Voci della Sanità 20 Ottobre 2017 10:10

Obesità infantile: pediatri lanciano l’allarme e promuovono stili di vita sani

I Pediatri si schierano contro l’obesità infantile, perché può portare seri problemi come diabete e malattie cardiovascolari e compromettere la salute futura dei bambini. Praticare sport e seguire un’alimentazione corretta sono le indicazioni dei medici pediatri a bambini ed adolescenti per rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita. Per […]

I Pediatri si schierano contro l’obesità infantile, perché può portare seri problemi come diabete e malattie cardiovascolari e compromettere la salute futura dei bambini. Praticare sport e seguire un’alimentazione corretta sono le indicazioni dei medici pediatri a bambini ed adolescenti per rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita.

Per questo, la Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia annuncia un nuovo incontro a Roma il 22 Ottobre 2017 alle ore 9 presso l’Aquaniene, con lo scopo di concorrere alla riduzione delle patologie in età pediatrica connesse con il sovrappeso e l’obesità. Questa iniziativa fa parte del ciclo di incontri organizzati e ideati dal dott. Giuseppe Olivero della Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma e Provincia sulle patologie in età pediatrica legate all’alimentazione. «Penso che il ruolo dei pediatri, oltre ovviamente a curare la situazione corrente viste le epidemie di sovrappeso e obesità, sia di promuovere gli stili di vita sani per cercare di ridurre queste epidemie» – afferma Olivero – «Questa situazione potrebbe portare ad un incremento delle malattie non trasmissibili, come diabete e malattie cardiovascolari, compromettendo così la salute delle generazioni future».

Dopo i primi due eventi – in cui sono stati approfonditi i temi legati al divezzamento, all’alimentazione complementare e successivamente all’instaurarsi di sovrappeso e obesità sino alla comparsa di una vera sindrome metabolica – questa volta il Comitato Scientifico FIMP Roma e provincia prosegue il percorso di aggiornamento toccando il delicato tema di Alimentazione e sport. L’incontro del 22 Ottobre si focalizzerà, infatti, sul ruolo dello sport come mezzo di prevenzione e terapia, con l’obiettivo di farlo diventare consuetudine per bambini e adolescenti e quindi rimuovere i fattori di rischio metabolico favorendo l’assunzione di corretti stili di vita. Il dibattito sarà aperto a tutti i pediatri di famiglia e alle famiglie che condivideranno le loro esperienze con esempi pratici della quotidianità; interverranno anche atleti, manager sportivi e personalità del mondo dello sport e della società civile. L’iniziativa potrà contare sull’intervento di esperti universitari e ospedalieri; saranno presi, inoltre, in considerazione i benefici metabolici connessi all’attività fisica esercitata con regolarità in modo da avere un punto fermo da cui partire.

Questa sana abitudine permette di avere vantaggi pratici nella quotidianità: meno diabete e obesità, minor rischio di malattie cardiovascolari e tutto ciò si traduce, inevitabilmente, anche in un significativo risparmio per il Sistema Sanitario Nazionale e Regionale in termini di economia sanitaria.

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...