OMCeO, Enti e Territori 19 dicembre 2016

Genova, inaugurato nido comunale grazie a Consulcesi Onlus

Lunedì 19 dicembre, il sindaco Marco Doria e gli assessori Pino Boero e Giovanni Crivello inaugurano ufficialmente alle ore 15.30 il nido d’infanzia di via Pellegrini 19. Spazi esterni, aree per il gioco, per il pasto, e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con […]

Lunedì 19 dicembre, il sindaco Marco Doria e gli assessori Pino Boero e Giovanni Crivello inaugurano ufficialmente alle ore 15.30 il nido d’infanzia di via Pellegrini 19. Spazi esterni, aree per il gioco, per il pasto, e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con proprio personale.

L’opera, fortemente voluta dalla cittadinanza sampierdarenese, è il frutto di un progetto all’avanguardia che ha dato luogo alla demolizione dell’ex scuola elementare, in disuso da anni, la cui area è stata bonificata, consentendo così la realizzazione di un nuovo servizio pubblico dedicato alla primissima infanzia. A luglio, per testare l’interesse e il gradimento delle famiglie, il nido è stato aperto per alcuni giorni riscuotendo consensi molto positivi. Attualmente il nido lavora a pieno regime.

L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con proprio personale. Questo, tra le altre cose, garantisce un’articolazione tariffaria maggiormente vantaggiosa per il particolare contesto socio-economico del quartiere.

L’apertura è avvenuta anche grazie al contributo di uno sponsor (Associazione Consulcesi Onlus), che ha acquistato parte degli arredi e giochi, destinati all’allestimento di uno spazio morbido per la psicomotricità ed il movimento in sicurezza dei più piccini ed un centro per le attività simboliche e di finzione.

Strutturalmente si tratta di un edificio ad una sola elevazione costituito da diversi corpi in base alle funzioni svolte: l’area per il gioco, per il riposo, per il pasto, per il gioco libero e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. I vari elementi sono raccordati dal grande salone d’ingresso che non rappresenta solo il luogo di accoglienza dei bambini ma anche uno spazio comune da utilizzare in occasioni particolari, come ad esempio le feste. Il nido è inoltre dotato di un ampio spazio esterno, sempre con accesso dal salone d’ingresso, con una porzione di pavimentazione antitrauma.

I servizi educativi per la prima infanzia comunali fondano la propria offerta formativa sulla continuità educativa e didattica. Per questo momenti delicati come il primo ingresso al nido, il passaggio dal nido alla scuola dell’infanzia sono oggetto di particolare attenzione. Il progetto educativo di questo primo anno è focalizzato principalmente sull’ambientamento dei bambini con obiettivi mirati allo sviluppo della socializzazione, delle potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali, al loro benessere psico-fisico e alla costruzione di un positivo rapporto di fiducia con le famiglie. Molta cura è dedicata all’allestimento degli spazi interni con particolare riguardo alla loro strutturazione per l’avvio di un progetto educativo ad impronta montessoriana, inoltre l’adesione all’area tematica “Orto in condotta” consentirà la valorizzazione dell’area esterna.

Articoli correlati
Alimenti, vestiti, giocattoli e soprattutto sorrisi. Il cuore di Consulcesi Onlus batte per i bambini di Tirana
Insieme alla Fundjave Ndryshe un contributo alle famiglie in maggiori difficoltà sociali ed economiche. I collaboratori della sede albanese del Gruppo Consulcesi, dai dipendenti ai manager, hanno devoluto il loro regalo di Natale aziendale in beneficienza e c’è stata una vera e propria gara per poter far parte della delegazione che si è occupata della consegna. Il racconto commosso: «Da quei bambini abbiamo ricevuto molto di più di quello che abbiamo donato»
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
La storia di Rose, l’infermiera ugandese che salvò la vita a centinaia di donne malate di Aids. Come? Costruendo una scuola
Il progetto della Ong AVSI “Uganda come a casa”, appoggiato da Consulcesi Onlus e raccontato da Andrea Nembrini, Education Advisor e responsabile della scuola primaria di Kampal, è finalizzato alla costruzione di scuole che abbiano anche una funzione sociale, diventando punti di accoglienza oltre che di formazione
Natale al fianco dei bambini per Consulcesi Onlus  
Tablet utili per la consultazione delle cartelle cliniche e sostegno al progetto sperimentale contro il tumore del sistema centrale dei bambini. Il Presidente di Consulcesi Onlus, Massimo Tortorella: «Il nostro impegno per i bambini di tutto il mondo…»
Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»
Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo "10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...