Voci della Sanità 28 Ottobre 2020 13:54

Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»

Nell’interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente

«L’emergenza Covid-19 sta trascinando con sé diverse altre patologie altrettanto pericolose per chi ne è affetto. Dall’inizio della crisi gli screening oncologici, le diagnosi e le biopsie sono state dimezzate, si sono registrati ritardi negli interventi chirurgici e sono diminuite del 57% le visite dei pazienti oncologici. I ritardi diagnostici hanno a loro volta comportato ritardi nell’accesso alle cure con conseguenze che facilmente si possono trarre. Finanche l’accesso ai benefici legati alla possibilità di cura con farmaci oncologici innovativi è stato fortemente limitato. A questo proposito,  ho presentato un’interrogazione al ministro per la Salute, Roberto Speranza, per sapere  se non ritenga necessario ed urgente provvedere a istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente; per chiedere di adottare ogni iniziativa utile al fine di colmare i ritardi diagnostici e terapeutici maturati a causa dell’emergenza da Covid-19, garantendo un più ampio accesso a tutti i farmaci innovativi individuando misure che estendano la durata del termine di cui all’articolo 1, comma 403 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, qualora non siano presenti alternative terapeutiche di efficacia superiore, al fine di garantire ai pazienti l’accesso ai farmaci per la cura di gravi patologie». Lo ha annunciato Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, firmataria dell’interrogazione parlamentare.

«In Italia non si muore di solo Covid – ha aggiunto Rostan – per questo ho rivolto un appello affinchè tutte le regioni convochino tavoli tecnici per valutare l’impatto dell’emergenza coronavirus sulle altre patologie, adottando rimedi in tempi strettissimi. A partire dalla verifica puntuale della separazione dei percorsi nelle strutture sanitarie  tra malati Covid e tutti gli altri pazienti e dall’impiego delle tante strutture sotto utilizzate per recuperare nuovi posti letto Covid senza sottrarli alle altre patologie. Se andiamo avanti così, rischiamo di combattere su un solo fronte perdendo altre mille guerre con un impatto devastante sul servizio sanitario nazionale».

Articoli correlati
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
Pandemia e Big Data, ecco cosa abbiamo imparato (e cosa dobbiamo correggere nel futuro)
La necessità di un maggiore coordinamento nella gestione dei flussi di informazione e l’opportunità di potenziare la digitalizzazione al centro del webinar organizzato da Big Data in Health
A Cremona concerto live di musica classica per i pazienti ricoverati in ospedale
Per la prima volta con “La musica in ogni stanza" in diretta dall'Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino, le note del concerto della giovane talentuosa Sofia Manvati hanno raggiunto 420 degenti. Per Rossi (direttore generale dell’Ospedale di Cremona) «la musica crea vibrazioni e armonie nel cervello ed ha un effetto salvifico»
di Federica Bosco
Gimbe, il calo di casi e decessi prosegue. Consegnato 55% delle dosi di vaccino previste per questo semestre
In discesa casi, decessi e ospedalizzazioni. Attenzione però al testing, in netto calo rispetto ai primi mesi dell'anno. Sui vaccini si apra di nuovo discussione su AstraZeneca: open day ai giovani sì o no?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...