OMCeO, Enti e Territori 23 Marzo 2018

Mini WELL Toric Ready, l’innovativa lente che corregge presbiopia e astigmatismo nei pazienti con cataratta

Si chiama Mini WELL Toric Ready ed è l’innovativa lente intraoculare progressiva per la correzione di presbiopia e astigmatismo nei pazienti con cataratta. La lente è stata lanciata dalla SIFI, la principale società farmaceutica oftalmica italiana, leader nello sviluppo di soluzioni terapeutiche in Oftalmologia. Questa IOL innovativa verrà impiantata per la prima volta in una sessione di chirurgia in […]

Si chiama Mini WELL Toric Ready ed è l’innovativa lente intraoculare progressiva per la correzione di presbiopia e astigmatismo nei pazienti con cataratta. La lente è stata lanciata dalla SIFI, la principale società farmaceutica oftalmica italiana, leader nello sviluppo di soluzioni terapeutiche in Oftalmologia.

Questa IOL innovativa verrà impiantata per la prima volta in una sessione di chirurgia in diretta dal dott. Vittorio Picardo al XXI Congresso AICCER che si terrà venerdì 23 marzo a Bari. La peculiarità di questa lente intraoculare consiste nel design innovativo che combina una superficie anteriore con ottica EDOF (Estesa Profondità di Fuoco) che assicura una continuità di fuoco, per la visione da lontano a vicino, finalizzata alla correzione della presbiopia, e una superficie posteriore torica per la correzione dell’astigmatismo corneale.

I chirurghi oculari che impianteranno Mini WELL Toric Ready potranno utilizzare il Mini Toric Calculator che si basa sul Metodo Alpins, il sistema di calcolo in assoluto più preciso e performante, grazie al suo potente algoritmo di calcolo basato su un approccio analitico vettoriale all’analisi dell’astigmatismo. Mini WELL Toric Ready rappresenta un incredibile progresso sia per i chirurghi oculari che per i pazienti con cataratta poiché è in grado di assicurare la correzione sia della presbiopia che dell’astigmatismo attraverso la stessa procedura di cataratta refrattiva.

La presbiopia non corretta è una causa di deficit visivo sempre più importante in tutto il mondo per il progressivo invecchiamento della popolazione. È un disturbo della vista determinato dalla graduale perdita della capacità di mettere a fuoco le immagini da vicino. Si tratta di un fenomeno naturale e fisiologico, che interessa tutti gli esseri umani dopo i 45 anni di età. Le cause principali della presbiopia sono la progressiva diminuzione di plasticità del cristallino e la ridotta capacità funzionale del muscolo ciliare. L’astigmatismo, d’altra parte, è un difetto refrattivo che può compromettere gravemente la qualità della vista, specie quando è superiore ad 1 Diottria. L’astigmatismo è attualmente uno dei principali ostacoli al raggiungimento di una visione libera da occhiali, a seguito di chirurgia refrattiva della cataratta.

«Il focus continuo di SIFI sull’innovazione ha un momento clue nel lancio di Mini WELL Toric che rappresenta una svolta fondamentale in quanto offre ai chirurghi l’opportunità di assicurare ai loro pazienti con cataratta una visione funzionale a tutte le distanze con una piena correzione dell’astigmatismo» ha commentato con soddisfazione Gilberto Dalesio Delpini, Chief Commercial Officer di SIFI.

 

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone