Voci della Sanità 27 Agosto 2020 15:54

JCI: terzo sigillo d’oro di qualità per il Policlinico Campus Bio-Medico di Roma

Nel corso dell’emergenza Covid la prestigiosa Joint Commission International ha esaminato le strutture sanitarie, didattiche e di ricerca di UCBM, valutando la conformità agli standard internazionali di circa 1.300 diversi elementi misurabili

Per la terza volta consecutiva il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ottiene il rinnovo dell’accreditamento della prestigiosa istituzione Joint Commission International (JCI). «Un sigillo d’oro che, dopo i riconoscimenti del 2014 e del 2017 – si legge nella nota del policlinico universitario – certifica in modo imparziale e rigoroso la qualità e le attenzioni che il Campus Bio-Medico mette in campo ogni giorno per garantire ai pazienti e agli operatori altissimi livelli di qualità e sicurezza in ambito sanitario».

«Dopo aver conquistato il primo riconoscimento nel settembre del 2014, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha ricevuto il secondo sigillo d’oro nel 2017. Il terzo è arrivato in un momento storico molto sfidante per la sanita mondiale».

La survey

«Questa survey si è svolta in un contesto certamente complesso, a sole quattro settimane dalla chiusura del Campus Covid Center. Gli ispettori hanno espresso parole di elogio per la nostra policy di qualità e di sicurezza a favore dei pazienti, sempre vissuta e ancora più confermata in questo periodo di emergenza epidemiologica » afferma Paolo Sormani, Direttore Generale del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

«Gli esperti JCI sono stati particolarmente rigorosi e puntuali utilizzando una modalità inedita come quella della survey virtuale. Hanno dato maggiore attenzione al punto di vista dei pazienti intervistandone alcuni a sorpresa per verificare la percezione della qualità e della sicurezza nella vita di tutti i giorni in Policlinico. Molto approfondita anche la sessione riguardante gli standard sulla ricerca clinica» sottolinea Rossana Alloni, direttore clinico del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

«Nell’ambito degli indicatori di qualità e sicurezza – dichiara Lorenzo Sommella, Direttore Sanitario del Policlinico Universitario Campus Bio-medico – è stato molto apprezzato il lavoro svolto per il controllo delle infezioni associate all’assistenza mediante una politica di monitoraggio costante dei germi alert, di valutazione periodica del rischio, di rafforzamento continuo delle pratiche per la prevenzione della trasmissione delle infezioni e di formazione sul tema, rivolta ad operatori e pazienti. Questo impegno continuo si è arricchito con la recente realizzazione di una campagna per l’igiene delle mani e il contrasto dell’antibiotico resistenza tramite la composizione di un team di Antimicrobial Stewardship».

Il riconoscimento

«Anche quest’anno – prosegue la nota dell’ospedale – il riconoscimento è stato ottenuto non soltanto per l’attività sanitaria, ma anche per la didattica e la ricerca svolta nel Policlinico. Per questo, il ‘sigillo’ è stato rinnovato al Policlinico Universitario in qualità di Academic Medical Center Hospital. Gli standard centrati sui pazienti riguardano la sicurezza, l’accesso all’assistenza sanitaria e la continuità delle cure, i diritti e l’educazione del paziente e dei suoi familiari, la valutazione e la cura del paziente, l’assistenza anestesiologica e chirurgica, la gestione e l’utilizzo dei farmaci, soprattutto quelli ad alto rischio».

«Per quanto riguarda, invece, l’organizzazione e la gestione della struttura, gli standard interessano il miglioramento della qualità e la sicurezza del paziente, la prevenzione e il controllo delle infezioni, l’organizzazione, intesa come governo interno, leadership e direzione, la gestione e la sicurezza delle infrastrutture, la qualifica e la formazione del personale e la gestione della comunicazione e delle informazioni».

Articoli correlati
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»
A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco