Voci della Sanità 14 Dicembre 2020 14:11

Digitalizzazione in sanità al centro dell’ultimo webinar del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

I lavori del convegno sono stati preceduti dal saluto di Armando Zambrano, Presidente CNI: «Gli ingegneri sono sempre pronti ad anticipare e proporre le innovazioni tecnologiche e scientifiche. Tutti i giorni ci troviamo davanti a nuovi problemi che ci spingono a ideare soluzioni originali.

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri e il Comitato Italiano Ingegneria dell’Informazione hanno tenuto il webinar dedicato all’evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale, con particolare riferimento all’uso, all’unificazione e al potenziamento della digitalizzazione in Sanità.

L’attuale emergenza generata dalla pandemia Covid-19, infatti, ha messo chiaramente in luce le debolezze della Sanità, fra le quali la frammentazione delle competenze, l’uso non condiviso dei dati sanitari e il digital divide. 

Dal confronto tra sanitari, istituzioni, fornitori ed esperti di servizi informatici del settore è emerso un messaggio univoco: è arrivato il momento di dare vita ad una vera e propria rivoluzione digitale della Sanità Nazionale per garantire la sicurezza delle cure.

I lavori del convegno sono stati preceduti dal saluto di Armando Zambrano, Presidente CNI, che si è espresso così: “Gli ingegneri sono sempre pronti ad anticipare e proporre le innovazioni tecnologiche e scientifiche. Tutti i giorni ci troviamo davanti a nuovi problemi che ci spingono a ideare soluzioni originali. Ciò avviene in particolare nel mondo nel campo dell’ingegneria dell’informazione che da tempo va assumendo un’importanza di assoluto rilievo, testimoniata dal fatto che circa il 40% dei nostri iscritti intraprende questa direzione professionale. Per questo motivo, la presenza di noi ingegneri nella rivoluzione digitale nella sanità la considero una cosa naturale, peraltro già confermata dalla nascita dell’elenco certificato degli ingegneri biomedici e clinici”.

Apre il convegno l’ing. Alessandro Astorino sottolineando il ruolo strategico degli ingegneri dell’informazione nel governo di questa “rivoluzione digitale” che sta interessando i sistemi sanitari dei paesi più evoluti. Conoscenza, competenze ed etica professionale sono indispensabili affinché questa rivoluzione digitale possa migliorare realmente le aspettative e la qualità delle nostre vite.

Il primo intervento è stato quello dell’ing. Angelo Velsecchi, incentrato sull’importanza dell’accordo siglato lo scorso ottobre con l’AgID che segna un punto significativo per l’ingegneria della salute e tutto ciò che riguarda il cosiddetto Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) dei pazienti. Tale accordo è fondamentale in un’ottica di migliorare il funzionamento del sistema sanitario, così com’è fondamentale che ci sia un unico soggetto che abbia la cronistoria di un paziente o di una persona. Inoltre, l’accordo pone il Consiglio Nazionale Ingegneri e l’intera categoria come interlocutore per costruire una proposta alle Istituzioni e agli Enti che operano in Sanità. A livello nazionale ci sarà una linea guida sul FSE definita tra CNI e AgID. Il CNI presenterà le possibilità offerte dal protocollo nei vari territori italiani. La prima presentazione è prevista in Lombardia. 

La senatrice Paola Binetti si è concentrata sull’esigenza di compiere grossi passi in avanti sia sulle infrastrutture tecnologiche che sull’operatività: necessità di potenti hardware per la raccolta e l’elaborazione di Big Data, diffusione della banda larga sull’intero territorio nazionale, trattamento dei dati nel massimo rispetto delle vigenti normative in materia di privacy, centralizzazione dei dati sanitari e cooperazione tra le Regioni. D’accordo con il quadro tracciato dalla senatrice Binetti, l’ing. Paola Freda ha aggiunto l’idea che i software e gli algoritmi utilizzati al servizio della Sanità sono da considerarsi veri e propri dispositivi medici, e pertanto anch’essi da certificare. Altri spunti di grande interesse sono emersi con l’intervento dell’ing. Chiara Sgarbossa, incentrato sulla “Connected Care”: il cittadino/paziente è al centro del sistema di cure, dove l’intelligenza artificiale è al servizio di ogni bisogno del paziente.

Il prof. Alessandro Stecco ha presentato le innovazioni nel campo della Sanità Digitale e Telemedicina nella Regione Piemonte. La dott.ssa Enrica Massella ha illustrato i vari aspetti della trasformazione digitale: la strategia della crescita, gli aspetti, gli obbiettivi e le azioni previste. Per ciò che riguarda la facilitazione dell’efficacia della cura del paziente, superando l’ostacolo delle liste d’attesa e non affollando il pronto soccorso, il prof. Sergio Pillon ha illustrato quanto sia una semplice soluzione, in questa fase di emergenza,  l’utilizzo degli strumenti tecnologici che usiamo quotidianamente. L’ing. Alessandro Bonaccorso ha illustrato come i processi di coordinamento e verifica finale dei progetti siano strategici per la sicurezza almeno quanto lo sono le tematiche tecniche più verticali, senza le quali si è visto come sia impossibile il governo della complessità. Infine, l’intervento del dott. Giuseppe Di Domenico, Responsabile Business Development di Csa Documents, si è focalizzato sull’importanza della digitalizzazione del dato sanitario. 

Chi non avesse avuto modo di seguire in diretta il webinar può guardalo a questo link

Articoli correlati
Malattie rare nell’adulto, resta cruciale la formazione dei medici di base
Ecco come è andato il webinar promosso da European House Ambrosetti: molti i fronti di emergenza, il ritardo diagnostico è il problema n.1. Paola Binetti: «Misure specifiche nel Ddl Semplificazioni»
di Tommaso Caldarelli
Ex specializzandi, Binetti: «Mi auguro si faccia giustizia attraverso una transazione con lo Stato»
La senatrice è tra i firmatari dei Disegni di legge che prevedono un accordo tra Stato ed ex specializzandi. Poi un pensiero alle generazioni future: «Non vogliamo che il problema dell'imbuto formativo si trasformi in un altro contenzioso pesantissimo»
MMG, Binetti (Udc-Forza Italia): «Tornino dipendenti del SSN. Ecco come potenziare la medicina territoriale»
La senatrice Paola Binetti, membro della Commissione Sanità, chiede più attenzione per malati rari e persone fragili: «Urgente implementare cure domiciliari». Poi rilancia la rete di servizi territoriali: «Occorrono gli infermieri di famiglia ma anche gli altri professionisti della sanità»
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
Malattie rare, presentato il libro bianco sulle malattie polmonari da micobatteri non tubercolari
«Chiediamo percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali per una malattia insidiosa e poco conosciuta al pubblico ma anche agli operatori sanitari» ha spiegato il professor Sotgiu di AMANTUM a margine dell'evento in Senato. Presente anche Elena Carnevali della XII Commissione 'Affari Sociali' della Camera che ribadisce l'urgenza di «inserire la NTM–LD negli elenchi delle malattie rare esenti da ticket»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...