Voci della Sanità 15 Luglio 2019

Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci

Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia

Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci

Sono anziani, soffrono di più patologie e prendono in media dieci farmaci ogni giorno tra cui i colliri per abbassare la pressione oculare. Sono alcuni dei motivi che spiegano come mai circa il 40% dei pazienti affetti da glaucoma non aderisca alla terapia. Anzi, secondo quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Ophthalmology il 45% assume meno del 75% della dose prevista.

“Questi dati – commenta il professor Luciano Quaranta, direttore della Clinica Oculistica dell’Università di Pavia presso l’IRCCS San Matteo – ci danno la misura di quanto sia importante stimolare l’aderenza terapeutica nei nostri pazienti al fine di ridurre la progressione della malattia. L’aderenza e la persistenza terapeutica, infatti, sono degli aspetti fondamentali della cura del glaucoma”.

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, i “non aderenti” superano il 70% fra gli anziani, che spesso sono colpiti da diverse malattie e affrontano maggiori difficoltà a seguire le indicazioni del medico. Basta pensare che l’11% degli anziani (circa 1 milione e 500mila persone in Italia) deve assumere ogni giorno 10 o più farmaci.

Esistono delle cosiddette ‘barriere’ alla scarsa aderenza e resistenza alla terapia. “Tra queste – prosegue il professor Quaranta – quella di maggior rilevanza è la scarsa comprensione dell’efficacia della terapia perché il paziente non percepisce il beneficio della cura. Inoltre, c’è il problema della dimenticanza della somministrazione. E’ stato stimato, infatti, che i pazienti affetti da glaucoma assumono mediamente 2.7 farmaci per altre patologie sistemiche associate”. C’è anche una oggettiva difficoltà nella gestione del farmaco (flaconi piccoli o difficilmente utilizzabili da pazienti anziani) e degli orari di somministrazione. “Molti pazienti, soprattutto anziani – sottolinea l’esperto – la sera si dimenticano di somministrarsi il farmaco: si addormentano o fanno fatica a farsi aiutare di sera”.
Con quali conseguenze? “La mancata aderenza e persistenza terapeutica porta inesorabilmente ad una progressione della malattia. Stimolare l’aderenza terapeutica è di fondamentale importanza nel paziente glaucomatoso, al fine di evitare un progressivo ed inesorabile decadimento della funzione visiva” spiega il professor Quaranta.

Proprio con l’obiettivo di incentivare una maggior aderenza terapeutica nei pazienti con glaucoma, è stata scelta la App ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’, un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie e delle misurazioni di tutta la famiglia e di migliorare le performance di aderenza alla terapia.

Un progetto-pilota è partito da poco per favorire l’aderenza terapeutica dei pazienti glaucomatosi aiutandoli con questa App. I ‘nuovi anziani’, infatti, sono sempre più digitali. Secondo gli ultimi dati Istat, negli ultimi 12 mesi hanno utilizzato internet il 56% delle persone tra i 60 e i 64 anni, il 31% di quelli tra i 65 e 74 anni e l’8,8% degli over 75. Senza contare, poi, che la App può diventare uno strumento utilizzato anche dai care-giver familiari, siano essi consorti, figli o badanti.

Come funziona questa App? La soluzione integrata permette al medico (MMG o specialista), attraverso la web application Carepy Med, di inserire le prescrizioni dei farmaci e le terapie del paziente e di visualizzare in tempo reale un report sull’aderenza terapeutica comunicando, se necessario, direttamente con il paziente. Con Carepy Pharma, il farmacista verifica le prescrizioni e inserisce le informazioni sui farmaci e parafarmaci ritirati dal paziente. Carepy, in base alle indicazioni terapeutiche, supporta attivamente il farmacista nel controllo delle scorte e delle scadenze dei prodotti per tutta la famiglia e consente di inviare consigli mirati. I dati inseriti dal medico e dal farmacista sono visualizzabili direttamente dal paziente e dalla famiglia sull’App Carepy che gli segnala quando assumere i medicinali, quando effettuare misurazioni, quando recarsi ad un appuntamento o tornare in farmacia per rifornirsi di nuove confezioni e che gli fornisce consigli personalizzati per migliorare la salute. Carepy è già attiva su tutto il territorio nazionale ed è lo strumento utilizzato nel progetto-pilota sull’aderenza terapeutica dei pazienti con glaucoma, partito da qualche mese.

Per un anno, nell’ambito di un progetto-pilota realizzato con il contributo non condizionato di Visufarma, il servizio verrà distribuito in 30 farmacie (10 per area geografica: Nord, Centro e Sud) ad un totale di 300 pazienti con glaucoma per misurare la loro aderenza nelle terapie ipotonizzanti e complementari. “Sicuramente il fatto di coinvolgere più figure nella gestione del paziente è di grande utilità. Infatti, avere come alleato nella cura della malattia anche il farmacista non può che migliorare la sorveglianza sull’aderenza terapeutica”, dichiara Quaranta. “Sono del parere che coinvolgere anche altri professionisti della salute nel monitoraggio del paziente affetto da glaucoma non possa che migliorare il risultato finale che è la preservazione della funzione visiva. Questa doppia vigilanza anche da parte del farmacista penso possa essere di grande utilità per migliorare anche da un punto di vista psicologico l’approccio alla malattia da parte del paziente, che non deve mai essere lasciato solo nella gestione del percorso terapeutico”.

E’ possibile scaricare la App gratuitamente da Play Store o Apple Store.

Articoli correlati
Al via il Congresso virtuale SOI, Piovella: «Con la pandemia 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno»
Il presidente sottolinea l’impegno della Società oftalmologica italiana e incoraggia l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi per tracciare gli eventuali positivi e convincere i pazienti a prenotare le visite oculistiche
Sclerosi Multipla: identificate cellule retiniche in grado di contrastare fenomeni di neurodegenerazione
Lo studio congiunto dell’IRCCS Fondazione Bietti, in collaborazione con l’IRCCS Neuromed e la Clinica Neurologica dell’Università di Tor Vergata
Vaccini per il Covid-19: saranno sicuri? Come verranno distribuiti? Le risposte a FarmacistaPiù
Le opinioni del Professor Guido Rasi, Direttore esecutivo dell'Agenzia Europea per i medicinali e dell’On. Andrea Mandelli, presidente FOFI e presidente del Congresso
Farmacie punto di riferimento essenziale per i cittadini durante la pandemia. I dati del “III Rapporto annuale sulla farmacia” di Cittadinanzattiva
Durante la pandemia, anche tra le diverse difficoltà dovute alla contingenza, gran parte dei cittadini ha percepito la farmacia come un luogo “sicuro” e dove trovare le informazioni utili per affrontare l'emergenza sanitaria
Test sierologici e tamponi antigenici nelle farmacie del Lazio
Lo ha annunciato l'assessore alla Sanità e Integrazione socio sanitaria Alessio D'Amato nel bollettino quotidiano sull'andamento dell'epidemia a Roma e province. La soddisfazione di Federfarma Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli