Voci della Sanità 11 Luglio 2021 11:56

Covid, a Napoli la terza Conferenza per le terapie domiciliari precoci. Grimaldi: «A breve pubblicato primo studio»

In piazza è continuata la raccolta delle firme per la petizione indirizzata a Speranza, con l’obiettivo di chiedere al Ministero della Salute proprio di prendere in considerazione il lavoro dei medici sul territorio

Diverse migliaia di persone hanno partecipato sabato sera 10 luglio alla terza Conferenza Nazionale per le terapie domiciliari precoci, con ospiti francesi, organizzata dall’Unione per le Cure, i Diritti e le Libertà e dal Comitato Cura Domiciliare Covid-19, con il Patrocinio del Comune di Napoli, sul lungomare.

Volontariato, ascolto, necessità dei cittadini, riflessioni, a partire dall’inizio dell’emergenza Covid sino alle aspettative future, sono state il centro degli interventi dei medici che da oltre un anno hanno lavorato su base volontaria per supportare i malati Covid a domicilio e in telemedicina. Ancora una volta è stato chiesto conto del mancato coinvolgimento dei medici del gruppo nella stesura delle linee guida di contrasto al Covid-19, a cui il ministro Speranza non hai dato risposta, ignorando totalmente le richieste e le testimonianze di migliaia di persone.

In piazza è continuata la raccolta delle firme per la petizione indirizzata a Speranza, con l’obiettivo di chiedere al Ministero della Salute proprio di prendere in considerazione il lavoro dei medici sul territorio, come espressamente richiesto dal Senato con il voto dell’8 aprile scorso. L’avvocato Erich Grimaldi ha annunciato che il 27 luglio porterà i cittadini innanzi al ministero della Salute per la consegna brevi manu delle firme raccolte a Speranza.

Grimaldi, infine, ha annunciato che è in corso di pubblicazione un primo studio, con ospedalizzazioni ridotte allo zero percento, su un gruppo di pazienti trattati in fase precoce, nelle prime 72 ore dall’insorgenza dei sintomi ovvero quel breve lasso di tempo che le linee guida ministeriali suggeriscono per la vigilante attesa.

Articoli correlati
Terapia del plasma, Perotti (San Matteo di Pavia) «Oggi sospesa per mancanza di pazienti, ma tesoretto di 200 sacche pronte all’uso»
Il direttore del servizio di immunoematologia dell’IRCCS pavese ricorda il collega De Donno: «Era una brava persona, molto volenterosa, di quelli che gettano il cuore oltre l’ostacolo, ma non strumentalizziamo la sua morte. Il plasma non c’entra»
di Federica Bosco
Covid-19, svelato il motivo per cui i bambini si ammalano molto meno
Una molecola “chiave” che apre le porte al virus è meno attiva. Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni
Report ISS, Rt a 1,57 e 20 regioni a rischio moderato. Salgono i ricoveri
Tasso di occupazione in terapia intensiva fermo al 2%, ma quello in area medica sale al 3%. Scende anche la percentuale di contagi tracciati, al 28% rispetto al 30 della settimana precedente
Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»
Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall'azienda, che ha aperto il dibattito sull'opportunità della terza dose di vaccino
Covid, nuovo report GIMBE: «+64,8% di contagi e +46,1% di morti in una settimana». Ma i numeri assoluti restano bassi
Il monitoraggio della fondazione GIMBE, nella settimana 21-27 luglio, rileva un ulteriore aumento dei nuovi casi e degli indicatori ospedalieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva