Voci della Sanità 3 Marzo 2021 17:11

Covid-19, la denuncia di Tuzi: «Nel Lazio 4112 docenti tra 65 e 67 anni rischiano di rimanere senza vaccino»

«Il mio appello è rivolto alla Regione Lazio che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele», sottolinea il deputato Manuel Tuzi

La campagna vaccinale di queste ultime settimane ha riguardato i soggetti più anziani e fragili e il personale scolastico e universitario docente e non docente, non portatore di patologia concomitante, di età compresa tra i 18 e i 65 anni: sono stati esclusi i lavoratori scolastici e universitari over 65. Ad oggi i vaccini che hanno ricevuto un’autorizzazione all’immissione in commercio sono quello dell’azienda PfizerBioNTech, quello dell’azienda Moderna e quello dell’azienda AstraZeneca. L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha suggerito, in ragione della maggiore robustezza delle evidenze di efficacia, un utilizzo preferenziale dei vaccini Pfizer e Moderna, a RNA messaggero (mRNA), nei soggetti anziani e/o a più alto rischio di sviluppare una malattia grave. Invece, sempre secondo le indicazioni dell’AIFA, il vaccino AstraZeneca è stato indicato come preferenziale per la popolazione compresa tra i 18 e 65 anni di età senza patologie gravi.

«In base alle priorità di somministrazione dettate dal Ministero della Salute, qualche settimana fa ha preso avvio la campagna di vaccinazione riguardante il personale scolastico e universitario docente e non docente non portatore di patologia concomitante. Per queste categorie varie Regioni, tra cui la Regione Lazio, hanno utilizzato il vaccino AstraZeneca con il quale si è potuto vaccinare unicamente i lavoratori scolastici e universitari di età compresa tra i 18 e i 65 anni dando luogo ad un vulnus nei confronti dei lavoratori scolastici over 65. Se da un punto di vista vaccinale essi non potrebbero essere vaccinati con il vaccino AstraZeneca e dovrebbero attendere Pfizer o Moderna, da un punto di vista di rischio, continuando a lavorare nelle strutture scolastiche e universitarie, sono realmente esposti alla possibilità di contrarre il virus e dovrebbero essere vaccinati immediatamente», sottolinea Manuel Tuzi, medico e deputato M5S.

«In qualità di deputato eletto nel Lazio il mio appello è rivolto alla Regione che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele. Si tratta di moltissimi lavoratori: nei soli istituti statali del Lazio il personale docente di età superiore ai 65 anni si aggira intorno alle 4112 unità. Lavoratori che con dedizione e passione ogni giorno si recano sul luogo di lavoro nonostante le difficoltà e che non meritano di essere lasciati indietro» aggiunge Tuzi.

Ad aggravare la situazione e a mettere ancora più a rischio i lavoratori non compresi nel piano vaccinale, vi è anche il proliferare delle varianti soprattutto all’interno degli istituti scolastici che ha condotto alla chiusura di molteplici scuole in tutta Italia. In media ogni giorno a Roma almeno un istituto si ritrova ad avere le classi in quarantena.

«Dall’inizio della pandemia, anche se ad intermittenza, i lavoratori della scuola hanno garantito la loro presenza all’interno delle strutture scolastiche e lo hanno fatto per un senso di responsabilità nei confronti degli alunni. Adesso è responsabilità di tutti noi garantire a queste persone la certezza di poter lavorare in sicurezza. Per questo, ho depositato un’interrogazione rivolta al Ministero dell’Istruzione domandando le modalità e le tempistiche di vaccinazione di tutti i lavoratori rimasti esclusi», conclude il deputato M5S.

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
AstraZeneca, il Cts Aifa approva il mix vaccinale per la seconda dose a distanza di 8-12 settimane
Il Comitato tecnico-scientifico dell'Agenzia del Farmaco italiana dice sì alla seconda dose con vaccini mRna (Pfizer o Moderna) per gli under 60 che hanno fatto AstraZeneca, dopo aver esaminato gli studi clinici. Due o tre mesi tra l'una e l'altra
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...