Voci della Sanità 21 Aprile 2020

Neuroriabilitazione a distanza: al via il progetto sperimentale di Neuromed

I medici seguono i pazienti a casa attraverso un software, sfruttando le nuove tecnologie e l’intelligenza artificiale

L’obiettivo della riabilitazione neurologica è recuperare i deficit e le disabilità causate da malattie neurologiche – ictus, sclerosi multipla, epilessia, traumi cerebrali o del midollo spinale, morbo di Parkinson e di Alzheimer – .

Il processo riabilitativo ha un’importanza fondamentale perché permette ai pazienti di ritrovare la propria autonomia non solo fisica ma anche mentale e psicologica. Per essere efficace, però, necessita di tempi e tappe ben precisi ed è difficilmente conciliabile con l’attuale situazione di quarantena.

Per questo, il Laboratorio di Biomeccatronica dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) ha avviato un progetto sperimentale che consente ai clinici di seguire a distanza la riabilitazione dei pazienti neurologici.

«Usando il computer di casa – comunica l’istituto in un comunicato – basta scaricare e lanciare un software che, attraverso una normale webcam, invia il video in diretta ai server del laboratorio, dove una rete neurale analizza le immagini ricostruendo un vero e proprio “scheletro virtuale”. Sul monitor dello specialista – prosegue – appaiono quindi due immagini: da un lato, il paziente reale che compie i movimenti previsti; dall’altro, la ricostruzione virtuale che analizza i movimenti stessi evidenziandone tutti i dettagli elaborati dall’intelligenza artificiale».

«Questa tecnologia – spiegano gli specialisti – viene attualmente testata sui pazienti del Neuromed e nasce dall’esperienza del Laboratorio di analisi del Movimento dell’Istituto nel campo della neuroriabilitazione. Da anni infatti consente lo studio computerizzato dei movimenti dei pazienti».

Video-intervista all’ingegner Daniele Cafolla responsabile del Laboratorio di Biomeccatronica e all’ingegner Fabio Sebastiano, Consigliere delegato alla ricerca del Neuromed.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
Lazio, Senior Italia FederAnziani: «Ecco le soluzioni per ridurre le liste d’attesa»
Telemonitoraggio, aumento ore specialisti, informatizzazione. Le proposte lanciate da Senior Italia FederAnziani che ha messo a confronto società scientifiche e organizzazioni sindacali di medici con la Regione Lazio
Intelligenza artificiale vs Covid-19: è lombardo il primo progetto per individuare la polmonite interstiziale
Nato grazie a una community di ricercatori internazionali, coordinati da Neoesperience e testato al Sacco di Milano, a disposizione gratuitamente per molti Paesi. Il presidente Melpignano: «Per la prima volta predice la presenza di una polmonite interstiziale caratteristica»
di Federica Bosco
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...