Voci della Sanità 10 Dicembre 2020 19:16

Dl Ristori, Manai-Boldrini (Pd): «Rendere compatibile attività nelle USCA con specializzazione medica»

«Ci auguriamo che Governo e Parlamento approvino questa norma necessaria per mantenere il livello di assistenza a domicilio per i malati Covid», sottolineano in una nota la senatrice Paola Boldrini e il responsabile Formazione del Pd Stefano Manai

In questi mesi rispondendo all’appello promosso dalle aziende sanitarie molti giovani medici neolaureati hanno accettato di andare nelle prime linee di lotta al COVID-19 e cioè nelle USCA, a domicilio dei malati di questa terribile pandemia, divenendo un’insostituibile risorsa per la tutela della nostra salute.

«Al fine di evitare che con l’avvio prossimo delle scuole di specializzazione medica a cui si sono iscritti questi giovani medici fossero costretti a scegliere se continuare la loro meritoria opera a domicilio del cittadino o riprendere gli studi per ottenere quella specializzazione che costituisce il principale requisito per lavorare a tempo indeterminato nel SSN, – dichiarano la senatrice Paola Boldrini, Vicepresidente della Commissione Sanità del Senato (PD)d ed il Dott. Stefano Manai, Responsabile nazionale PD della formazione Sanitaria – abbiamo presentato uno specifico emendamento, in accordo con il MUR, in sede di conversione del Decreto Ristori, per rendere compatibile lo svolgimento dell’attività di continuità assistenziale, cioè le USCA, con lo svolgimento dell’attività di formazione presso le scuole di specializzazione in medicina. Ci auguriamo che Governo e Parlamento approvino questa norma necessaria per mantenere il livello di assistenza a domicilio per i malati Covid».

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali