Voci della Sanità 3 Giugno 2021 12:41

Disturbi alimentari: nel 2020-2021 casi aumentati del 30%. Ananke insieme alla moda per rispondere all’emergenza

Moda e psicologia si incontrano per combattere i dca

Disturbi alimentari: nel 2020-2021 casi aumentati del 30%. Ananke insieme alla moda per rispondere all’emergenza

L’emergenza sanitaria ha determinato un aumento del 30% delle patologie riconducibili ai Disturbi Alimentari, con gravi ripercussioni sulle famiglie e non solo. Parallelamente si conferma il trend di diminuzione dell’età di esordio per l’anoressia e un’impennata della mortalità. Questi e molti altri dati diventano protagonisti per dare risposte scientifiche e concrete in occasione del 2 giugno 2021, data in cui si celebra la VI World Eating Disorders Action Day, evento che unisce attivisti di tutto il mondo, con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione ai Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione in merito a un fenomeno che affligge sempre di più i giovani, le famiglie e quindi il sistema sanitario e il tessuto sociale.

Anche in Italia numerose sono le iniziative dedicate a un tema così attuale e che comporta costi a lungo termine su vari fronti. In questa occasione il mondo della psicologia e della moda si incontrano in un’ottica di inclusione a livello trasversale. Associazione Ananke di Villa Miralago – tra le maggiori in Italia impegnate nella lotta ai disturbi alimentari – si è impegnata a patrocinare e condividere il progetto di Luca Giannola fashion designer di Bologna esperto di moulage, formatore stilista e insegnante.

Un’iniziativa che si tinge di lilla, colore ufficiale quando si parla di disturbi alimentari e che ha dato ispirazione allo stilista che per la VI World Eating Disorders Action Day, dona alla rete Ananke un bozzetto creato ad hoc. Si tratta di un abito, un morbido satin di seta nera, che contrasta e contemporaneamente crea equilibrio con il tessuto più sostenuto del coprispalle, un taffetà di seta color glicine, lavorato con la tecnica del plissé. Lo stilista, giocando con le diverse consistenze dei materiali e sovrapponendo le tonalità “chiare” e “scure”, ha voluto esaltare la stola, protagonista indiscussa, le cui linee emulano il fiocco lilla emblema della lotta contro i disturbi dell’alimentazione.

Afferma Luca Giannola che, tra passerelle e il mondo della formazione, è stato a contatto con numerose generazioni di adolescenti, perennemente in conflitto con la propria fisicità: «La mia creazione vuole essere un omaggio a coloro che portano questo dolore nell’anima. È un segno tangibile del mio impegno personale e professionale in attività di sensibilizzazione; e testimonia che il mondo della moda è pronto a rivolgere “nuovi sguardi” verso queste problematiche, tanto diffuse quanto sconosciute. Ho sempre pensato che il corpo ri-specchi ciò che tu sei dentro, ma talvolta non è facile entrare in contatto con la tua estetica».

Il bozzetto rappresenta il “simbolo unificatore” di una comunione di intenti, poiché è nato a coronamento del primo incontro operativo tra Ilaria Emiliani, psicoterapeuta di Bologna, Simona Pisu, psicoterapeuta di Cagliari, responsabile della comunicazione della rete Ananke e lo stilista. «Durante questo incontro Luca ci ha coinvolte nel suo progetto tra i banchi della scuola di fashion designer di Bologna, in cui forma i ragazzi e le ragazze le cui mani creeranno la moda degli anni a venire» dichiara Emiliani.

Da queste riflessioni è nato il desiderio di dare vita ad un progetto che potesse sostenere non solo gli alunni del designer bolognese in aula e nel percorso di crescita professionale e personale, ma che possa offrire una nuova prospettiva in grado di unire mondi apparentemente distanti come la psicologia e la moda, che invece risultano profondamente legati.

Per il designer è nata quindi spontanea l’idea di un laboratorio in cui “scolpire” un nuovo modo di fare moda, ispirandosi a due grandi figure femminili che hanno rivoluzionato la storia del costume: Madaleine Voinnett e Vanessa Beecroft. La prima, nota come la “paladina delle restrizioni”, colei che liberò le donne dalle costrizioni dei corsetti e ideatrice del moulage, tecnica sartoriale in cui il vestito è “scolpito” direttamente sul manichino. Vanessa Beecroft, invece, famosa artista e performer, conosciuta per le “tableau vivant” tutte al femminile in cui esaspera il dubbio amletico dell’essere e dell’apparire. Nella vita ha sofferto di disturbi alimentari e, talvolta, le “tele viventi” divengono estensione del suo mondo interiore. Il suo rapporto conflittuale con il cibo è messo in scena in numerose performance che hanno come oggetto donne nude o poco vestite.

Per Luca Giannola le ragazze della Beecroft sono state muse ispiratrici. Dopo aver studiato nel dettaglio i loro corpi, ha creato una vasta gamma di figurini che comprendevano le diverse conformazioni fisiche. “Li ho mostrati agli insegnanti durante una riunione e sono rimasti folgorati. Il laboratorio incarnava l’occasione per sensibilizzare i ragazzi ad aprire lo sguardo e non lasciarsi guidare unicamente dai diktat precostituiti del fare moda” dichiara.

Con lo stilista gli studenti si abituano a lavorare con la varietà delle forme, imparando a valorizzare le peculiarità delle e dei clienti, creando degli abiti i cui tessuti possano essere scolpiti direttamente sulle diverse silhouette. Questo è un modo diverso di fare moda: non è la modella che si deve adattare al vestito, ma è il tessuto che si adatta al corpo che veste. “Un matrimonio alchemico” tra la manualità dello stilista e l’unicità della silhouette che lo indosserà.

“Consapevoli dell’importante ruolo che l’istituzione scolastica ha nel formare i giovani, ringraziamo Luca per averci invitato a far parte di questo innovativo progetto” dichiara Simona Pisu “La scuola, l’associazione Ananke di Villa Miralago e il mondo della moda intrecciano i fili di una rete, che diventa tessuto per sostenere, valorizzare e promuovere una cultura della cura dalla nuance lilla.”

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
Disturbi del comportamento alimentare: è boom tra i giovani LGBTQ+
Un recentissimo studio pubblicato dal Trevor Project ha evidenziato come i giovani LGBTQ+ siano maggiormente a rischio di sviluppare disturbi alimentari e come ciò possa quadruplicare il rischio di suicidio. L’analisi di Carlo Alfaro, pediatria e socio Amigay aps
Disturbi alimentari, cosa dire (e cosa no) ad una persona anoressica
Come approcciarsi chi soffre di disturbi alimentari? Ne abbiamo parlato con Elisa Valteroni, specialista in psicoterapia breve strategica
Giornata mondiale DCA, Valentina adesso sa volare. «Ho imparato ad amarmi. Il diario la mia salvezza»
A Sanità Informazione Valentina Capogna racconta come ha ripreso in mano la sua vita, segnata dai DCA, da anni di bulimia nervosa: «Ho imparato ad ascoltare i segnali del mio corpo, allenare il muscolo del cuore, sciogliere la corazza coperta da chili di cibo. Per donare amore a me stessa e agli altri. Cambiando io, è cambiato tutto il mondo intorno a me»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...