Voci della Sanità 3 Marzo 2021 17:11

Covid-19, la denuncia di Tuzi: «Nel Lazio 4112 docenti tra 65 e 67 anni rischiano di rimanere senza vaccino»

«Il mio appello è rivolto alla Regione Lazio che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele», sottolinea il deputato Manuel Tuzi

La campagna vaccinale di queste ultime settimane ha riguardato i soggetti più anziani e fragili e il personale scolastico e universitario docente e non docente, non portatore di patologia concomitante, di età compresa tra i 18 e i 65 anni: sono stati esclusi i lavoratori scolastici e universitari over 65. Ad oggi i vaccini che hanno ricevuto un’autorizzazione all’immissione in commercio sono quello dell’azienda PfizerBioNTech, quello dell’azienda Moderna e quello dell’azienda AstraZeneca. L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha suggerito, in ragione della maggiore robustezza delle evidenze di efficacia, un utilizzo preferenziale dei vaccini Pfizer e Moderna, a RNA messaggero (mRNA), nei soggetti anziani e/o a più alto rischio di sviluppare una malattia grave. Invece, sempre secondo le indicazioni dell’AIFA, il vaccino AstraZeneca è stato indicato come preferenziale per la popolazione compresa tra i 18 e 65 anni di età senza patologie gravi.

«In base alle priorità di somministrazione dettate dal Ministero della Salute, qualche settimana fa ha preso avvio la campagna di vaccinazione riguardante il personale scolastico e universitario docente e non docente non portatore di patologia concomitante. Per queste categorie varie Regioni, tra cui la Regione Lazio, hanno utilizzato il vaccino AstraZeneca con il quale si è potuto vaccinare unicamente i lavoratori scolastici e universitari di età compresa tra i 18 e i 65 anni dando luogo ad un vulnus nei confronti dei lavoratori scolastici over 65. Se da un punto di vista vaccinale essi non potrebbero essere vaccinati con il vaccino AstraZeneca e dovrebbero attendere Pfizer o Moderna, da un punto di vista di rischio, continuando a lavorare nelle strutture scolastiche e universitarie, sono realmente esposti alla possibilità di contrarre il virus e dovrebbero essere vaccinati immediatamente», sottolinea Manuel Tuzi, medico e deputato M5S.

«In qualità di deputato eletto nel Lazio il mio appello è rivolto alla Regione che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele. Si tratta di moltissimi lavoratori: nei soli istituti statali del Lazio il personale docente di età superiore ai 65 anni si aggira intorno alle 4112 unità. Lavoratori che con dedizione e passione ogni giorno si recano sul luogo di lavoro nonostante le difficoltà e che non meritano di essere lasciati indietro» aggiunge Tuzi.

Ad aggravare la situazione e a mettere ancora più a rischio i lavoratori non compresi nel piano vaccinale, vi è anche il proliferare delle varianti soprattutto all’interno degli istituti scolastici che ha condotto alla chiusura di molteplici scuole in tutta Italia. In media ogni giorno a Roma almeno un istituto si ritrova ad avere le classi in quarantena.

«Dall’inizio della pandemia, anche se ad intermittenza, i lavoratori della scuola hanno garantito la loro presenza all’interno delle strutture scolastiche e lo hanno fatto per un senso di responsabilità nei confronti degli alunni. Adesso è responsabilità di tutti noi garantire a queste persone la certezza di poter lavorare in sicurezza. Per questo, ho depositato un’interrogazione rivolta al Ministero dell’Istruzione domandando le modalità e le tempistiche di vaccinazione di tutti i lavoratori rimasti esclusi», conclude il deputato M5S.

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco