OMCeO, Enti e Territori 31 Ottobre 2017

Mantova, città più “in salute” d’Italia, Enna chiude la classifica di Legambiente

Alcune città italiane sono riuscite, più di altre, a cambiare passo verso modelli urbani più sani, vivibili, efficienti  e sostenibili. Questo è ciò che risulta dai dati di Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente, il dossier annuale  sulle performance ambientali dei comuni capoluogo, realizzato con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche Ambiente Italia. Come si legge sul sito, Legambiente […]

Alcune città italiane sono riuscite, più di altre, a cambiare passo verso modelli urbani più sani, vivibili, efficienti  e sostenibili. Questo è ciò che risulta dai dati di Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente, il dossier annuale  sulle performance ambientali dei comuni capoluogo, realizzato con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche Ambiente Italia.

Come si legge sul sito, Legambiente premia Mantova come migliore città italiana, tra le altre, per performance ambientali, raccolta differenziata, acqua, qualità dell’aria, spazi verdi, trasporto pubblico e ciclabilità. Le statistiche definiscono ai primi posti della classifica nazionale: Mantova (1°), Trento (2°), Bolzano (3°), Parma (4°), Pordenone (5°) e Belluno (6°). Enna occupa l’ultimo posto.

Queste sei città hanno dimostrato di essere città dinamiche e di credere fortemente nel cambiamento. Tutte hanno raggiunto e superato gli obiettivi di raccolta differenziata dal decreto Ronchi del 1997: Mantova sfiora l’80% di raccolta differenziata e, con Pordenone, è nella top ten delle città più alberate. Bolzano, insieme a Mantova, hanno elaborato i migliori piani urbani in tema di ciclabilità e mobilità sostenibile. A Belluno e Bolzano c’è una buona qualità dell’aria.  Sale nella classifica Milano che è riuscita a migliorare le sue prestazioni arrivando alla 31esima posizione, mentre Torino indossa la maglia nera per lo smog.

Il punteggio è stato assegnato da Legambiente analizzando 16 parametri che coprono sei principali tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia. La graduatoria nazionale pone, quest’anno, Enna al 104° posto, Brindisi al 103° e Viterbo al 102°. I capoluoghi indicati hanno collezionato i risultati peggiori nei vari indicatori considerati ma hanno pagato anche l’assenza di informazioni sullo stato di salute ambientale della città. Nelle ultime venti posizioni, si trovano anche Napoli (86°) e Roma (88°) vittime dell’emergenza smog e rifiuti.

Articoli correlati
Giornata dell’Acqua, Uricchio (IRSA-CNR): «Quella italiana in ‘buona salute’, ma attenzione a microplastiche e antibiotici. E sulle minerali…»
Alla Camera celebrata la Giornata Mondiale con l’evento “Acqua pubblica, una sfida globale”. Daga (M5S): «Ridando ai cittadini la gestione del servizio idrico integrato si avrà a cuore la qualità delle acque». Il Direttore IRSA-CNR parla anche delle acque minerali: «Italia terzo consumatore mondiale: giusto equiparare i parametri a quelli delle acque potabili, ora limiti sono troppo diversi»
Terra dei fuochi, Muscarà (M5S): «Roghi continuano, preoccupazione non passa. Per contrastare criminalità serve controllo più efficace»
Nel piano di contrasto del governo un ruolo anche per i medici di base per rilevare la presenza di malattie anomale. La consigliera regionale della Campania: «Chi vive vicino a uno Stir sa che potrebbe prendere fuoco da un momento all’altro». Poi aggiunge: «Il Prefetto Iorio sta lavorando bene ma la filiera del rifiuto è ancora incompleta»
Inquinamento, Grillo convoca tavola per la qualità dell’aria con regioni del Nord: «Ogni anno 85-90mila morti, agire subito»
Contro l’inquinamento da polveri sottile in val Padana si muove il ministro della Salute Giulia Grillo che ha annunciato di aver convocato il tavolo per la qualità dell’aria, invitando nelle prossime settimane i governatori di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e con loro i sindaci dei grandi centri urbani di queste regioni, per trovare un […]
Emergenza rifiuti a Roma, Di Rosa (Siti e Asl Roma1): «Malattie infettive? Difficile ma non impossibile. Più rischi con il caldo»
Topi, mosche e cinghiali: non è la ricetta per una pozione magica ma «le specie animali che attirate dai rifiuti urbani, possono proliferare e diventare vettori di malattie per l’uomo». Lo spiega Enrico Di Rosa, Segretario della SITI e referente dell’UOC Servizio igiene sanità pubblica dell'Asl Roma 1
San Benedetto, Ministero Salute chiede il ritiro di un lotto di acqua contaminata
Il Ministero della Salute ha comunicato l’immediato richiamo del lotto 23LB8137E delle bottigliette da mezzo litro di acqua minerale naturale Fonte Primavera con data di scadenza al 16/11/2019. Il motivo della segnalazione è il rischio clinico per la “presenza consistente di contaminanti idrocarburici come: xilene, etilbenzene, trimetilbenzene e toluene“. Il richiamo del Ministero riguarda solo il lotto indicato, imbottigliato “presso lo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...