Voci della Sanità 16 Ottobre 2017

Ictus cerebrale, alla Fondazione Santa Lucia tutto sulla neuroriabilitazione

Il prossimo 29 ottobre si celebrerà in tutto il mondo la XIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale; tra le iniziative correlate, rientra l’evento “Dopo l’ictus cerebrale: percorsi di neuroriabilitazione in Italia tra competenze e passione”, organizzato dalla Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con A.L.I.Ce. Italia Onlus e previsto per mercoledì 25 ottobre 2017. L’incontro sarà ospitato dal Centro Congressi […]

Il prossimo 29 ottobre si celebrerà in tutto il mondo la XIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale; tra le iniziative correlate, rientra l’evento “Dopo l’ictus cerebrale: percorsi di neuroriabilitazione in Italia tra competenze e passione”, organizzato dalla Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con A.L.I.Ce. Italia Onlus e previsto per mercoledì 25 ottobre 2017. L’incontro sarà ospitato dal Centro Congressi della Fondazione Santa Lucia in via Ardeatina a Roma e vi parteciperanno esperti italiani e stranieri in ambito medico, tra cui il sociologo Domenico De Masi e il Coordinatore dell’Intergruppo Parlamentare sui problemi sociali dell’ictus cerebrale, Onorevole Gian Luigi Gigli. In questa occasione, A.L.I.Ce. Italia Onlus presenterà i primi risultati di un nuovo progetto di monitoraggio dei percorsi di neuroriabilitazione in Italia. I partecipanti potranno anche vedere in azione nuove tecnologie sviluppate dai Laboratori di Ricerca della Fondazione Santa Lucia e recentemente introdotte nei percorsi di cura dei pazienti post-ictus.

Leggi il Programma dell’Evento

L’incontro segue la scia della campagna di sensibilizzazione sull’ictus cerebrale e la fibrillazione atriale (FA) di A.L.I.Ce. Italia Onlus Riprenditi la vita”, che lo scorso 5 ottobre ha offerto screening gratuiti per la fibrillazione atriale all’interno dei Giardini Pubblici Indro Montanelli di Milano.

La Fibrillazione Atriale è la più frequente tra le aritmie cardiache croniche. Al di sopra degli 85 anni, interessa quasi una persona su cinque, ed è una patologia destinata ad aumentare. I fattori di rischio o le condizioni che favoriscono la progressione della malattia sono: ipertensione arteriosa, obesità, diabete mellito, insufficienza renale e ipertiroidismo. Abuso di alcol, droghe e caffeina possono favorirla.

Come affermato da Nicoletta Reale, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Onlus, questi eventi sono l’occasione per informare il pubblico sui fattori di rischio della FA e sul suo pericoloso legame con l’ictus cerebrale. In Italia, sono circa 1 milione le persone con FA, che è la causa di circa il 20% degli ictus ischemici. Chi ne è affetto, vede aumentare da 4 a 9 volte, a seconda dell’età, il rischio di ictus tromboembolico, che tende ad essere più grave e portare danni maggiori. Ad oggi, però, si calcola che circa il 30-40% di pazienti affetti da questa patologia in Italia non riceva un trattamento adeguato, nonostante siano da tempo disponibili soluzioni terapeutiche in grado di trattare in maniera efficace, sicura e agevole questa malattia. Da qualche anno, infatti, sono prescrivibili anche nel nostro Paese gli anticoagulanti orali di nuova generazione (NAO) che, rispetto ai vecchi farmaci, presentano numerosi vantaggi. Infatti, le persone affette da fibrillazione atriale e in trattamento con anticoagulante vedono le proprie attività limitate a causa del rischio di emorragia, che può conseguire a operazioni o incidenti anche banali. La disponibilità oggi della reversibilità dell’azione anticoagulante dei farmaci permette di vedere diminuito l’impatto della malattia sulla qualità di vita.

 

 

Articoli correlati
Il Covid non ferma l’Ospedale Bufalini di Cesena, primo hub ‘Diamante’ in Italia per la cura dell’ictus cerebrale
Eccellenze della sanità | L’Ospedale romagnolo ha ottenuto l’ESO-Angels Award Diamond, progetto che ha già coinvolto più di 600 centri nosocomiali in tutta Europa. Più posti letto e riduzione dei tempi di presa in carico i punti di forza
Confermata sicurezza di edoxaban. De Caterina: «Ben tollerato anche da pazienti con insufficienza renale»
Spesso nei pazienti con fibrillazione atriale non vengono prescritti gli anticoagulanti per il rischio sanguinamento, ma ora si aprono nuovi scenari. È in corso lo studio registro internazionale ETNA AF che valuta l’impiego di edoxaban nella pratica clinica in più di 26mila pazienti affetti da fibrillazione atriale. De Caterina (Università di Pisa): «Non è stato osservato un aumento degli eventi emorragici intracranici in funzione dell’età»
Fibrillazione atriale e insufficienza renale: meno sanguinamenti ed emorragie con edoxaban
I dati presentati da Daiichi Sankyo all’ESC forniscono nuove evidenze sull'uso di edoxaban in popolazioni vulnerabili di pazienti fragili, anziani e con insufficienza renale e fibrillazione atriale
Lo yoga fa bene al cuore: ecco perché
Una recente ricerca ha dimostrato il legame tra yoga e salute del cuore. L’antica disciplina indiana è collegata al miglioramento dei sintomi nei pazienti cardiopatici
Fibrillazione atriale, bassa incidenza di sanguinamenti nei pazienti anziani e ad alto rischio trattati con edoxaban
I dati del registro ETNA-AF-Europe sono stati pubblicati su European Heart Journal e indicano che l’incidenza di ictus, embolia sistemica e sanguinamento maggiore è bassa nei pazienti con fibrillazione atriale trattati con edoxaban nella pratica clinica quotidiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...