Voci della Sanità 21 Aprile 2020 09:55

Neuroriabilitazione a distanza: al via il progetto sperimentale di Neuromed

I medici seguono i pazienti a casa attraverso un software, sfruttando le nuove tecnologie e l’intelligenza artificiale

L’obiettivo della riabilitazione neurologica è recuperare i deficit e le disabilità causate da malattie neurologiche – ictus, sclerosi multipla, epilessia, traumi cerebrali o del midollo spinale, morbo di Parkinson e di Alzheimer – .

Il processo riabilitativo ha un’importanza fondamentale perché permette ai pazienti di ritrovare la propria autonomia non solo fisica ma anche mentale e psicologica. Per essere efficace, però, necessita di tempi e tappe ben precisi ed è difficilmente conciliabile con l’attuale situazione di quarantena.

Per questo, il Laboratorio di Biomeccatronica dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) ha avviato un progetto sperimentale che consente ai clinici di seguire a distanza la riabilitazione dei pazienti neurologici.

«Usando il computer di casa – comunica l’istituto in un comunicato – basta scaricare e lanciare un software che, attraverso una normale webcam, invia il video in diretta ai server del laboratorio, dove una rete neurale analizza le immagini ricostruendo un vero e proprio “scheletro virtuale”. Sul monitor dello specialista – prosegue – appaiono quindi due immagini: da un lato, il paziente reale che compie i movimenti previsti; dall’altro, la ricostruzione virtuale che analizza i movimenti stessi evidenziandone tutti i dettagli elaborati dall’intelligenza artificiale».

«Questa tecnologia – spiegano gli specialisti – viene attualmente testata sui pazienti del Neuromed e nasce dall’esperienza del Laboratorio di analisi del Movimento dell’Istituto nel campo della neuroriabilitazione. Da anni infatti consente lo studio computerizzato dei movimenti dei pazienti».

Video-intervista all’ingegner Daniele Cafolla responsabile del Laboratorio di Biomeccatronica e all’ingegner Fabio Sebastiano, Consigliere delegato alla ricerca del Neuromed.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Chiuso per ferie? Rossetto (FLI): «La riabilitazione non può andare in vacanza»
La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «In estate non solo difficoltà di accesso ai servizi sanitari nazionali, ma anche di continuità di erogazione delle prestazioni in corso, riabilitazione compresa. Negare la terapia riabilitativa significa aggravare la condizione di malati gravi e cronici»
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
Protocollo italiano contro il Long Covid sbarca all’estero
Il protocollo italiano, messo a punto dalla neuroscienziata Arianna Di Stadio, per recupare il gusto e l'olfatto persi a causa del Long Covid viene esportato all'estero. Precisamente negli Stati Uniti, in Spagna e in Germania
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...