OMCeO, Enti e Territori 28 novembre 2018

OMCeO Bari: la festa della Professione 2018

Si è tenuta ieri sera presso il Teatro Petruzzelli di Bari, la Festa della Professione dell’Ordine dei medici di Bari, con la tradizionale Cerimonia di consegna delle medaglie, il Giuramento di Ippocrate dei neo–laureati ed il conferimento del Premio per la Buona Medicina. «La professione è un’arte particolare. Il termine deriva dal latino profiteor, che […]

Si è tenuta ieri sera presso il Teatro Petruzzelli di Bari, la Festa della Professione dell’Ordine dei medici di Bari, con la tradizionale Cerimonia di consegna delle medaglie, il Giuramento di Ippocrate dei neo–laureati ed il conferimento del Premio per la Buona Medicina.

«La professione è un’arte particolare. Il termine deriva dal latino profiteor, che significa dichiarare, professare. Oggi i ragazzi che entrano nella professione dichiarano la propria conoscenza della scienza medica, dopo un percorso formativo lunghissimo, che non si esaurisce con la laurea ma si completa con le specializzazioni – con queste parole ha aperto la serata Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari e Presidente della Federazione nazionale degli Ordini, che ha fatto riferimento al problema del limbo formativo – . In tutti questi anni dai 1500 ai 2mila colleghi sono rimasti senza poter completare il proprio percorso formativo. Credo che ad ogni ragazzo che si iscrive a medicina debba essere invece garantita una borsa. È quello che il Consiglio della Fnomceo ha chiesto in una mozione inviata al Ministro».

Il sindaco della Città Metropolitana, Antonio Decaro ha portato i suoi saluti anche in qualità di Presidente ANCI: «La Festa della professione è anche la festa della comunità. Il medico è colui a cui affidiamo le nostre paure e speranze. Vi ringrazio a nome di tutti i sindaci italiani per quello che fate quotidianamente a tutela della salute dei cittadini e per la pazienza che avete dimostrato, soprattutto in questo periodo storico. Avrete sempre il nostro sostegno».

La Cerimonia ha visto la consegna di 35 medaglie d’oro per i 50 anni dalla laurea e di 183 medaglie d’argento per i 25 anni dalla laurea.
Franco Lavalle, Vice Presidente Omceo Bari ha invitato i 312 medici neo–iscritti agli Albi, che hanno proferito il Giuramento di Ippocrate, di non perdere la dimensione umana nella professione: «Voi siete medici 4.0, però non perdete l’umanità che hanno questi colleghi che oggi festeggiano i 50 anni di professione. La gente si aspetta un rapporto umano e di avere il tempo per essere ascoltato. La professione è questa. L’ascolto è tempo di cura. Un sorriso, una carezza per una persona malata, spesso fanno più di qualunque buona medicina. La professione è umanità, umiltà, servizio. Siate fieri di essere Medici”».

Alessandro Nisio, Presidente CAO Bari, li ha invece esortati a «essere ausiliari dello stato. Dovete instaurare un rapporto empatico, di correttezza e deontologia professionale. Affidatevi sempre all’Ordine, che tutela la salute del cittadino e i valori della professione».

Il Premio Buona Medicina, tradizionalmente assegnato in questa occasione dal Consiglio Direttivo dell’Ordine, è stato consegnato a Salvatore Barbuti, già professore ordinario di Igiene e preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bari «in riconoscimento del servizio reso alla collettività dalla Scuola di Igiene e Prevenzione dell’Università degli Studi di Bari nel promuovere la cultura vaccinale quale strumento di tutela e difesa della salute pubblica alla quale ha dedicato la sua vita professionale». «Dedico questo riconoscimento a tutti gli igienisti della terra di Puglia, che hanno portato la nostra scuola ai vertici nazionali» ha dichiarato il professor Barbuti, ricevendo il Premio “La prevenzione non fa teatro ma è la disciplina che salva più persone, soprattutto bambini”.

L’evento, che è stato presentato dalla giornalista Donatella Azzone, ha visto la partecipazione del Sindaco Antonio Decaro, di Monsignor Domenico Ciavarella, del Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari e della FNOMCeO, Filippo Anelli, del Vice-Presidente della Fnomceo Giovanni Leoni, del Segretario Fnomceo Roberto Monaco, di Raffaele Iandolo, Presidente nazionale CAO, del Vice–Presidente Omceo, Franco Lavalle, del Presidente della Commissione Albo Odontoiatri e consigliere della CAO Nazionale, Alessandro Nisio, e dei Past President dell’OMCeO, oltre che di tutti gli altri componenti il Consiglio Direttivo in carica e dell’Esecutivo della Federazione Nazionale.

La serata è stata accompagnata, nella splendida cornice del Teatro Petruzzelli, dal concerto di musica orchestrale “Armonie del Golfo di Napoli” sotto la direzione del Maestro Mauro Squillante, con la cantante Laura Lazzari.

Articoli correlati
Il medico ti allunga la vita: la campagna dell’OMCeO Bari rivolta ai cittadini
Una grande torta con le candeline – ben 105 – campeggia da qualche giorno sui cartelloni pubblicitari delle strade di Bari, accompagnata dalla scritta “Il tuo medico ti allunga la vita”. È la nuova campagna di comunicazione dell’Ordine dei medici di Bari per promuovere la continuità di rapporto con il proprio medico, che “ti fa […]
ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»
«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
Napoli, festa del primario: chiuso un reparto intero. Giulia Grillo: «Non ci credo ma è vero»
«Quando ho letto che un intero reparto ​era stato chiuso all’ospedale del Mare di Napoli per permettere al personale di partecipare al party organizzato dal nuovo primario per festeggiare l’incarico, per un attimo ho pensato che fosse una fake news. Poi ho scoperto che purtroppo sarebbe andata proprio così. Ho subito inviato i Nas e […]
Consenso informato, Anelli (FNOMCeO): «Sì consapevolezza del paziente ma non diventi atto burocratico svilente»
La legge 219/2017 è l’ultima pagina di un romanzo che ha secoli di fogli alle spalle. «Un grande passo rispetto al passato – commenta Filippo Anelli – ma non cadiamo nel tranello della burocratizzazione fine a se stessa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...