OMCeO, Enti e Territori 29 novembre 2018

Al Forum Risk Management il punto di vista delle ostetriche sul SSN e percorso nascita

Tra i protagonisti del 13° Forum Risk ci sarà anche la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) con un proprio evento dedicato al Percorso nascita. Un pomeriggio suddiviso in tre sessioni durante le quali si confronteranno i principali attori di questa tematica: le componenti del Comitato centrale FNOPO, dirigenti del Ministero della […]

Immagine articolo

Tra i protagonisti del 13° Forum Risk ci sarà anche la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) con un proprio evento dedicato al Percorso nascita. Un pomeriggio suddiviso in tre sessioni durante le quali si confronteranno i principali attori di questa tematica: le componenti del Comitato centrale FNOPO, dirigenti del Ministero della Salute componenti del Comitato Percorso Nascita nazionale, rappresentanti Agenas e le responsabili dei tre Centri nascita attualmente presenti e attivi in Italia: Torino, Genova e Firenze.

«La decisione di avere uno spazio all’interno di questa edizione del Risk Management in sanità è stata altamente simbolica e specifica – commentano i vertici della Federazione Ostetrica -. Un’occasione che non potevamo farci sfuggire per due motivi: innanzitutto per la ricorrenza di un anniversario importantissimo e decisivo per la sanità del nostro Paese, ovvero l’istituzione del Sistema sanitario nazionale, in secondo luogo perché la gravidanza a basso rischio ostetrico è stato il tema centrale dell’ultimo Congresso nazionale concluso il 6 ottobre a Modena».

LEGGI ANCHE: AL VIA IL CONGRESSO FNOPO, LA PRESIDENTE VICARIO: «LE OSTETRICHE DEVONO POTER GESTIRE LA GRAVIDANZA A BASSO RISCHIO IN AUTONOMIA»

«La nascita del Sistema sanitario nazionale (SSN) se da una parte ha rappresentato uno strumento con cui rendere concreto il diritto alla salute per tutti i cittadini, dall’altra non ha avuto un impatto positivo per la Categoria ostetrica – spiega una nota – traducendosi con la perdita del contatto con le donne sul territorio a seguito della soppressione della condotta ostetrica. La sicurezza che il nuovo SSN ha voluto garantire all’evento nascita è stata via via trasformata nella costante medicalizzazione di un evento naturale, anche nei casi di basso rischio ostetrico assistiti esclusivamente negli ospedali e all’insegna della “medicina difensiva” sempre più incombente. Le tre sessioni formative vogliono essere quindi un luogo privilegiato nel quale confrontarsi su modelli assistenza ormai consolidati nei Paesi del nord Europa che, pur mantenendo alti livelli di sicurezza e qualità, tutelano l’aspetto umano e psicologico delle cure, facendo vivere alla donna e alla famiglia tutta la serenità propria di una fase della vita che non deve essere concepita come malattia».

«Quale esperta del rischio clinico nella sanità della mia regione, l’Emila Romagna, – commenta la vicepresidente FNOPO, Silvia Vaccari – il mio contributo si concentrerà sui possibili percorsi per la gestione del rischio clinico ostetrico nel basso-alto rischio. Il contributo e il lavoro delle ostetriche, infatti, risultano importanti poiché sono le professioniste che, grazie al loro percorso formativo, sono e devono restare il punto di riferimento della donna e del medico specialista durante tutto il periodo della gravidanza, del puerperio e dell’allattamento».

«La seconda sessione dell’evento FNOPO all’interno del Forum Risk management sarà dedicato alla appropriatezza delle cure nel percorso nascita – spiega la presidente FNOPO, Maria Vicario -. All’interno di questo spazio, come Federazione abbiamo deciso di portare le esperienze delle tre responsabili degli altrettanti Centri nascita attualmente presenti in Italia: Torino, Genova e Firenze. Tre modelli che possono diventare un punto di riferimento per la gestione delle gravidanze a basso rischio da parte delle ostetriche, sempre garantendo il massimo della sicurezza e della qualità delle cure alle donne e al nascituro».

«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane non potevamo non confrontarci sul modello di assistenza sanitaria istituito 40 anni fa, che sarà infatti il tema della prima sessione pomeridiana – spiegano i vertici FNOPO -. I principi di universalità e gratuità ai quali la L. 833/78 si ispira devono oggi fare i conti con i mutamenti nello scenario demografico e socio-economico italiano ed europeo che mettono a rischio la vera e sostanziale uguaglianza ed equità nell’accesso alle cure. È quindi necessario che tutti i professionisti chiamati a tutelare la salute pubblica si schierino a vantaggio della sostenibilità del welfare sanitario e le ostetriche sono in prima linea con progetti e modelli di assistenza sia in ospedale sia sul territorio. In particolare, alla luce dei recenti dati Istat sul decremento delle nascite nel nostro Paese dove si registrano circa 15mila nati in meno nel 2017 rispetto al 2016, mostrando un fenomeno che sembra quasi inarrestabile».

«È in corso l’implementazione in vari luoghi Consultori e centri familiari, anche in collaborazione con i medici di medicina generale del modello di Ostetricia di famiglia e comunità volto alla promozione e la tutela della salute femminile – concludono la segretaria FNOPO, Marialisa Coluzzi, e la consigliera FNOPO Iolanda Rinaldi -. Siamo convinte che solo una presenza capillare delle ostetriche sul territorio possa avere il duplice vantaggio di garantire cure di qualità con un contenimento della spesa sanitaria, con beneficio per l’economia del nostro Paese».

Articoli correlati
Allattamento al seno: carente la formazione per il personale. Vicario (FNOPO): «Promuovere percorsi adeguati per professionisti di ogni ordine e grado»
«Sostenere l’allattamento materno significa garantire personale sanitario preparato, necessari percorsi formativi e una rete locale di professionisti competenti», ha affermato la presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica
di Lucia Oggianu
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
Ostetriche, Fnopo: «Incontro con rappresentanti politici della Regione Abruzzo bel segnale della politica»
«Come rappresentanti nazionali della Professione Ostetrica abbiamo ritenuto importante sostenere la richiesta dei presidenti degli Ordini provinciali della Regione Abruzzo, Cinzia Di Matteo (Chieti), Federica Sisani (L’Aquila), Annarita Lanciotti (Pescara) e Allegrina Di Giorgio (Teramo) affinché vi fosse un incontro regionale con i politici locali l’Assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, il Direttore dell’Agenzia Sanitaria […]
Ostetriche, in Italia sempre meno in organico. Nadia Rovelli (Milano): «Adottare modello di presa in carico della madre. Oggi 3 ostetriche per 3mila parti»
Nel nostro paese solo 16507 professioniste contro le 31mila della Gb. La presidente dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza Brianza sottolinea: «Oggi l’accordo Stato-Regioni prevede che ci sia una correlazione tra ostetriche e numero di parti, ma l’interpretazione della legge è lasciata alla discrezionalità delle varie aziende»
di Federica Bosco
Ostetricia, alla professione riconosciuti tre master. Vaccari (Fnopo): «Con quello di famiglia colmiamo vuoto a livello territoriale»
La vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetricia sottolinea: «Obiettivo creare nuovi posti di lavoro e soprattutto e produrre risposte ferme e culturalmente supportate da evidenze scientifiche agli attuali bisogni di salute»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...