Voci della Sanità 17 Dicembre 2019 16:28

Emergenza urgenza: OMCeO Palermo a sostegno dei giovani laureati

Continua l’impegno dell’Ordine dei medici di Palermo per i giovani camici bianchi under 40, soprattutto per i neolaureati rimasti fuori dalla scuola in Medicina d’Emergenza-Urgenza perché impediti dal cosiddetto imbuto formativo. Grazie al partenariato con la Fnomceo, è stato realizzato a Villa Magnisi, sede dell’Omceo, il corso teorico-pratico sull’Emergenza-urgenza, coordinato da Antonio Iacono, responsabile del […]

Continua l’impegno dell’Ordine dei medici di Palermo per i giovani camici bianchi under 40, soprattutto per i neolaureati rimasti fuori dalla scuola in Medicina d’Emergenza-Urgenza perché impediti dal cosiddetto imbuto formativo.

Grazie al partenariato con la Fnomceo, è stato realizzato a Villa Magnisi, sede dell’Omceo, il corso teorico-pratico sull’Emergenza-urgenza, coordinato da Antonio Iacono, responsabile del Trauma Center di Villa Sofia-Cervello, che ha anticipato: «E’ un modello formativo che replicheremo in tutta la Sicilia, nelle sedi Omceo provinciali, insieme ad un altro corso pilota dedicato alla comunicazione perché sia ottimizzata la performance professionale».

Articolato in 12 moduli, il corso è stato affidato ad autorevoli relatori che sono intervenuti sulle emergenze e urgenze cardiologiche, legate ai traumi, alla gestione del paziente critico e agli aspetti etici del fine vita. Presenti anche gli istruttori Pblsd (Pediatric Basic Life Support Defibrillator) e Blsdb (Basic Life Support Defibrillator – supporto di base alle funzioni vitali e la defibrillazione), che hanno formato i discenti, con lezioni teoriche e pratiche, sulle tecniche di soccorso dei soggetti colpiti da attacco cardiaco attraverso la rianimazione cardiopolmonare e la defibrillazione.

Ieri, 16 dicembre, si è svolta la giornata conclusiva con una tavola rotonda moderata da Franco Di Maria, Ordinario di Psicologia dinamica all’Università  di Palermo,  per una riflessione finale a più voci sull’etica in Medicina d’urgenza. Insieme al coordinatore Antonio Iacono, al responsabile della centrale operativa 118 Palermo-Trapani Fabio Genco, e alle psicologhe e psicoterapeute Elsa Cannistraro e Marina Scimeca del Centro regionale Trapianti (Crt), e Tiziana Lo Nigro, responsabile del progetto Emdr (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) a Villa Sofia, sono stati affrontati i dilemmi dell’Emergenza e urgenza correlati alla centralità e all’autonomia del paziente, alla decisione di interrompere le manovre di rianimazione, all’accanimento terapeutico e alla gestione dei familiari presenti durante le manovre, fino ai doveri dell’informazione.

Articoli correlati
Dl Milleproroghe, MMG in formazione continueranno a concorrere agli incarichi in convenzione
Gli specializzandi potranno concorrere ancora per gli incarichi provvisori. A medici e sanitari in quiescenza sarà possibile conferire incarichi di lavoro autonomo fino al 31 marzo. Nel decreto di fine anno anche misure che posticipano il divieto di impiego di animali per ricerche su sostanze d’abuso e xenotrapianti
di Francesco Torre
Covid-19, variante Omicron sfugge ai tamponi rapidi. Rasi: «Quasi 1 su 2 è un falso negativo»
Guido Rasi, direttore scientifico di Consulcesi: «In questo contesto, il ruolo degli operatori sanitari sarà ancora più centrale nella valutazione dei pazienti. Fondamentale tenersi aggiornati»
Niente copertura assicurativa senza aggiornamento, Formazione nella Sanità: «Soddisfatti, ora applicazione rapida»
Il presidente dell'Associazione dei Provider Colombati: «Finalmente riconosciuta anche dal Parlamento l’importanza della formazione continua in medicina. Ora chiediamo che la nuova legge venga resa operativa al più presto»
Il dl PNRR è legge: professionisti sanitari senza copertura assicurativa se non in regola con ECM
Anche il Senato ha votato la fiducia posta dal governo sul Dl 152/2021 “Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”
Internet, genitori vs figli. OkDigitale, l’app per conquistare la “patente” per la navigazione
Oltre il 10% dei giovani ha visto un proprio video intimo circolare in rete: è uno dei dati più allarmanti emersi da una recente survey dell’Associazione Nazionale Di.Te. Il presidente Lavenia: «Con OkDigitale i genitori riceveranno gli strumenti necessari per insegnare a ai propri figli come avere un rapporto sano con lo smartphone»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 gennaio, sono 362.588.865 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.627.080 i decessi. Ad oggi, oltre 9,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre