Voci della Sanità 19 Dicembre 2016

Genova, inaugurato nido comunale grazie a Consulcesi Onlus

Lunedì 19 dicembre, il sindaco Marco Doria e gli assessori Pino Boero e Giovanni Crivello inaugurano ufficialmente alle ore 15.30 il nido d’infanzia di via Pellegrini 19. Spazi esterni, aree per il gioco, per il pasto, e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con […]

Lunedì 19 dicembre, il sindaco Marco Doria e gli assessori Pino Boero e Giovanni Crivello inaugurano ufficialmente alle ore 15.30 il nido d’infanzia di via Pellegrini 19. Spazi esterni, aree per il gioco, per il pasto, e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con proprio personale.

L’opera, fortemente voluta dalla cittadinanza sampierdarenese, è il frutto di un progetto all’avanguardia che ha dato luogo alla demolizione dell’ex scuola elementare, in disuso da anni, la cui area è stata bonificata, consentendo così la realizzazione di un nuovo servizio pubblico dedicato alla primissima infanzia. A luglio, per testare l’interesse e il gradimento delle famiglie, il nido è stato aperto per alcuni giorni riscuotendo consensi molto positivi. Attualmente il nido lavora a pieno regime.

L’asilo è direttamente gestito dal Comune di Genova con proprio personale. Questo, tra le altre cose, garantisce un’articolazione tariffaria maggiormente vantaggiosa per il particolare contesto socio-economico del quartiere.

L’apertura è avvenuta anche grazie al contributo di uno sponsor (Associazione Consulcesi Onlus), che ha acquistato parte degli arredi e giochi, destinati all’allestimento di uno spazio morbido per la psicomotricità ed il movimento in sicurezza dei più piccini ed un centro per le attività simboliche e di finzione.

Strutturalmente si tratta di un edificio ad una sola elevazione costituito da diversi corpi in base alle funzioni svolte: l’area per il gioco, per il riposo, per il pasto, per il gioco libero e per i laboratori, di cui uno di tipo montessoriano. I vari elementi sono raccordati dal grande salone d’ingresso che non rappresenta solo il luogo di accoglienza dei bambini ma anche uno spazio comune da utilizzare in occasioni particolari, come ad esempio le feste. Il nido è inoltre dotato di un ampio spazio esterno, sempre con accesso dal salone d’ingresso, con una porzione di pavimentazione antitrauma.

I servizi educativi per la prima infanzia comunali fondano la propria offerta formativa sulla continuità educativa e didattica. Per questo momenti delicati come il primo ingresso al nido, il passaggio dal nido alla scuola dell’infanzia sono oggetto di particolare attenzione. Il progetto educativo di questo primo anno è focalizzato principalmente sull’ambientamento dei bambini con obiettivi mirati allo sviluppo della socializzazione, delle potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali, al loro benessere psico-fisico e alla costruzione di un positivo rapporto di fiducia con le famiglie. Molta cura è dedicata all’allestimento degli spazi interni con particolare riguardo alla loro strutturazione per l’avvio di un progetto educativo ad impronta montessoriana, inoltre l’adesione all’area tematica “Orto in condotta” consentirà la valorizzazione dell’area esterna.

Articoli correlati
Roberto, il medico di Cosenza che salva gli eritrei dalle morti per insufficienza renale
In 15 anni di volontariato ha formato una equipe di medici ad Asmara con il sostegno di Consulcesi Onlus. Realizzata la prima dialisi ad Alta efficienza nella storia dell’Eritrea. Il dottor Pititto: “L’Africa mi ha dato più di quello che ci ho messo io”
Terremoto Albania, Sanità di Froniera e Consulcesi Onlus offrono visite mediche, tendopoli e sostegno psicologico
Attive l'unità mobile per prestare primo soccorso nelle zone più remote e una raccolta fondi per portare avanti i progetti di solidarietà rivolti alla popolazione albanese
Terremoto Albania, parte l’unità mobile di Sanità di Frontiera e Consulcesi Onlus
L’appello a medici volontari di Consulcesi Onlus: “Situazione critica, servono infermieri, medici di base e psicologi”
Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus
«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione
Maratona di Roma: #salutextutti, al via la campagna social per correre a favore delle periferie
Consulcesi Onlus dà il via alla raccolta fondi per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione” che offre assistenza sanitaria nelle periferie più svantaggiate di Roma. Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che parteciperanno alla Stracittadina per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...