Voci della Sanità 23 Dicembre 2019 16:59

Napoli, Federfarma per il Pausilipon: donato un monitor per migliorare le terapie dei piccoli pazienti oncologici

Cinquemila euro da destinare all’acquisto di un particolare monitor che sarà utilizzato per i pazienti oncologici del Pausilipon: è il contributo che hanno voluto dare i titolari di farmacia napoletani per aiutare i medici del Santobono Pasuilipon nell’affrontare al meglio la degenza dei “piccoli ospiti” della struttura pediatrica napoletana. Nello specifico il monitor multiparametrico completerà […]

Cinquemila euro da destinare all’acquisto di un particolare monitor che sarà utilizzato per i pazienti oncologici del Pausilipon: è il contributo che hanno voluto dare i titolari di farmacia napoletani per aiutare i medici del Santobono Pasuilipon nell’affrontare al meglio la degenza dei “piccoli ospiti” della struttura pediatrica napoletana.

Nello specifico il monitor multiparametrico completerà l’allestimento della postazione di terapia semi-intensiva del Reparto per il trapianto di midollo osseo, guidato dal Dott. Mimmo Ripaldi. Tale strumento, capace di monitorare al meglio i principali parametri vitali come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la temperatura, l’ecg, la saturazione ossigeno, sarà utilizzato in particolar modo per i piccoli pazienti oncologici sottoposti a cura con farmaci sperimentali.

Stamane la consegna simbolica dell’assegno presso la Direzione Sanitaria dell’AORN Santobono Pausilipon alla presenza della Direttrice Anna Maria Minicucci, del Presidente di Federfarma Napoli Michele Di Iorio, della Direttrice della Fondazione Pausilipon Flavia Matrisciano,  ed una delegazione di Consiglieri del sindacato dei titolari di farmacia napoletani che hanno promosso l’iniziativa, portandola in seno al Consiglio di Federfarma Napoli. “Siamo partiti – spiegano i rappresentanti di Federfarma Napoli – da una richiesta precisa, chiedendo cosa potesse servire alla struttura ed è così che siamo arrivati ad individuare la cifra per l’acquisto di questo monitor di ultima generazione di cui aveva bisogno il reparto; una strumentazione che, fino ad ora, dovevano “condividere” tra Vomero e Posillipo”.

Ringraziamo Federfarma Napoli – ha detto la Direttrice Minicucci – per questo contributo che arricchirà la strumentazione di un reparto che, come molti altri, è un polo di eccellenza, rappresentando uno dei tre centri più importanti in Italia per il trapianto di midollo osseo: con questo strumento andremo a monitorare al meglio tutti i parametri vitali dei bimbi ricoverati”.

L’incontro, oltre al momento benefico, è stata l’occasione per gettare le basi di un rapporto strutturato tra farmacie e Santobono Pausillipon, per campagne di comunicazione sanitaria da veicolare attraverso le farmacie ed avviare, a stretto giro, il CUP in farmacia per la prenotazione delle visite al Santobono.
“Acquisire bene destinati ai piccoli pazienti oncologici – commenta Michele Di Iorio, Presidente di Federfarma Napoli – induce nei titolari di farmacia napoletani un enorme soddisfazione tanto per l’importanza della strumentazione donata quanto, soprattutto, per le motivazioni che ci ispirano nell’essere maggiormente presenti sui problemi della prevenzione e della cura dei piccoli pazienti”.

È questo solo l’inizio  – prosegue Di Iorio – di una collaborazione che, mi auguro, coinvolgendo la sensibilità della direttrice Anna Maria Minicucci potrà dare frutti concerti esaltando la qualità dell’assistenza. Il prossimo obiettivo è l’operatività del CUP per razionalizzare l’accesso ai tanti servizi offerti dal Santobono, consentendo ai genitori di prenotare una visita medica nella farmacia sotto casa, senza dover necessariamente raggiungere il Santobono”.

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...