OMCeO, Enti e Territori 16 Ottobre 2017

Ictus cerebrale, alla Fondazione Santa Lucia tutto sulla neuroriabilitazione

Il prossimo 29 ottobre si celebrerà in tutto il mondo la XIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale; tra le iniziative correlate, rientra l’evento “Dopo l’ictus cerebrale: percorsi di neuroriabilitazione in Italia tra competenze e passione”, organizzato dalla Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con A.L.I.Ce. Italia Onlus e previsto per mercoledì 25 ottobre 2017. L’incontro sarà ospitato dal Centro Congressi […]

Il prossimo 29 ottobre si celebrerà in tutto il mondo la XIII Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale; tra le iniziative correlate, rientra l’evento “Dopo l’ictus cerebrale: percorsi di neuroriabilitazione in Italia tra competenze e passione”, organizzato dalla Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con A.L.I.Ce. Italia Onlus e previsto per mercoledì 25 ottobre 2017. L’incontro sarà ospitato dal Centro Congressi della Fondazione Santa Lucia in via Ardeatina a Roma e vi parteciperanno esperti italiani e stranieri in ambito medico, tra cui il sociologo Domenico De Masi e il Coordinatore dell’Intergruppo Parlamentare sui problemi sociali dell’ictus cerebrale, Onorevole Gian Luigi Gigli. In questa occasione, A.L.I.Ce. Italia Onlus presenterà i primi risultati di un nuovo progetto di monitoraggio dei percorsi di neuroriabilitazione in Italia. I partecipanti potranno anche vedere in azione nuove tecnologie sviluppate dai Laboratori di Ricerca della Fondazione Santa Lucia e recentemente introdotte nei percorsi di cura dei pazienti post-ictus.

Leggi il Programma dell’Evento

L’incontro segue la scia della campagna di sensibilizzazione sull’ictus cerebrale e la fibrillazione atriale (FA) di A.L.I.Ce. Italia Onlus Riprenditi la vita”, che lo scorso 5 ottobre ha offerto screening gratuiti per la fibrillazione atriale all’interno dei Giardini Pubblici Indro Montanelli di Milano.

La Fibrillazione Atriale è la più frequente tra le aritmie cardiache croniche. Al di sopra degli 85 anni, interessa quasi una persona su cinque, ed è una patologia destinata ad aumentare. I fattori di rischio o le condizioni che favoriscono la progressione della malattia sono: ipertensione arteriosa, obesità, diabete mellito, insufficienza renale e ipertiroidismo. Abuso di alcol, droghe e caffeina possono favorirla.

Come affermato da Nicoletta Reale, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Onlus, questi eventi sono l’occasione per informare il pubblico sui fattori di rischio della FA e sul suo pericoloso legame con l’ictus cerebrale. In Italia, sono circa 1 milione le persone con FA, che è la causa di circa il 20% degli ictus ischemici. Chi ne è affetto, vede aumentare da 4 a 9 volte, a seconda dell’età, il rischio di ictus tromboembolico, che tende ad essere più grave e portare danni maggiori. Ad oggi, però, si calcola che circa il 30-40% di pazienti affetti da questa patologia in Italia non riceva un trattamento adeguato, nonostante siano da tempo disponibili soluzioni terapeutiche in grado di trattare in maniera efficace, sicura e agevole questa malattia. Da qualche anno, infatti, sono prescrivibili anche nel nostro Paese gli anticoagulanti orali di nuova generazione (NAO) che, rispetto ai vecchi farmaci, presentano numerosi vantaggi. Infatti, le persone affette da fibrillazione atriale e in trattamento con anticoagulante vedono le proprie attività limitate a causa del rischio di emorragia, che può conseguire a operazioni o incidenti anche banali. La disponibilità oggi della reversibilità dell’azione anticoagulante dei farmaci permette di vedere diminuito l’impatto della malattia sulla qualità di vita.

 

 

Articoli correlati
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
Fibrillazione atriale, Grimaldi (cardiologo): «Dati dimostrano che trattamento non interrotto con edoxaban è sicuro nei pazienti sottoposti ad ablazione»
Lo studio ELIMINATE è stato presentato al Congresso EHRA 2019 di Lisbona ad un simposio della Daiichi Sankyo. Il cardiologo dell'Ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti Massimo Grimaldi: «Importante proteggere il paziente dalle ischemie cerebrali senza però aumentare il rischio di emorragie maggiori»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti - inviati a Lisbona
Bayer: Rivaroxaban riduce rischio ictus ed embolia in pazienti con fibrillazione atriale
Bayer AG e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno riferito oggi nuovi dati real life dal database di Truven MarketScan negli Stati Uniti che dimostrano come i pazienti fragili, con Fibrillazione Atriale non-valvolare (FANV), trattati per un periodo di due anni con rivaroxaban, inibitore orale del Fattore Xa, hanno avuto […]
L’FDA conferma l’efficacia del rivaroxaban di Bayer per curare la fibrillazione atriale
Il Rapporto della statunitense Food and Drug Administration (FDA) pubblicato su “Pharmacoepidemiology & Drug Safety” conferma il profilo di  sicurezza ed efficacia di rivaroxaban in pazienti con Fibrillazione Atriale (FA). Il Rapporto riguarda i risultati dell’analisi condotta sui dati sanitari, in formato elettronico, inseriti nel programma di sicurezza statunitense Mini Sentinel, relativi a un’ampia popolazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...