Voci della Sanità 14 Maggio 2019 11:57

Fnopo: «Bene App “Mamma in salute”. Alla Grillo rinnoviamo richiesta di incontro per promozione della salute femminile»

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”. «Nell’epoca della massima diffusione e uso […]

La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”.

«Nell’epoca della massima diffusione e uso di internet, dei rischi connessi a siti di dubbia provenienza che diffondono fake news e teorie antiscientifiche, sembra quanto mai doveroso fornire informazioni serie e scientificamente validate su tutto ciò che riguarda uno dei periodi più belli e più delicati della vita di una donna che desidera diventare mamma: la gravidanza – affermano le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) -. Per una donna, infatti, non c’è nulla di più rassicurante che trovare risposte alle loro domande da una fonte autorevole quale il Ministero della Salute. Ovviamente, così come affermato dallo stesso ministro Grillo, l’app non può in alcun modo sostituire il consulto fornito alle donne da professionisti che operano nelle strutture pubbliche, private e convenzionate, ma è uno strumento di supporto. In tali luoghi, infatti, le future mamme hanno la garanzia di ricevere visite, controlli, consulenze e informazioni sul migliore percorso da attivare rispetto alle loro aspettative e al loro stato di salute attuale e futuro. Le ostetriche, in particolare, rappresentano le professioniste che, grazie alla loro specifica formazione, sono in grado di accompagnare la donna /coppia lungo tutto il percorso nascita e raccogliere anche le solitudini, le paure che a volte possono avvertire le donne e quindi essere le sentinelle per eventuali casi di depressione post partum».

«Fa piacere riscontrare la sensibilità personale del ministro Grillo rispetto a questo tema, grazie anche alla sua recente maternità – sottolinea la presidente FNOPO, Maria Vicario -. Come Federazione, cogliamo l’occasione per rinnovare la richiesta di un incontro su tematiche di specifico interesse per la salute femminile e di tutta la famiglia, che questa Federazione sta già affrontando, attraverso molti tavoli tecnici istituzionali e interdisciplinari, con proposte nuove di salvaguardia dell’offerta pubblica di cure sicure e di qualità ma, anche di impatto sulla sostenibilità dell’intero sistema sanitario. In particolare – prosegue – sarebbe l’occasione privilegiata per confrontarsi sulle migliori azioni da intraprendere per implementare su scala nazionale, il progetto l’“ostetrica di famiglia e di comunità”, di cui ha parlato lo stesso Ministro durante il suo intervento nel corso della Seconda Conferenza Nazionale “Protezione, promozione e sostegno dell’allattamento».

«L’incontro – concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO – rappresenterebbe per tutte le ostetriche un importante riconoscimento istituzionale per il ruolo svolto nel nostro sistema salute e anche la base di partenza per sviluppare ulteriormente la qualità dell’assistenza fornita alle donne, al nascituro, alla famiglia e alla comunità».

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa