Voci della Sanità 20 Ottobre 2017 10:10

Obesità infantile: pediatri lanciano l’allarme e promuovono stili di vita sani

I Pediatri si schierano contro l’obesità infantile, perché può portare seri problemi come diabete e malattie cardiovascolari e compromettere la salute futura dei bambini. Praticare sport e seguire un’alimentazione corretta sono le indicazioni dei medici pediatri a bambini ed adolescenti per rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita. Per […]

I Pediatri si schierano contro l’obesità infantile, perché può portare seri problemi come diabete e malattie cardiovascolari e compromettere la salute futura dei bambini. Praticare sport e seguire un’alimentazione corretta sono le indicazioni dei medici pediatri a bambini ed adolescenti per rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita.

Per questo, la Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia annuncia un nuovo incontro a Roma il 22 Ottobre 2017 alle ore 9 presso l’Aquaniene, con lo scopo di concorrere alla riduzione delle patologie in età pediatrica connesse con il sovrappeso e l’obesità. Questa iniziativa fa parte del ciclo di incontri organizzati e ideati dal dott. Giuseppe Olivero della Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia sulle patologie in età pediatrica legate all’alimentazione. «Penso che il ruolo dei pediatri, oltre ovviamente a curare la situazione corrente viste le epidemie di sovrappeso e obesità, sia di promuovere gli stili di vita sani per cercare di ridurre queste epidemie» – afferma Olivero – «Questa situazione potrebbe portare ad un incremento delle malattie non trasmissibili, come diabete e malattie cardiovascolari, compromettendo così la salute delle generazioni future».

Dopo i primi due eventi – in cui sono stati approfonditi i temi legati al divezzamento, all’alimentazione complementare e successivamente all’instaurarsi di sovrappeso e obesità sino alla comparsa di una vera sindrome metabolica – questa volta il Comitato Scientifico FIMP Roma e provincia prosegue il percorso di aggiornamento toccando il delicato tema di Alimentazione e sport. L’incontro del 22 Ottobre si focalizzerà, infatti, sul ruolo dello sport come mezzo di prevenzione e terapia, con l’obiettivo di farlo diventare consuetudine per bambini e adolescenti e quindi rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita. Il dibattito sarà aperto a tutti i pediatri di famiglia e alle famiglie che condivideranno le loro esperienze con esempi pratici della quotidianità; interverranno anche atleti, manager sportivi e personalità del mondo dello sport e della società civile. L’iniziativa potrà contare sull’intervento di esperti universitari e ospedalieri; saranno presi, inoltre, in considerazione i benefici metabolici connessi all’attività fisica esercitata con regolarità in modo da avere un punto fermo da cui partire.

Questa sana abitudine permette di avere vantaggi pratici nella quotidianità: meno diabete e obesità, minor rischio di malattie cardiovascolari e tutto ciò si traduce, inevitabilmente, anche in un significativo risparmio per il Sistema Sanitario Nazionale e Regionale in termini di economia sanitaria.

Articoli correlati
Gli insetti croccanti e nutrienti saranno il cibo del futuro
Si stima che più di 2.000 specie di insetti commestibili facciano parte dei pasti tradizionali di almeno 2,5 miliardi di persone
di Stefano Piazza
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali