OMCeO, Enti e Territori 28 Novembre 2018

OMCeO Bari: la festa della Professione 2018

Si è tenuta ieri sera presso il Teatro Petruzzelli di Bari, la Festa della Professione dell’Ordine dei medici di Bari, con la tradizionale Cerimonia di consegna delle medaglie, il Giuramento di Ippocrate dei neo–laureati ed il conferimento del Premio per la Buona Medicina. «La professione è un’arte particolare. Il termine deriva dal latino profiteor, che […]

Si è tenuta ieri sera presso il Teatro Petruzzelli di Bari, la Festa della Professione dell’Ordine dei medici di Bari, con la tradizionale Cerimonia di consegna delle medaglie, il Giuramento di Ippocrate dei neo–laureati ed il conferimento del Premio per la Buona Medicina.

«La professione è un’arte particolare. Il termine deriva dal latino profiteor, che significa dichiarare, professare. Oggi i ragazzi che entrano nella professione dichiarano la propria conoscenza della scienza medica, dopo un percorso formativo lunghissimo, che non si esaurisce con la laurea ma si completa con le specializzazioni – con queste parole ha aperto la serata Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari e Presidente della Federazione nazionale degli Ordini, che ha fatto riferimento al problema del limbo formativo – . In tutti questi anni dai 1500 ai 2mila colleghi sono rimasti senza poter completare il proprio percorso formativo. Credo che ad ogni ragazzo che si iscrive a medicina debba essere invece garantita una borsa. È quello che il Consiglio della Fnomceo ha chiesto in una mozione inviata al Ministro».

Il sindaco della Città Metropolitana, Antonio Decaro ha portato i suoi saluti anche in qualità di Presidente ANCI: «La Festa della professione è anche la festa della comunità. Il medico è colui a cui affidiamo le nostre paure e speranze. Vi ringrazio a nome di tutti i sindaci italiani per quello che fate quotidianamente a tutela della salute dei cittadini e per la pazienza che avete dimostrato, soprattutto in questo periodo storico. Avrete sempre il nostro sostegno».

La Cerimonia ha visto la consegna di 35 medaglie d’oro per i 50 anni dalla laurea e di 183 medaglie d’argento per i 25 anni dalla laurea.
Franco Lavalle, Vice Presidente Omceo Bari ha invitato i 312 medici neo–iscritti agli Albi, che hanno proferito il Giuramento di Ippocrate, di non perdere la dimensione umana nella professione: «Voi siete medici 4.0, però non perdete l’umanità che hanno questi colleghi che oggi festeggiano i 50 anni di professione. La gente si aspetta un rapporto umano e di avere il tempo per essere ascoltato. La professione è questa. L’ascolto è tempo di cura. Un sorriso, una carezza per una persona malata, spesso fanno più di qualunque buona medicina. La professione è umanità, umiltà, servizio. Siate fieri di essere Medici”».

Alessandro Nisio, Presidente CAO Bari, li ha invece esortati a «essere ausiliari dello stato. Dovete instaurare un rapporto empatico, di correttezza e deontologia professionale. Affidatevi sempre all’Ordine, che tutela la salute del cittadino e i valori della professione».

Il Premio Buona Medicina, tradizionalmente assegnato in questa occasione dal Consiglio Direttivo dell’Ordine, è stato consegnato a Salvatore Barbuti, già professore ordinario di Igiene e preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bari «in riconoscimento del servizio reso alla collettività dalla Scuola di Igiene e Prevenzione dell’Università degli Studi di Bari nel promuovere la cultura vaccinale quale strumento di tutela e difesa della salute pubblica alla quale ha dedicato la sua vita professionale». «Dedico questo riconoscimento a tutti gli igienisti della terra di Puglia, che hanno portato la nostra scuola ai vertici nazionali» ha dichiarato il professor Barbuti, ricevendo il Premio “La prevenzione non fa teatro ma è la disciplina che salva più persone, soprattutto bambini”.

L’evento, che è stato presentato dalla giornalista Donatella Azzone, ha visto la partecipazione del Sindaco Antonio Decaro, di Monsignor Domenico Ciavarella, del Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari e della FNOMCeO, Filippo Anelli, del Vice-Presidente della Fnomceo Giovanni Leoni, del Segretario Fnomceo Roberto Monaco, di Raffaele Iandolo, Presidente nazionale CAO, del Vice–Presidente Omceo, Franco Lavalle, del Presidente della Commissione Albo Odontoiatri e consigliere della CAO Nazionale, Alessandro Nisio, e dei Past President dell’OMCeO, oltre che di tutti gli altri componenti il Consiglio Direttivo in carica e dell’Esecutivo della Federazione Nazionale.

La serata è stata accompagnata, nella splendida cornice del Teatro Petruzzelli, dal concerto di musica orchestrale “Armonie del Golfo di Napoli” sotto la direzione del Maestro Mauro Squillante, con la cantante Laura Lazzari.

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Giornata mondiale del donatore di sangue, l’iniziativa al Galliera di Genova: “Dona sangue, salva la vita e…aiuta l’ambiente!”
Il 14 giugno di ogni anno viene festeggiata, su iniziativa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo, la giornata del Donatore di sangue allo scopo di sottolineare la necessità di sangue ed emoderivati sicuri, disponibili in quantità adeguata e per ringraziare chi dona e quindi contribuisce a salvare la vita di molti pazienti. Il […]
Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»
Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione
Autonomie, OMCeO Bari: «Un Piano Marshall per la sanità per colmare divario nord-sud»
Sabato 23 marzo si terrà l’incontro di approfondimento “Regionalismo differenziato, Sanità pubblica e diritto alla salute” presso la Sala Balestrazzi del Policlinico di Bari. I relatori, tra cui Filippo Anelli, analizzeranno gli effetti delle autonomie differenziate sul SSN e sul diritto alla salute, alla luce dei pre-accordi già presentati al governo dalle Regioni Veneto, Lombardia ed Emilia […]
“Italia non abbandonarci”, l’OMCeO di Bari lancia una campagna per una sanità uguale per tutti
In risposta alle richieste di autonomia differenziata di Lombardia, Veneto ed Emilia, l’Ordine dei medici di Bari esprime preoccupazioni per un processo che rischia di negare l’uguaglianza dei cittadini in tema di salute. Lo fa attraverso una campagna di comunicazione dai toni forti, che sarà in affissione a partire da domani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...