Voci della Sanità 14 Maggio 2019 11:57

Fnopo: «Bene App “Mamma in salute”. Alla Grillo rinnoviamo richiesta di incontro per promozione della salute femminile»

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”. «Nell’epoca della massima diffusione e uso […]

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”.

«Nell’epoca della massima diffusione e uso di internet, dei rischi connessi a siti di dubbia provenienza che diffondono fake news e teorie antiscientifiche, sembra quanto mai doveroso fornire informazioni serie e scientificamente validate su tutto ciò che riguarda uno dei periodi più belli e più delicati della vita di una donna che desidera diventare mamma: la gravidanza – affermano le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) -. Per una donna, infatti, non c’è nulla di più rassicurante che trovare risposte alle loro domande da una fonte autorevole quale il Ministero della Salute. Ovviamente, così come affermato dallo stesso ministro Grillo, l’app non può in alcun modo sostituire il consulto fornito alle donne da professionisti che operano nelle strutture pubbliche, private e convenzionate, ma è uno strumento di supporto. In tali luoghi, infatti, le future mamme hanno la garanzia di ricevere visite, controlli, consulenze e informazioni sul migliore percorso da attivare rispetto alle loro aspettative e al loro stato di salute attuale e futuro. Le ostetriche, in particolare, rappresentano le professioniste che, grazie alla loro specifica formazione, sono in grado di accompagnare la donna /coppia lungo tutto il percorso nascita e raccogliere anche le solitudini, le paure che a volte possono avvertire le donne e quindi essere le sentinelle per eventuali casi di depressione post partum».

«Fa piacere riscontrare la sensibilità personale del ministro Grillo rispetto a questo tema, grazie anche alla sua recente maternità – sottolinea la presidente FNOPO, Maria Vicario -. Come Federazione, cogliamo l’occasione per rinnovare la richiesta di un incontro su tematiche di specifico interesse per la salute femminile e di tutta la famiglia, che questa Federazione sta già affrontando, attraverso molti tavoli tecnici istituzionali e interdisciplinari, con proposte nuove di salvaguardia dell’offerta pubblica di cure sicure e di qualità ma, anche di impatto sulla sostenibilità dell’intero sistema sanitario. In particolare – prosegue – sarebbe l’occasione privilegiata per confrontarsi sulle migliori azioni da intraprendere per implementare su scala nazionale, il progetto l’“ostetrica di famiglia e di comunità”, di cui ha parlato lo stesso Ministro durante il suo intervento nel corso della Seconda Conferenza Nazionale “Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento».

«L’incontro – concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO – rappresenterebbe per tutte le ostetriche un importante riconoscimento istituzionale per il ruolo svolto nel nostro sistema salute e anche la base di partenza per sviluppare ulteriormente la qualità dell’assistenza fornita alle donne, al nascituro, alla famiglia e alla comunità».

Articoli correlati
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
L’esposizione ai PFAS aumenta il rischio cancro nelle donne
Le donne esposte a diverse sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) hanno un rischio maggiore di sviluppare vari tipi di cancro, tra i quali quello alle ovaie, all'utero, alla pelle e al seno. A lanciare l'allarme è un nuovo studio finanziato dal governo degli Stati Uniti, pubblicato sul Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology
Epilessia, LICE: «La famiglia è caregiver più prezioso»
La LICE, Lega Italiana Contro l’Epilessia, in occasione della Giornata dedicata alla Famiglia, accende i riflettori su tutte le mamme, papà, fratelli e parenti che si prendono cura ogni giorno di una persona che soffre, ricordando che la famiglia rappresenta il caregiver più prezioso, e a volte insostituibile, per le prsone con epilessia
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...