Voci della Sanità 27 Agosto 2020 15:54

JCI: terzo sigillo d’oro di qualità per il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma

Nel corso dell’emergenza Covid la prestigiosa Joint Commission International ha esaminato le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili

Per la terza volta consecutiva il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ottiene il rinnovo dell’accreditamento della prestigiosa istituzione Joint Commission International (JCI). «Un sigillo d’oro che, dopo i riconoscimenti del 2014 e del 2017 – si legge nella nota del policlinico universitario – certifica in modo imparziale e rigoroso la qualità e le attenzioni che il Campus Bio-Medico mette in campo ogni giorno per garantire ai pazienti e agli operatori altissimi livelli di qualità e sicurezza in ambito sanitario».

«Dopo aver conquistato il primo riconoscimento nel settembre del 2014, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha ricevuto il secondo sigillo d’oro nel 2017. Il terzo è arrivato in un momento storico molto sfidante per la sanita mondiale».

La survey

«Questa survey si è svolta in un contesto certamente complesso, a sole quattro settimane dalla chiusura del Campus Covid Center. Gli ispettori hanno espresso parole di elogio per la nostra policy di qualità e di sicurezza a favore dei pazienti, sempre vissuta e ancora più confermata in questo periodo di emergenza epidemiologica » afferma Paolo Sormani, Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

«Gli esperti JCI sono stati particolarmente rigorosi e puntuali utilizzando una modalità inedita come quella della survey virtuale. Hanno dato maggiore attenzione al punto di vista dei pazienti intervistandone alcuni a sorpresa per verificare la percezione della qualità e della sicurezza nella vita di tutti i giorni in Policlinico. Molto approfondita anche la sessione riguardante gli standard sulla ricerca clinica» sottolinea Rossana Alloni, direttore clinico del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

«Nell’ambito degli indicatori di qualità e sicurezza – dichiara Lorenzo Sommella, Direttore Sanitario del Policlinico Universitario Campus Bio-medico – è stato molto apprezzato il lavoro svolto per il controllo delle infezioni associate all’assistenza mediante una politica di monitoraggio costante dei germi alert, di valutazione periodica del rischio, di rafforzamento continuo delle pratiche per la prevenzione della trasmissione delle infezioni e di formazione sul tema, rivolta ad operatori e pazienti. Questo impegno continuo si è arricchito con la recente realizzazione di una campagna per l’igiene delle mani e il contrasto dell’antibiotico resistenza tramite la composizione di un team di Antimicrobial Stewardship».

Il riconoscimento

«Anche quest’anno – prosegue la nota dell’ospedale – il riconoscimento è stato ottenuto non soltanto per l’attività sanitaria, ma anche per la didattica e la ricerca svolta nel Policlinico. Per questo, il ‘sigillo’ è stato rinnovato al Policlinico Universitario in qualità di Academic Medical Center Hospital. Gli standard centrati sui pazienti riguardano la sicurezza, l’accesso all’assistenza sanitaria e la continuità delle cure, i diritti e l’educazione del paziente e dei suoi familiari, la valutazione e la cura del paziente, l’assistenza anestesiologica e chirurgica, la gestione e l’utilizzo dei farmaci, soprattutto quelli ad alto rischio».

«Per quanto riguarda, invece, l’organizzazione e la gestione della struttura, gli standard interessano il miglioramento della qualità e la sicurezza del paziente, la prevenzione e il controllo delle infezioni, l’organizzazione, intesa come governo interno, leadership e direzione, la gestione e la sicurezza delle infrastrutture, la qualifica e la formazione del personale e la gestione della comunicazione e delle informazioni».

Articoli correlati
Tumore al seno, studio Campus Bio-Medico: un anticorpo monoclonale può bloccare la diffusione delle metastasi ossee
Un team internazionale guidato dall’Università Campus Bio-Medico di Roma e dall’Inserm di Lione ha dimostrato che l’inibizione della proteina integrina alfa5, tramite l’anticorpo monoclonale Volociximab, è in grado di bloccare l’insorgenza delle metastasi ossee
Recovery Fund e sanità, l’esperto: «Imprescindibile una cabina di regia»
Leoni (FNOMCeO): «Personale sanitario citato ben poco». Buttitta (Engineering Spa): «Telemedicina non è la bacchetta magica». Manfellotto (Fadoi): «Serve piano a fisarmonica per governare l'aumento e la riduzione dei posti letto»
di Tommaso Caldarelli
Così Joe Biden cambierà la sanità americana
Tutte le sfide della nuova presidenza americana. Ma sulla strada dei Democratici c’è la maggioranza risicata al Congresso
di Tommaso Caldarelli
Cure palliative, investimenti e audizioni per il Piano di Ripresa: la settimana in Parlamento
La crisi di Governo aleggia sempre sui lavori di Camera e Senato: passaggio cruciale la relazione sulla Giustizia del Ministro Bonafede. In Commissione Affari Sociali sfileranno gli ordini professionali per portare le loro osservazioni al Piano di Ripresa e Resilienza: FNOMCeO, FNO TSRM e PSTRP, FOFI, FIMMG, FNOPI, CNOP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...