OMCeO, Enti e Territori 14 Maggio 2019

Fnopo: «Bene App “Mamma in salute”. Alla Grillo rinnoviamo richiesta di incontro per promozione della salute femminile»

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”. «Nell’epoca della massima diffusione e uso […]

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”.

«Nell’epoca della massima diffusione e uso di internet, dei rischi connessi a siti di dubbia provenienza che diffondono fake news e teorie antiscientifiche, sembra quanto mai doveroso fornire informazioni serie e scientificamente validate su tutto ciò che riguarda uno dei periodi più belli e più delicati della vita di una donna che desidera diventare mamma: la gravidanza – affermano le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) -. Per una donna, infatti, non c’è nulla di più rassicurante che trovare risposte alle loro domande da una fonte autorevole quale il Ministero della Salute. Ovviamente, così come affermato dallo stesso ministro Grillo, l’app non può in alcun modo sostituire il consulto fornito alle donne da professionisti che operano nelle strutture pubbliche, private e convenzionate, ma è uno strumento di supporto. In tali luoghi, infatti, le future mamme hanno la garanzia di ricevere visite, controlli, consulenze e informazioni sul migliore percorso da attivare rispetto alle loro aspettative e al loro stato di salute attuale e futuro. Le ostetriche, in particolare, rappresentano le professioniste che, grazie alla loro specifica formazione, sono in grado di accompagnare la donna /coppia lungo tutto il percorso nascita e raccogliere anche le solitudini, le paure che a volte possono avvertire le donne e quindi essere le sentinelle per eventuali casi di depressione post partum».

«Fa piacere riscontrare la sensibilità personale del ministro Grillo rispetto a questo tema, grazie anche alla sua recente maternità – sottolinea la presidente FNOPO, Maria Vicario -. Come Federazione, cogliamo l’occasione per rinnovare la richiesta di un incontro su tematiche di specifico interesse per la salute femminile e di tutta la famiglia, che questa Federazione sta già affrontando, attraverso molti tavoli tecnici istituzionali e interdisciplinari, con proposte nuove di salvaguardia dell’offerta pubblica di cure sicure e di qualità ma, anche di impatto sulla sostenibilità dell’intero sistema sanitario. In particolare – prosegue – sarebbe l’occasione privilegiata per confrontarsi sulle migliori azioni da intraprendere per implementare su scala nazionale, il progetto l’“ostetrica di famiglia e di comunità”, di cui ha parlato lo stesso Ministro durante il suo intervento nel corso della Seconda Conferenza Nazionale “Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento».

«L’incontro – concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO – rappresenterebbe per tutte le ostetriche un importante riconoscimento istituzionale per il ruolo svolto nel nostro sistema salute e anche la base di partenza per sviluppare ulteriormente la qualità dell’assistenza fornita alle donne, al nascituro, alla famiglia e alla comunità».

Articoli correlati
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Aggressioni operatori sanitari, approvato il Ddl in Commissione Sanità: inasprite le pene e introdotta la procedibilità d’ufficio
Previsto inoltre un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari al ministero della Salute. Il ministro Grillo: «Un passo importante contro gli odiosi episodi di aggressioni e minacce in corsia»
Roma, salute lungo il Tevere con i medici del Fatebenefratelli
Parte il progetto dell’ospedale Fatebenefratelli  per sensibilizzare la popolazione sul tema della prevenzione. A partire dal 5 al 22 luglio, dalle 19.30, i medici dell’ospedale saranno sulla banchina del Tevere, con uno stand sotto l’Isola Tiberina, per rispondere alle domande dei cittadini, parlare di cura e stili di vita. Ecco il calendario: 5-6 con i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...