP) che si terrà a Roma il prossimo 10 e 11 giugno presso lo spazio Frentani
Al via il progetto Sud America di Uniti per Unire, Aodi: «Dal Cile buone pratiche e suggerimenti per risolvere patologica carenza di sanitari»
«Il Cile è uno stato di diritto sociale e democratico. È multinazionale, interculturale ed ecologico. Si costituisce come Repubblica solidale, la sua democrazia è paritaria e riconosce come valori intrinseci e inalienabili la dignità, la libertà, l’uguaglianza sostanziale degli esseri umani e il loro rapporto indissolubile con la natura. La tutela e la garanzia dei […]
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...