Voci della Sanità 6 Aprile 2022 14:40

«C’è molta strada da fare sulla percezione della disabilità», Comellini (Anvur)

Anvur invita a migliorare la percezione della disabilità nelle università e nella società in generale

di Redazione
«C’è molta strada da fare sulla percezione della disabilità», Comellini (Anvur)

«Dobbiamo leggere quanto avvenuto durante la Notte degli Oscar come un evento che purtroppo racconta quanto lavoro ci sia da fare sulla strada della piena integrazione delle persone con disabilità nella vita di tutti i giorni e anche nelle Università». A parlare è Francesco Comellini, membro della commissione dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (Anvur) sulla disabilità, che ha appena concluso un approfondito lavoro di ricerca su questo argomento. Disabilità, inclusione, opportunità e accessibilità ai servizi costituiscono infatti temi centrali della rilevazione Anvur «Disabilità, DSA e accesso alla Formazione universitaria».

Un rapporto sui servizi nelle università per gli studenti disabili

Lanciato nel 2019, il rapporto mira a realizzare un’indagine sui servizi in supporto alle attività di studio e all’inclusione nella vita universitaria per gli studenti con disabilità e con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), allo scopo di approfondire la comprensione delle tematiche legate alle condizioni di disabilità degli studenti e facilitare la loro piena integrazione. I risultati dello studio saranno pubblicati a breve e verranno ampliati anche al comparto Afam e ai corpi docenti ed amministrativi dell’intero sistema universitario nazionale.

C’è tanta strada da fare per migliorare la percezione della disabilità

«Lo scopo di questo lavoro – continua Comellini – è quello di fornire strumenti utili alla valutazione dei servizi offerti ai soggetti con disabilità, per favorire l’integrazione sociale, culturale, economica ed occupazionale e realizzare le azioni positive che favoriscano la crescita culturale in ogni ambito, specialmente nel settore della formazione dei giovani. Diversità e disabilità non devono essere elementi di discriminazione». Tornando alla Notte degli Oscar, in particolare al gesto estremo di Will Smith, «questo episodio pone l’accento sulle diversità evidenti e sulle condizioni della persona che non possono essere oggetto di ‘satira’. Il fatto non dovrebbe però essere letto solo in una chiave soggettiva, come mancanza o meno di comprensione e rispetto dell’altro, quanto piuttosto in una visione sistemica, delle dinamiche sociali rispetto la diversità e la disabilità. Questa considerazione evidenzia come la strada da percorrere verso l’affermazione dei diritti delle persone con disabilità, sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite del 2006, sia ancora piuttosto lunga».

Uricchio, presidente Anvur: «Occorre maggiore sensibilità verso la disabilità»

«Credo – commenta Antonio Felice Uricchio, presidente Anvur – che sia importante sottolineare anche l’importanza del rispetto della dignità della persona con disabilità in quanto soggetto fragile, ancora poco praticata persino in contesti di rilevanza internazionale come la Notte degli Oscar, dove invece sarebbe richiesta una maggiore sensibilità». Osserva Adriano Scaletta, anche lui membro della commissione Anvur sulla disabilità: «Penso che il limite della satira, dell’ironia e dell’autoironia debba essere determinato in maniera soggettiva. Ci sono molte persone che scherzano tranquillamente sulla propria disabilità, mentre altri si sentono a disagio. Trovo rispettoso lasciare al diretto interessato la possibilità e la scelta di scherzare o meno sulla propria condizione, perché nessuno ha il diritto di giudicare o le condizioni psico-fisiche di un’altra persona».

Anvur: «Dal nostro report una fotografia per migliorare i servizi per i disabili nelle università»

«Nel gesto e nelle parole di Will Smith si legge anche un atto di machismo, con l’uomo che si erge a paladino della fanciulla offesa, un messaggio sbagliato in generale, ma sicuramente fuori luogo in un contesto come la Notte degli Oscar, che invece promuove l’inclusione», dice Scaletta. «Il nostro rapporto – conclude Scaletta – restituisce una fotografia statistica delle possibilità di accesso ai servizi per gli studenti con disabilità del mondo universitario. Ci sono ancora molti interrogativi a cui rispondere, ma contiamo di ampliare i dati raccolti, in modo da ottenere un quadro più chiaro delle condizioni e della percezione degli alunni disabili nelle accademie e negli istituti italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Disabilità, Falabella (FISH): «Serve Fondo unico per dare concretezza a riforme»
Parla il Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che plaude al Decreto LEA ma chiede un aggiornamento del nomenclatore tariffario. Sulla Disability card chiarisce: «Strumento utile ma al momento è una semplice sostituzione della certificazione di invalidità della legge 104. Dobbiamo inserire più servizi»
Salute orale e disabilità, un binomio complicato. E spesso le famiglie sono costrette a rivolgersi all’ospedale
«Nel campo della salute orale il 50% dei professionisti ha poche competenze sulla gestione del paziente con disabilità» racconta Alberto Aureli, Igienista dentale e padre di un paziente con autismo. Che lancia un progetto di formazione per gli studi privati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...