Voci della Sanità 16 Novembre 2021 10:45

Nomenclatore tariffario per i nuovi LEA, C.I.D.E.C. Federazione Sanità e Federlab Italia chiedono incontro urgente al Ministro Speranza

Le associazioni datoriali chiedono l’adozione di misure a salvaguardia della sostenibilità delle strutture, già indebolite dai continui tagli alle tariffe

«Esprimiamo forte preoccupazione in merito all’imminente adozione del Nomenclatore Tariffario di accompagnamento ai nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), che paventa tagli nell’ordine del 30% medio delle attuali remunerazioni per le prestazioni di diagnostica di laboratorio. Questo provvedimento, insieme alla revisione del sistema di accreditamento delle strutture sanitarie contenuta nel Ddl Concorrenza, mette a rischio la sostenibilità dei laboratori di analisi accreditati con il SSN, condannando alla chiusura la quasi totalità delle strutture».

Lo dichiarano Elisa Interlandi, Presidente di C.I.D.E.C. Federazione Sanità, e Gennaro Lamberti, Presidente di Federlab Italia, tra le principali associazioni di categoria dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatori privati accreditati con il Servizio Sanitario Nazionale, in una lettera indirizzata al Ministro della Salute, On. Roberto Speranza, con la quale sollecitano un incontro urgente per dare risposta alle migliaia di professionisti coinvolti.

Le Associazioni datoriali, nel sottolineare il ruolo essenziale dei laboratori di analisi accreditati con il SSN, sia in termini occupazionali – per tanti professionisti, operatori e addetti – sia in termini di qualità e capillarità dei servizi erogati, chiedono l’adozione di misure a salvaguardia della sostenibilità delle strutture, già indebolite dai continui tagli alle tariffe, e ora definitivamente minacciate dallo spettro dell’adozione del nuovo Nomenclatore Tariffario.

Oltre a ciò, la revisione del sistema di accreditamento delle strutture sanitarie, contenuta nel Ddl Concorrenza appena approvato dal Consiglio dei Ministri, includendo anche i costi come oggetto di valutazione comparativa per l’accreditamento, mette a rischio la sopravvivenza delle strutture più piccole, che svolgono un ruolo fondamentale per assicurare l’effettiva capillarità delle prestazioni e dei servizi, a garanzia dell’universalismo.

Auspicando un riscontro positivo da parte del Ministro, C.I.D.E.C. Federazione Sanità e Federlab Italia confermano la piena disponibilità a offrire il loro contributo fattivo nell’individuazione di una soluzione per garantire la sostenibilità dell’operato dei laboratori di analisi, nell’interesse dei professionisti che vi operano e della salute dei cittadini.

Articoli correlati
Green Pass sul lavoro, CIDEC: «Laboratori di analisi risorsa irrinunciabile per far fronte all’aumento della domanda di tamponi»
«La diagnostica di laboratorio è al fianco di lavoratori e imprese per gestire al meglio l’afflusso di richieste per l’effettuazione di tamponi rapidi ed evitare ripercussioni sul regolare svolgimento delle attività di aziende private e pubbliche amministrazioni». Lo dichiara Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità, sigla sindacale che riunisce strutture di laboratorio accreditate in tutta Italia, a seguito dell’entrata […]
Rischio cardiovascolare, Varbella: «Colesterolo LDL fattore causale più che fattore di rischio»
«Spesso, i nostri laboratori mettono l’asterisco solo quando i valori di colesterolemia totale sono superiori a 200-240-250 che sono dei concetti vecchi» sottolinea il Direttore del dipartimento medico ASL Torino 3
Vaccino Covid, Interlandi (Cidec Sanità): «Coinvolgere i laboratori di analisi accreditati per raggiungere gli obiettivi di copertura vaccinale»
«Abbiamo fatto richiesta al Ministro della Salute affinché ci riceva per ridiscutere il nostro pieno coinvolgimento nel piano vaccinale», spiega Elisa Interlandi, Presidente Nazionale di Cidec Federazione Sanità
Test Covid, Cidec: «Mancato coinvolgimento laboratori analisi accreditati occasione persa»
La presidente Cidec Federazione Sanità, Elisa Interlandi: «Il nostro contributo può essere determinante per alleggerire gli ospedali e la Medicina territoriale impegnati nella vaccinazione. Confermiamo la nostra piena disponibilità a supportare il Ssn nelle attività di diagnosi di Covid-19»
Tamponi rapidi Covid, CIDEC: «Il ‘Decreto Ristori’ priva i laboratori di analisi della propria funzione»
Elisa Interlandi, Presidente Cidec Federazione Sanità: «Nostra esclusione dal finanziamento aggiuntivo previsto dal Decreto danno per la salute dei cittadini e per il tracciamento dei contagi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...