Voci della Sanità 17 Novembre 2020 17:35

Covid-19, Rostan (IV): «Emergenza bombole evitabile con utilizzo big data sanitari. Governo incentivi produzione»

«Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan

«La difficoltà di reperimento di bombole per l’ossigeno in diverse regioni italiane, causata dall’emergenza Covid-19, riporta nuovamente in evidenza le gravi lacune che il nostro sistema sanitario sconta nell’utilizzo dei big data. Ancora una volta non si riesce ad avere un quadro d’insieme delle prescrizioni dell’ossigeno-terapia da parte dei medici di famiglia, delle forniture e degli approvvigionamenti da parte delle farmacie e dei fabbisogni medi delle singole province. Tutte informazioni che potrebbero essere facilmente consultate se si fosse avviato quel percorso di digitalizzazione dei dati sanitari che consentirebbe di intervenire tempestivamente in caso di emergenza, salvando vite umane e razionalizzando la spesa sanitaria. Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre. Allo stesso tempo rivolgo al governo la richiesta di incentivare la produzione di bombole per l’ossigeno gassoso per fare fronte a questa seconda ondata di contagi e per farsi trovare pronti nel malaugurato caso l’emergenza si protragga ancora nei prossimi mesi». Queste le parole di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«Per fare fronte all’emergenza bombole – prosegue Rostan – bisogna intervenire in modo strutturale sulle carenze. Le prescrizioni autorizzate di ossigeno liquido e dei concentratori,  per sopperire alla carenza di ossigeno gassoso, non possono essere la regola. Di fronte a una pandemia che ancora colpisce duramente il nostro Paese, bisogna agire in profondità  andando alla radice dei problemi. Investire in digitalizzazione e incentivare la produzione di bombole sono obiettivi da raggiungere in tempi rapidi. Anche a questo servono i fondi del Mes, oggi più che mai».

Articoli correlati
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Epatite, Rostan (Forza Italia): «Otto milioni alla Campania per gli screening. Avanti con il Piano attuativo»
«Le regioni del Mezzogiorno devono lavorare per recuperare il terreno perduto anche perché, è bene ricordare, le infezioni da HCV sono causa di tante altre malattie extra epatiche» spiega la deputata azzurra
Sanità, Rostan (Misto): «Appello a Draghi per nuove assunzioni in Sanità»
«Dal Summit di Napoli lanciamo un appello al governo Draghi affinchè si mettano in campo tutte le risorse possibili per colmare il gravissimo deficit di personale sanitario che è la causa principale di tanti disservizi e di una profonda iniquità tra regioni per ciò che attiene i livelli essenziali di assistenza. Dobbiamo individuare corsie preferenziali […]
Giornata Nazionale del Sollievo: farmacie confermano l’impegno contro il dolore inutile
Di Marco Cossolo, Presidente Federfarma nazionale
di Marco Cossolo, Presidente Federfarma nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi