Voci della Sanità 14 Aprile 2020

Formazione, al Campus Bio-Medico il primo corso manageriale post Covid19 per affrontare le emergenze in sanità

Avrà inizio il 30 giugno in modalità e-learning nell’università romana. Tra gli obiettivi quello di fornire nozioni su come riconvertire velocemente il modello clinico-assistenziale e apprendere le best practice per suggerire linee comuni e orientamenti strategici per il futuro

L’emergenza Covid19 sta mettendo a dura prova tutto il Sistema sanitario nazionale. Uno stress test che ha interessato in primo luogo strutture ospedaliere e Asl, chiamate a riconvertire reparti, creare percorsi dedicati per i malati e aumentare i posti di terapia intensiva.

Proprio per rafforzare queste competenze direzionali parte a giugno il “Corso di formazione manageriale in sanità abilitante per le funzioni di direzione” presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma. Naturalmente, essendo per il momento preclusa la possibilità di svolgere lezione dal vivo, il corso verrà erogato in modalità e-learning dal 30 giugno 2020, per poi proseguire con lezioni in presenza a partire dal 25 settembre 2020. C’è tempo fino al 12 giugno 2020 per presentare la propria candidatura.

Obiettivo del corso fornire nozioni che permettano ai candidati di gestire le emergenze sanitarie nazionali alla luce degli ultimi accadimenti legati al Covid19, riconvertire velocemente il modello clinico-assistenziale, apprendere le best practice per suggerire linee comuni e orientamenti strategici per il futuro. È dunque orientato a sviluppare le competenze necessarie per attuare politiche di programmazione sanitaria e interventi di miglioramento continuo della qualità, rispetto alle risorse strutturali, tecnologiche e umane dell’area di appartenenza, per garantire gli obiettivi del sistema organizzativo sanitario.

Nel comitato scientifico Flori Degrassi, Direttore generale Asl Roma2, Eugenio Guglielmelli, Pro-Rettore alla Ricerca Università Campus Bio-Medico di Roma, Giulio Iannello, Preside Facoltà Dipartimentale di Ingegneria Università Campus Bio-Medico di Roma, Antonio Ricciardi, Professore Ordinario di Economia Aziendale Università della Calabria e Direttore Generale IPE Business School, Paolo Sormani, Direttore Generale Policlinico Universitario Campus Bio-Medico.

Il corso si suddivide in quattro aree tematiche generali (Organizzazione e gestione dei servizi sanitari, indicatori di qualità dei servizi- Risk Management, Gestione delle risorse umane, Criteri di finanziamento ed elementi di bilancio e controllo) e due aree tematiche specialistiche, una per il profilo clinico-assistenziale, l’altra per il profilo amministrativo. Il corso si rivolge a Direttori Sanitari Aziendali del Sistema Sanitario della Regione Lazio non ancora in possesso dell’attestato di formazione manageriale in oggetto, Dirigenti di Unità Operativa Complessa con incarico di Direzione di Dipartimento/Area del Sistema Sanitario della Regione Lazio non ancora in possesso dell’attestato di formazione manageriale in oggetto, Dirigenti di Unità Operativa Complessa con incarico di Direzione di UOC del Sistema Sanitario della Regione Lazio non ancora in possesso dell’attestato di formazione manageriale in oggetto, Direttori Amministrativi Aziendali del Sistema Sanitario della Regione Lazio e medici, odontoiatri, veterinari, farmacisti, biologi, chimici, fisici, psicologi e dirigenti delle professioni sanitarie, amministrativi, professionali, tecnici, tecnico-sanitari del Sistema Sanitario della Regione Lazio con anzianità di servizio di almeno 5 anni di dirigenza, alla data del 21 aprile 2020 ma anche a professionisti non appartenenti al Sistema Sanitario della Regione Lazio.

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
«L’Europa sia pronta alle epidemie del futuro». L’appello degli scienziati guidati da Ippolito (Spallanzani)
Firmato da Giuseppe Ippolito, riunisce 15 esperti da Europa e Stati Uniti. Si chiede di riflettere sui fallimenti dell'epidemia e preparare un nuovo sistema di allerta precoce
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...