OMCeO, Enti e Territori 11 Maggio 2018

Lotta al cancro e innovazione: nasce l’Istituto oncologico della Sapienza

La Sapienza, da sempre impegnata nello sviluppo di nuove conoscenze e competenze nella lotta contro il cancro, si conferma pioniera in tema di innovazione in campo oncologico con la realizzazione di una piattaforma informatica finalizzata all’accesso a nuove terapie in fase di sperimentazione clinica. Sarà il Rettore Eugenio Gaudio a presentare il progetto in apertura […]

La Sapienza, da sempre impegnata nello sviluppo di nuove conoscenze e competenze nella lotta contro il cancro, si conferma pioniera in tema di innovazione in campo oncologico con la realizzazione di una piattaforma informatica finalizzata all’accesso a nuove terapie in fase di sperimentazione clinica. Sarà il Rettore Eugenio Gaudio a presentare il progetto in apertura del convegno “Sapienza Meets MD Anderson Cancer Center”, una due giorni che si svolgerà il 17 e 18 maggio, organizzata insieme al Centro del Texas, punto di riferimento mondiale nella lotta contro il cancro e all’avanguardia nell’utilizzo dei Big Data in campo medico-sanitario.

Si parte giovedì 17 maggio nell’Aula multimediale del Rettorato, con la sessione: “Innovazione terapeutica e sostenibilità del SSN. Interessi in conflitto, interessi allineati. Il caso dell’oncologia”. I lavori saranno aperti dai saluti del rettore Eugenio Gaudio che presenterà la nuova “Piattaforma oncologica” della Sapienza. Sono previsti gli interventi del preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria Sebastiano Filetti, dei professori della Sapienza Paolo Marchetti e Robin Foà, del direttore generale del Policlinico Umberto I Vincenzo Panella, del direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco Mario Melazzini, e di rappresentanti della società scientifica, dell’industria farmaceutica e delle associazioni dei pazienti. A seguire si svolgerà la tavola rotonda “Come possiamo rendere sostenibile l’innovazione terapeutica?”, moderata dalla giornalista Daniela Minerva.

La sessione pomeridiana, dal titolo “Masterclass in Hematologic Malignancies and Clinical Oncology”, è rivolta a studenti, specializzandi e dottorandi di area medica.  A seguire Michael Kupferman, vicepresidente del MD Anderson Cancer Center, il Centro texano di eccellenza mondiale per la cura del cancro, siglerà con il rettore Eugenio Gaudio il protocollo che renderà operativo l’accordo tra la struttura statunitense e la Sapienza. Venerdì 18 maggio, presso l’Auditorium del Policlinico Umberto I, la giornata sarà dedicata a “New frontiers in cancer treatment”; ricercatori ed esperti del MD Anderson Cancer Center terranno, una serie di incontri seminariali sulle terapie più innovative e sullo stato della ricerca in ematologia oncologica e in oncologia.

«Abbiamo a disposizione moltissimi dati: la sfida che tutti dobbiamo affrontare è analizzarli, inserirli in un contesto e interpretarli per metterli a servizio della salute della popolazione. Applicare questo concetto ai trial clinici significa da un lato accorciare la filiera che dal microscopio e dal laboratorio arriva al paziente, e contestualmente elaborare terapie che possano combattere tempestivamente le patologie oncologiche». Così Eugenio Gaudio delinea la strategia che oggi dovrebbe guidare l’attività medica, offrendo un orizzonte sostenibile ed efficace in termini sanitari e in quelli della ricerca farmaceutica.

«Questo progetto potrà offrire la migliore possibilità di cura a tutti coloro che si rivolgono alle strutture universitarie diffuse sul territorio, in primis Umberto I e Sant’Andrea, ma anche il Polo di Latina – spiega Sebastiano Filetti, preside della Facoltà di Medicina e odontoiatria – consentendo di indirizzare i pazienti verso la terapia più appropriata, ma soprattutto di proporre loro un percorso organizzato di sperimentazione clinica a livello nazionale, ponderato a misura di ognuno».
La piattaforma informatica consiste in una rete dotata di una interfaccia semplice a uso del personale medico, che aggreghi i dati in modo standard e restituisca in tempo reale report, analisi e grafici. L’obiettivo è presentare in modo omogeneo i dati medico-sanitari, che saranno messi a frutto grazie alla creazione di una nuova struttura di riferimento, l’Istituto Oncologico della Sapienza. L’Istituto – che comincia la sua attività questo mese – sarà collettore delle informazioni e favorirà l’accesso dei pazienti alla sperimentazione dei farmaci che abbiano superato la fase pre-clinica.

«Vogliamo che l’umanizzazione delle cure non sia solo uno slogan – sottolinea Paolo Marchetti, tra i promotori del progetto – e crediamo che in questo senso sia importante fornire indicazioni circostanziate su quale centro oncologico in Italia possa offrire le terapie più adatte a ciascuno, e anche concordare appuntamenti e visite mirate».

La struttura si propone come centro privilegiato per le sperimentazioni cliniche di fase 1 di terapie assolutamente innovative per il trattamento di pazienti con neoplasie ematiche e solide. Già in occasione dell’incontro, il 18 maggio verrà presentata la “CAR T-cell therapy”, una strategia messa a punto negli Stati Uniti e in via di sperimentazione in Europa, che sbarca ora alla Sapienza. «Prevediamo di poter iniziare a trattare i primi pazienti entro la fine dell’anno – commenta Robin Foà, Direttore dell’Ematologia della Sapienza – Si possono ottenere risultati estremamente importanti attraverso l’infusione di cellule immunitarie CAR-T ingegnerizzate e più in generale grazie a trattamenti mechanism-driven e personalizzati. Questo ulteriore sviluppo andrà a incrementare i protocolli di immunoterapia già attivi per pazienti con neoplasie ematologiche».

Il potenziale di successo di questo progetto risiede anche nelle solide collaborazioni con centri strategici di innovazione scientifica e terapeutica in campo oncologico, IFO sul piano nazionale e l’MD Anderson Cancer Center, la più importante realtà a livello mondiale impegnata nella cura del cancro. In quest’ottica, a margine delle attività congressuali, il vicepresidente del Centro texano, Michael Kupferman e il rettore Eugenio Gaudio sigleranno un protocollo che rende operative attività di didattica, ricerca e trasferimento tecnologico. La creazione di network di eccellenza consente di avere modelli predittivi e ottimizzare le sperimentazioni, circoscrivendo la problematica degli alti costi associati spesso alla medicina personalizzata, superati grazie appropriatezza dell’uso dei farmaci che consente il governo della spesa sanitaria. «Guardare alla sanità come a un investimento e non come a una voce di spesa – conclude Sebastiano Filetti – Potenziare l’educazione, cioè l’empowerment del paziente. Riorganizzare l’assistenza sulla base dei nuovi bisogni di cura. Fare prevenzione».

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Tumore tiroideo, casi raddoppiati negli ultimi 20 anni. Inquinamento e radiazioni le principali cause
Il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Importante farsi operare alla tiroide da un chirurgo esperto che esegua 150-200 interventi all'anno»
di Federica Bosco
Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»
«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo
di Federica Bosco
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Umanizzazione delle cure, ai Fatebenefratelli un referente laico per ‘la cura spirituale’ dei pazienti. È il primo caso in Italia
Laura Zorzella, responsabile del centro Pastorale dei Fatebenefratelli del Lombardo-Veneto: «Così si garantisce una cura integrale, non solo medica. Al servizio dei pazienti una figura formata attraverso il corso post-laurea in “Umanizzazione e dimensione spirituale della cura nei contesti interculturali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone