Voci della Sanità 19 Ottobre 2020 08:00

Covid, a Roma il Cristo Re installa termocamere “intelligenti”: misurano temperatura e allarmano se aria è da cambiare

Il Gruppo Giomi le ha attivate nelle proprie strutture: Ospedale Cristo Re , Villa Betania a Roma e Ospedale ICOT di Latina. Il software installato nelle termocamere è di ultimissima generazione in grado di individuare in un’immagine solo le persone da controllare e non un altro oggetto presente sulla scena come per esempio un termosifone caldo

Contro il Covid, per mettere in sicurezza malati, personale e visitatori, nelle strutture sanitarie del Gruppo Giomi, a cominciare dall’ICOT di Latina, arrivano le “super termocamere intelligenti”.

Le case di cura del gruppo sanitario sono le prime in Italia a poter usufruire di un sistema di controllo ad alta tecnologia che oltre a misurare la temperatura corporea, al passaggio di una persona, fa scattare un allarme quando in un ambiente ci sono troppe persone che non stanno rispettando la distanza di sicurezza e se l’aria che si respira è pericolosa e c’è bisogno di ventilare.

«Le termo camere intelligenti fanno scattare un allarme se una persona ha una temperatura superiore a 37,5. La termo camere scatta un fermo immagine del soggetto con la febbre. In questo modo la vigilanza può intercettare la persona e far partire i controlli – afferma Dario Bruneo, coordinatore del progetto Volcanic per la realizzazione delle termo camere intelligenti – Questo permette un controllo non invasivo dei flussi, ossia non si costringono le persone ad entrare una alla volta, non si bloccano i visitatori all’entrata della struttura e non si misura la febbre uno ad uno. Il software installato nelle termocamere è di ultimissima generazione in grado di individuare in un’immagine solo le persone da controllare e non un altro oggetto presente sulla scena come per esempio un termosifone caldo».

«Attraverso questa particolare tecnica di intelligenza artificiale è possibile ottenere tutta una serie di informazioni aggiuntive. Per esempio il conteggio delle persone. La termocamera è in grado di contare i soggetti presenti in un ambiente. La sorveglianza, attraverso un’applicazione collegata alla termo camera, può sapere in tempo reale se c’è un sovraffollamento per esempio nella sala dell’accettazione della struttura; si possono inoltre fare statistiche sul numero delle persone che entrano in una struttura durante la giornata ed è possibile anche calcolare i tempi di attesa. In tempo di Covid quindi abbiamo la possibilità di individuare assembramenti e la distanza tra le persone», aggiunge l’esperto.

«Le termocamere – continua Bruneo – sono supportate da un altro dispositivo che viene posto fisso all’interno degli ambienti e permette di andare ad individuare tutta una serie di informazioni ambientali come per esempio la temperatura all’interno di una stanza, l’umidità dell’aria ma anche la qualità della stessa. Il dispositivo avvisa quando l’aria all’interno di un ambiente è da cambiare e quindi fa scattare un allarme portando a ventilare l’ambiente».

«Il Gruppo GIOMI si è da sempre caratterizzato per due elementi che riteniamo imprescindibili: l’offerta di prestazioni mediche di eccellenza e una ricerca costante di innovazioni tecnologiche che puntino a rendere più efficace e sicuro il lavoro svolto all’interno delle nelle nostre strutture. La sicurezza del nostro personale, tutto, oltre alla salvaguardia delle migliaia di pazienti che giornalmente utilizzano le nostre strutture dislocate in tutta Italia. E’ per noi una priorità. Proprio per questo abbiamo scelto come strumento di protezione e precauzione sanitaria le termo camere di ultima generazione», ha affermato Emmanuel Miraglia, Presidente del Gruppo Giomi.

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...