Voci della Sanità 26 Maggio 2020

Lipodistrofia, arriva il primo farmaco per il trattamento delle complicanze da deficit di Leptina

Per i bimbi a partire dai 2 anni e per gli adulti affetti da lipodistrofia, una malattia ultra-rara che colpisce meno di 200 persone in Italia, arriva un’importante novità. Da oggi è infatti disponibile a livello nazionale una terapia a base di metreleptina (Myalepta): è il primo farmaco orfano capace di controllare alcune importanti manifestazioni […]

Per i bimbi a partire dai 2 anni e per gli adulti affetti da lipodistrofia, una malattia ultra-rara che colpisce meno di 200 persone in Italia, arriva un’importante novità. Da oggi è infatti disponibile a livello nazionale una terapia a base di metreleptina (Myalepta): è il primo farmaco orfano capace di controllare alcune importanti manifestazioni della forma generalizzata, e in alcuni casi di quella parziale, messo a punto da Aegerion Pharmaceuticals (azienda del gruppo Amryt Pharma Plc). 

 

“Fino ad oggi le persone affette da questa malattia potevano accedere alla terapia solo rivolgendosi a pochi centri specializzati perché il farmaco, ora disponibile, lo potevamo prescrivere grazie alla Legge 326/2003 che ha istituito un Fondo nazionale per i farmaci orfani in attesa di commercializzazione – spiega il Prof. Andrea Lenzi, presidente Fondazione per la Ricerca della Società Italiana di Endocrinologia (FoRiSIE) e presidente del Comitato Biosicurezza, Biotecnologia e Scienze della Vita della PdCM. Da oggi invece sarà a disposizione su tutto il territorio nazionale. Grazie a questa terapia è possibile integrare la leptina mancante nell’organismo delle persone affette da lipodistrofia e intervenire sui problemi associati ai bassi livelli di questo ormone. Difatti, studi clinici hanno dimostrato che la metreleptina, in aggiunta a una dieta rigorosa, riduce l’eccesso di grassi (trigliceridi) e dei livelli di zucchero (glucosio) nel sangue, e la sensazione di fame; migliora il funzionamento di fegato e reni e può consentire la riduzione fino alla sospensione di una terapia antidiabetica o di una terapia ipolipemizzante”.

 

La terapia ora può essere prescritta dai Centri Ospedalieri o da specialisti Endocrinologi e Pediatri secondo le indicazioni di AIFA pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 19 marzo scorso: il farmaco ha ricevuto la rimborsabilità per la forma generalizzata. Sarebbe, infatti, più corretto parlare di “lipodistrofie”, perché ne esistono varie forme: può essere congenita, legata ad un errore genetico, oppure acquisita, per esempio a seguito di alcune terapie, generalizzata oppure parziale a seconda della mancanza più o meno estesa di grasso sottocutaneo.

 

“Siamo soddisfatti per il traguardo raggiunto – dichiara Nicola Gianfelice, General Manager di Amryt Pharma Italia – È stato un percorso lungo e impegnativo, ma necessario per arrivare oggi all’immissione in commercio della metreleptina. Siamo particolarmente soddisfatti per i pazienti lipodistrofici che da anni sono alla ricerca di un trattamento specifico per la loro condizione grave e invalidante. Mettere il paziente al primo posto in ogni cosa che facciamo rappresenta il nostro primo valore aziendale; ed anche in questo caso abbiamo lavorato alacremente con tanto impegno e dedizione per garantire ai pazienti il primo trattamento specifico per questa patologia rara”.

 

“Per noi è un grande risultato che ci aiuta a vivere la patologia con minor affanno: ringraziamo Aegerion Pharmaceuticals per l’impegno al nostro fianco – evidenzia Guido Loro, presidente dell’Associazione Italiana Lipodistrofie (AILIP) – Siamo però preoccupati per quel 20% di pazienti affetti dalla forma parziale della malattia che hanno complicanze metaboliche gravi, altrettanto seria della forma generalizzata: loro potranno averlo ma dovranno sostenerne il costo. Ciò significa che chi fino ad oggi ha utilizzato il farmaco gratuitamente attraverso il ricorso alla Legge 326/2003 ora dovrà scegliere tra pagare oppure non curarsi. Alcuni potrebbero anche dover interrompere il trattamento che avevano iniziato. Auspichiamo che a questo si possa presto trovare una soluzione che porti alla rimborsabilità anche per loro. In ogni caso ora che c’è una terapia occorre migliorare le capacità di diagnosi. Comprendere tempestivamente i primi sintomi della malattia è fondamentale per ridurre i tempi per arrivare a una diagnosi corretta e garantire, quindi, le cure adeguate di cui necessita chi è affetto da lipodistrofie”.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Ema autorizza trattamento con antivirale remdesivir
L’Agenzia europea del farmaco ha espresso il via libera per adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con polmonite da Sars-Cov-2 che richiedono ossigeno supplementare
Covid-19: farmaco antiepatite C potrebbe bloccare il virus. L’intuizione e gli studi iniziali a Napoli e Caserta
In base ad osservazioni cliniche preliminari l’assunzione di una compressa che contiene l’associazione precostituita di due principi attivi sofosbuvir/velpatasvir bloccherebbe la replicazione del Sars-CV-2. Vediamo come con Antonio Izzi, infettivologo del Cotugno di Napoli, e Vincenzo Messina, infettivologo del S. Anna e San Sebastiano di Caserta
COVID-19, AIFA sospende l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina per il trattamento al di fuori degli studi clinici
«Nuove evidenze cliniche nei soggetti con infezione da SARS-CoV-2 indicano un aumento di rischio per reazioni avverse a fronte di benefici scarsi o assenti. Per tale ragione, l’AIFA sospende l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina al di fuori degli studi clinici, sia in ambito ospedaliero che in ambito domiciliare»
Tocilizumab, semaforo verde dall’Aifa per la sperimentazione su larga scala
Intervista al professor Paolo Ascierto (Istituto Pascale di Napoli): «Di 11 pazienti di cui abbiamo i dati, otto hanno avuto un miglioramento. Così combattiamo la tempesta citochinica scatenata dal Coronavirus»
COVID-19, AIFA e Gilead: «Italia tra i Paesi che testeranno l’antivirale remdesivir»
Si tratta di due studi di fase 3 che coinvolgeranno i centri con maggior numero di pazienti in Italia: l'Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...