OMCeO, Enti e Territori 21 Agosto 2018

Carenza medici, Mazzacane (Cisl): «Urgono scelte strategiche a lungo termine»

Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia, interviene sulla complessa problematica relativa alla carenza dei medici negli ospedali pubblici: «Oltre all’abbandono degli ospedali pubblici da parte dei medici che vanno in pensione – scrive in una nota -, vi è  anche il crescente riscontro dell’esodo in età prepensionabile verso strutture sanitarie non pubbliche.  I pediatri ospedalieri […]

Immagine articolo

Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia, interviene sulla complessa problematica relativa alla carenza dei medici negli ospedali pubblici: «Oltre all’abbandono degli ospedali pubblici da parte dei medici che vanno in pensione – scrive in una nota -, vi è  anche il crescente riscontro dell’esodo in età prepensionabile verso strutture sanitarie non pubbliche.  I pediatri ospedalieri non disdegnano trasformarsi in pediatri di libera scelta territoriali e i medici di altre branche apprezzano sovente gli incarichi di medicina specialistica ambulatoriale territoriale».

«Tuttavia – prosegue – il rilievo più evidente è la scarsa appetibilità delle strutture sanitarie pubbliche, specie da parte dei giovani medici. Concorsi ed avvisi pubblici sempre più sovente vanno deserti, a meno che non si tratti di centri di eccellenza. Sul territorio è insufficiente il numero di medici aspiranti alla medicina generale e alla continuità assistenziale. La stessa medicina specialistica ambulatoriale non risulta gradita dai giovani colleghi anche per le notevoli difficoltà di accesso e la carenza di strumentazione».

Cosa fare, allora? «In tema di programmazione – propone Mazzacane – andrebbe rivista la definizione dei posti per branca specialistica, definendo i fabbisogni in base alle necessità del quotidiano. In luogo di un ginecologo che va in pensione, potrebbe essere necessario un anestesista, per esempio. Infine esistono le limitazioni alle assunzioni dei medici nel servizio sanitario pubblico imposte dalla legge finanziaria. Ciò da tempo comporta una riduzione degli organici, con grosse difficoltà nella organizzazione dei servizi sanitari. Il ricorso a contratti libero professionali indecenti, ha soltanto intensificato il precariato e squalificato il ruolo professionale. Purtroppo la questione medica è un tema di sempre maggiore attualità e motivo di seria preoccupazione, sempre che i lombardi e gli italiani abbiano piacere e desiderio di rivolgersi ai medici per i loro problemi di salute. I medici sono sempre disponibili, ma come esercenti una professione intellettuale», conclude.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANCHE LA FIASO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI NE MANCHERANNO QUASI 12MILA, MAGGIOR NUMERO TRA ANESTESISTI»

Articoli correlati
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Speranza riparte dalla Costituzione: «Superare l’attuale carenza di medici e infermieri»
Il neoministro alla Salute, Roberto Speranza in una lunga intervista al Corriere della Sera: «Garantire cure di qualità. Nei prossimi 5 anni ci sarà un picco dei pensionamenti che aggraverà il problema»
«Mancano internisti, geriatri e urgentisti: i sostituti non si improvvisano»
di Antonello Pietrangelo (Presidente nazionale SIMI), Francesco Pugliese (Presidente nazionale SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (Presidente nazionale SIGG)
di di Antonello Pietrangelo (SIMI), Francesco Pugliese (SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (SIGG)
«Io, specializzanda, vi racconto la mia esperienza in ospedale»
Ilaria Melara, al terzo anno della Scuola di specializzazione emergenza urgenza di Pavia e membro del direttivo CosMEU: «No agli specializzandi tappabuchi o di serie B. Chi è al quarto o quinto anno potrebbe lavorare in PS in orari extra-formativi e seguire i codici bianchi»
di Federica Bosco
Scuole di specializzazione, in tante senza accreditamento. Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Urgono scelte oculate»
Il dato emerge dallo studio dell’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica e coinvolge atenei da nord a sud d’Italia. «Questo genera una fuga di camici bianchi verso l'estero. Opportuno rivedere tutto il sistema con una nuova sinergia tra Sistema Sanitario e Università» sostiene Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali