Voci della Sanità 17 Agosto 2021 16:59

Comitato Cure Domiciliari: «Bene 4 miliardi su sanità territoriale, ma ora includere anche Covid-19»

Il Comitato Cura Domiciliare era pronto a lanciare un referendum popolare per la riforma della sanità territoriale: «Speriamo non ce ne sia bisogno, ma ora va sigillato il protocollo per le cure precoci, perché è evidente che questa manovra nasce dalla nostra battaglia che siamo fieri di aver portato avanti», ha sottolineato Grimaldi

Le cure domiciliari incentrate sulla telemedicina, il costante monitoraggio del paziente, l’individuazione della miglior terapia possibile e l’agire immediato, sono dal marzo 2020 il cuore del lavoro del Comitato Cura Domiciliare Covid-19. Il Ministero della Salute, secondo quanto comunicato, ha in programma una vasta manovra di intervento sulla sanità territoriale e le cure domiciliari, con un intervento da 4 miliardi di euro.

«È una bella sensazione ricevere dal Ministero della Salute la conferma di aver agito davvero bene – ha dichiarato il presidente del Comitato Erich Grimaldi – come testimonia la decisione del Governo, in particolare del Ministro Speranza, di porre le Cure Domiciliari al centro delle prossime manovre del suo dicastero, ora ci aspettiamo che questa manovra ovviamente inclusa anche le cure per il Covid-19».

A settembre il Comitato Cura Domiciliare era pronto a lanciare un referendum popolare per la riforma della sanità territoriale. «Speriamo non ce ne sia bisogno, ma ora va sigillato il protocollo per le cure precoci, perché è evidente che questa manovra nasce dalla nostra battaglia che siamo fieri di aver portato avanti», ha concluso Grimaldi.

«Sarei felice di vedere replicato il modello della rete creata dal nostro Comitato», ha detto la portavoce Valentina Rigano, «ora attendiamo la conferma della prossima riunione al Ministero, come ci è stato preannunciato a fine luglio, quando abbiamo inviato una dettagliata relazione sul funzionamento della rete Cura Domiciliare Precoce, creata da Grimaldi e formata da seri professionisti che auspichiamo vengano finalmente coinvolti».

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...