Voci della Sanità 14 Aprile 2020

Covid-19, accordo Regione Lazio-sindacati per riconoscimento operatori. Cisl Medici: «Ora tamponi e test sierologici»

È stato sottoscritto l’accordo tra sindacati e Regione Lazio per riconoscere l’eccezionale attività svolta dagli operatori sanitari del servizio Sanitario Regionale nell’emergenza Covid-19. «Cisl Medici Lazio e Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – commentano in una nota – esprimono il proprio apprezzamento per l’accordo in merito agli strumenti utilizzabili per remunerare l’eccezionale attività e le […]

È stato sottoscritto l’accordo tra sindacati e Regione Lazio per riconoscere l’eccezionale attività svolta dagli operatori sanitari del servizio Sanitario Regionale nell’emergenza Covid-19.

«Cisl Medici Lazio e Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – commentano in una nota – esprimono il proprio apprezzamento per l’accordo in merito agli strumenti utilizzabili per remunerare l’eccezionale attività e le particolari ed eccezionali condizioni in cui sono chiamati ad operare i lavoratori del Servizio Sanitario Regionale impegnati nell’emergenza Covid al fine di compensare le condizioni di particolare disagio e l’intensità dell’impegno professionale profuso».

«L’accordo firmato tra la Regione Lazio e le Organizzazioni Sindacali – prosegue – rappresenta un riconoscimento per quanti, in correlazione alla funzione ed alle attività svolte, si trovano a fronteggiare l’epidemia Covid-19».

«La Cisl Medici chiede ora all’Assessore alla Sanità del Lazio di considerare che anche discipline attualmente non ricomprese nelle due fasce dell’accordo presentano in realtà profili di rischio che devono essere attentamente valutati proprio in virtù delle specifiche condizioni e procedure di lavoro, quali a titolo esemplificativo gli operatori dell’assistenza domiciliare e di quelle discipline che non hanno sospeso le prestazioni ambulatoriali giusta Ordinanza del Presidente della Regione Lazio n. 3 del 6 marzo 2020».

«Al tempo stesso – concludono Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – chiediamo che venga reso operativo un piano di sorveglianza sanitario che preveda l’esecuzione di tamponi a risposta rapida e l’esecuzione di test sierologici in favore del personale sanitario».

 

Articoli correlati
«Soldi ai medici e ai dirigenti sanitari definiti eroi? Ma quando mai»
di Luciano Cifaldi (segretario della Cisl Medici Lazio) e Benedetto Magliozzi (segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti)
di Luciano Cifaldi (segretario Cisl Medici Lazio) & Benedetto Magliozzi (segretario Cisl Medici Roma/Rieti)
“Su la maschera, giù i contagi”. La campagna di sensibilizzazione con gli attori di Skam Italia
Parte "MaskLazio", la campagna della Regione Lazio per sensibilizzare i giovanissimi all'utilizzo della mascherina. Zingaretti: «L’aiuto di tutti noi in questo momento è vitale»
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Sanità privata, accordo tra UGL e Regione Lazio per salvaguardia occupazionale
Il protocollo prevede l’insediamento di una Cabina di Regia, con gli Assessorati alla Salute e al Lavoro. Valiani e Giuliano (UGL): «Revochiamo presidio al Consiglio regionale ma non abbassiamo la guardia»
Covid-19, perché la letalità è così alta in Italia (specialmente per gli anziani)? Intervista all’esperto
Le risposte del dott. Nicola Buonaiuto, specialista ambulatoriale e Geriatria, delegato Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...