Voci della Sanità 17 Novembre 2020

Covid-19, Rostan (IV): «Emergenza bombole evitabile con utilizzo big data sanitari. Governo incentivi produzione»

«Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan

«La difficoltà di reperimento di bombole per l’ossigeno in diverse regioni italiane, causata dall’emergenza Covid-19, riporta nuovamente in evidenza le gravi lacune che il nostro sistema sanitario sconta nell’utilizzo dei big data. Ancora una volta non si riesce ad avere un quadro d’insieme delle prescrizioni dell’ossigeno-terapia da parte dei medici di famiglia, delle forniture e degli approvvigionamenti da parte delle farmacie e dei fabbisogni medi delle singole province. Tutte informazioni che potrebbero essere facilmente consultate se si fosse avviato quel percorso di digitalizzazione dei dati sanitari che consentirebbe di intervenire tempestivamente in caso di emergenza, salvando vite umane e razionalizzando la spesa sanitaria. Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre. Allo stesso tempo rivolgo al governo la richiesta di incentivare la produzione di bombole per l’ossigeno gassoso per fare fronte a questa seconda ondata di contagi e per farsi trovare pronti nel malaugurato caso l’emergenza si protragga ancora nei prossimi mesi». Queste le parole di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«Per fare fronte all’emergenza bombole – prosegue Rostan – bisogna intervenire in modo strutturale sulle carenze. Le prescrizioni autorizzate di ossigeno liquido e dei concentratori,  per sopperire alla carenza di ossigeno gassoso, non possono essere la regola. Di fronte a una pandemia che ancora colpisce duramente il nostro Paese, bisogna agire in profondità  andando alla radice dei problemi. Investire in digitalizzazione e incentivare la produzione di bombole sono obiettivi da raggiungere in tempi rapidi. Anche a questo servono i fondi del Mes, oggi più che mai».

Articoli correlati
Tamponi rapidi in farmacia con supporto biologi, D’Anna (OnB): «Intesa con Federfarma»
Intesa tra Federfarma e ordine dei Biologi sui tamponi in farmacia. D'Anna (presidente OnB): « Entrambi i "fronti" dello screening Covid vedranno l’ingresso in campo dei biologi»
Bombole ossigeno inutilizzate, Federfarma: «Riportatele in farmacia»
L’AIFA, in collaborazione con Federfarma e Assogastecnici, sta predisponendo attività di comunicazione per sensibilizzare la popolazione sul tema
Farmacie punto di riferimento essenziale per i cittadini durante la pandemia. I dati del “III Rapporto annuale sulla farmacia” di Cittadinanzattiva
Durante la pandemia, anche tra le diverse difficoltà dovute alla contingenza, gran parte dei cittadini ha percepito la farmacia come un luogo “sicuro” e dove trovare le informazioni utili per affrontare l'emergenza sanitaria
Covid-19, Rostan (IV): «Misure straordinarie per Covid hotel in Campania»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «servono programmazioni che consentano di riconvertire le strutture rendendole funzionali ad accogliere i pazienti Covid in piena sicurezza per il personale e per gli ospiti stessi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli