Voci della Sanità 12 Agosto 2022 15:32

Giornata internazionale della gioventù, da Croce Rossa appello per scambio tra generazioni

In occasione della Giornata Internazionale della Gioventù, la Croce Rossa Italiana lancia un appello per favorire un vero scambio tra diverse generazioni che favorisca il dialogo e contrasti fenomeni di discriminazione

Giornata internazionale della gioventù, da Croce Rossa appello per scambio tra generazioni

In occasione della Giornata Internazionale della Gioventù, che ricorre oggi, istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale dell’ONU e che celebra il protagonismo dei giovani di tutto il mondo, la Croce Rossa Italiana lancia, attraverso il suo presidente Francesco Rocca e il Rappresentante dei Giovani, Matteo Camporeale un appello per favorire un vero scambio tra diverse generazioni che favorisca il dialogo e contrasti fenomeni di discriminazione.

Una maggiore interconnessione e collaborazione fra generazioni

Un appello che si muove nella direzione già promossa dalla Croce Rossa Italiana attraverso i Giovani della CRI, per una maggiore interconnessione e collaborazione interna tra generazioni, attuata rafforzando una cultura del volontariato che sappia adattarsi al linguaggio e agli interessi dei giovani e che, al contempo, garantisca la piena partecipazione di tutti i volontari rispetto al conseguimento della mission di Croce Rossa Italiana.

Rocca: «Noi adulti dobbiamo guadagnare la fiducia dei giovani»

«Non basta dare soltanto fiducia ai giovani, dobbiamo noi adulti guadagnare la loro», dice il presidente Rocca. «Questo è il senso di un vera solidarietà intergenerazionale che la Croce Rossa promuove a tutti i livelli. La nostra associazione, infatti, ha diversi giovani tra i suoi ruoli apicali. E a ben diritto, visto che degli oltre 150.000 volontari in Italia, circa 45.000 sono under 31. Un numero significativo di ragazze e ragazzi – continua – che hanno il diritto/dovere di traghettare la Croce Rossa Italiana verso il futuro. L’impegno proattivo dei nostri Volontari giovani è l’antidoto alla alla solitudine di questa generazione che ha vissuto e vive sfide complesse. Il tema di questa giornata è molto importante perché sottolinea la via corretta per il superamento della marginalizzazione dei giovani in una società sempre meno inclusiva, sempre più complessa».

Sinergia tra le generazioni è fondamentale per una comunità inclusiva

«Le barriere intergenerazionali sono una delle principali sfide che noi giovani siamo chiamati a fronteggiare – spiega Matteo Camporeale, vicepresidente nazionale e rappresentante dei Giovani della Croce Rossa Italiana – nel mondo associativo ma soprattutto all’interno della società, consapevoli che il rispetto, la solidarietà e la sinergia tra le generazioni siano una condizione fondamentale per rendere le comunità realmente inclusive e capaci di tutelare il benessere delle persone, di tutte le età, che ne fanno parte».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«La nostra ricetta di felicità? Il volontariato». Le storie di Eleonora e Gaia
Dove c’è gioia può esserci anche tristezza. Gaia: «In un luogo dove gli ospiti sono anziani e malati, la sofferenza non tarda mai ad arrivare. Può accadere che, da un momento all’altro, si sia costretti a salutare qualcuno per sempre. Ma anche questa è vita».
Tumore al seno e volontariato, nel 2020 oltre 3.900 operatori hanno aiutato 29mila pazienti e 69mila donne
Presentata l’analisi di Europa Donna Italia condotta su 121 associazioni. Il 38% è impegnato sia all’interno delle Breast Unit sia sul territorio. Raccolti più di 13 milioni di euro. La presidente Rosanna D’Antona: «Nonostante la pandemia e il lockdown continua il supporto a pazienti, caregiver e cittadini nel pieno rispetto delle norme stabilite dalle autorità»
Milano, il ruolo dei volontari di strada per la gestione degli invisibili
Cisom, Medici Volontari e Progetto Arca al fianco di chi vive in strada (prima, durante e dopo la pandemia)
di Federica Bosco
La storia di Maria Sara Feliciangeli, “l’angelo in moto” Cavaliere al merito della Repubblica
La presidente e fondatrice di “Angeli in moto: «Consegniamo farmaci e beni di prima necessità a domicilio dal 2015. Durante la pandemia le sedi dell’associazione sono passate da quattro a quarantadue, con 800 volontari in tutta Italia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi