OMCeO, Enti e Territori 14 novembre 2017

In discoteca arrivano i kit salvavita per i diabetici

Kit salvavita per diabetici con succo e zucchero all’ingresso del locale Old Fashion di Milano. Ѐ quanto deciso dal proprietario del locale milanese al centro delle polemiche per aver negato l’accesso a una studentessa 25enne malata di diabete per ragioni di sicurezza. La ragazza portava con sé alcune bustine di zucchero e un succo di […]

Kit salvavita per diabetici con succo e zucchero all’ingresso del locale Old Fashion di Milano.

Ѐ quanto deciso dal proprietario del locale milanese al centro delle polemiche per aver negato l’accesso a una studentessa 25enne malata di diabete per ragioni di sicurezza. La ragazza portava con sé alcune bustine di zucchero e un succo di frutta, con tanto di tesserino medico, un “kit di sopravvivenza” in caso di ipoglicemia improvvisa.

In una lettera al Corriere della Sera, il gestore dell’ Old Fashion si scusa e promette: «Non possiamo fare entrare liquidi e polveri, per i rischi legati ad attentati o droghe. Ma per i casi come questo, il kit deve essere immediatamente disponibile. E organizzeremo anche una serata speciale: parte dell’incasso andrà al centro di ricerca dell’ospedale San Raffaele. È il minimo per scusarci di fronte a tutte le persone con diabete che si sono sentite offese» precisa.

 

Articoli correlati
DiaDay, ecco i dati della prima edizione: 19mila casi di diabete, ma il 3% non lo sapeva
SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening […]
Nazioni Unite, Novo Nordisk e Governo danese: insieme per sconfiggere le malattie non trasmissibili
Novo Nordisk finanzierà con un contributo di 5 milioni di dollari la Defeat-NCD Partnership, creata per sconfiggere le malattie non trasmissibili (NCD) nei Paesi a basso reddito. L’annuncio è stato dato nel corso di un evento alle Nazioni Unite congiuntamente al Governo danese, che sosterrà a sua volta l’iniziativa con un fondo di 3 milioni […]
Salute nelle città, Troncarelli (Welfare Lazio): «Occorre migliorare stili di vita: presto legge su invecchiamento attivo»
Nel 2050 sette persone su dieci vivranno in contesto urbano con aumento delle malattie non trasmissibili, a partire dal diabete. «Salute non è solo assenza di malattia. Bisogna lavorare per far sì che lo sport sia alla portata di tutti»
Sugar tax anche in Italia? Ricciardi (ISS): «Buona soluzione per salute pubblica ma per fasce meno abbienti può essere boomerang»
A tre mesi dall’introduzione della tassazione per le bevande zuccherate in UK il bilancio è positivo. Walter Ricciardi: «Provvedimento utile ma risorse da reinvestire per migliorare condizioni di vita»
Diabete, il pallavolista Van de Goor: «Sport fondamentale per controllare la malattia»
L’atleta, tra i testimonial del Roma Cities changing diabetes summit, gestisce una fondazione in Olanda con la missione di migliorare la qualità della vita delle persone con diabete attraverso l’attività sportiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila