Voci della Sanità 29 Settembre 2020 11:15

Emofilia: Csl Behring mette a disposizione servizio per consegna a domicilio dei farmaci

La pandemia di Covid-19 ha messo in evidenza l’esigenza di servizi sul territorio, non solo per i soggetti Covid positivi ma per tutti quelli considerati ‘fragili’ a causa di una condizione patologica preesistente. «Oggi CSL Behring ha deciso di rinnovare ‘sine die’ – per i pazienti emofilici trattati con i suoi prodotti – un servizio di consegna a domicilio di quelli che sono considerati farmaci salvavita, così da ridurre al minimo il numero di accessi ai presidi farmaceutici in osservanza delle norme per la tutela del rischio di contagio» spiega l’azienda in una nota.

«FACTORS@HOME – prosegue – è stato pensato per rispondere al fabbisogno di fornitura domicilare dei trattamenti dei tanti pazienti emofilici e affetti dalla malattia di von Willebrand. FACTORS@HOME ha come obiettivi garantire ai pazienti continuità della terapia secondo il piano individuale personalizzato e ridurre il numero di accessi ai presidi in modo da limitare il rischio di contagio. Allo stesso tempo questo servizio contribuisce a ridurre il carico di gestione della terapia».

COME FUNZIONA FACTORS@HOME 

«Il servizio  – continua – non prevede alcun onere economico per il paziente o per la struttura sanitaria. Si articola in pochi, semplici, passaggi: dopo aver raccolto il consenso del paziente, questi può contattare HNP che delegherá un corriere specializzato a ritirare il farmaco e lo consegnerà a domicilio nella data e ora concordate. Per qualsiasi informazione è sato messo a disposizione il numero verde dedicato 800 766484». «Ascoltiamo con attenzione la voce dei pazienti; cerchiamo di capire le loro difficoltà e sviluppiamo terapie e servizi che forniscono loro benefici significativi» dice Learco Mottola, direttore Medico di CSL Behring Italia. «Grazie a questi Servizi di Supporto ai pazienti è possibile ridurre al minimo gli spostamenti dei pazienti verso le strutture ospedaliere per attività assistenziali che vengono, di contro, svolte da questi programmi di supporto che hanno anche mostrato di essere un fattore decisivo di aderenza terapeutica. La scarsa aderenza alle prescrizioni del medico è la principale causa di non efficacia delle terapie farmacologiche ed è associata a un aumento degli interventi di assistenza sanitaria, della morbilità e della mortalità, rappresentando un danno sia per i pazienti che per il sistema sanitario e per la società. Maggior aderenza significa, infatti, minor rischio di emorragie, ospedalizzazione, minori complicanze associate alla malattia, maggiore sicurezza ed efficacia dei trattamenti e riduzione dei costi complessivi per le terapie». «Questi Programmi di Supporto ai pazienti non solo mostrano un approccio che mette il ‘paziente al centro’ ma comportano benefici anche in termini di continuità assistenziale. La chiave non è la terapia né la malattia, ma la persona nella sua interezza, nella sua rete di relazioni e nel suo contesto sociale che può comprendere il vivere in una zona poco servita, non avere un caregiver o non possedere un’auto. Tutti fattori di cui dobbiamo tenere conto per aumentare al massimo l’aderenza alle cure» conclude Mottola.

I SERVIZI OFFERTI 

«L’attività di addestramento infermieristico finalizzato a facilitare l’adozione e la gestione in autonomia della terapia da parte dei pazienti e/o dei familiari in linea con le indicazioni del Centro di riferimento. Per i Centri Emofilia è, inoltre, previsto il servizio “PK@HOME”, un programma di supporto che ha l’obiettivo di effettuare l’analisi farmacocinetica a domicilio, ed il servizio di supporto fisioterapico, finalizzato a facilitare il recupero funzionale delle articolazioni del paziente emofilico con sedute di fisioterapia domiciliare» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»