OMCeO, Enti e Territori 15 dicembre 2017

Biotestamento, FNCO: «La legge sancisce finalmente diritto dei cittadini e tutela l’operatore sanitario»

Da oggi, grazie all’approvazione della legge n. 2801 sul Biotestamento, anche l’Italia avrà una norma che da una parte consente al cittadino di essere informato sia sul proprio stato di salute sia sulle conseguenze che derivano dalle cure o dal rifiuto di queste decidendo in ogni momento di non iniziarle o sospenderle e dall’altra parte […]

Da oggi, grazie all’approvazione della legge n. 2801 sul Biotestamento, anche l’Italia avrà una norma che da una parte consente al cittadino di essere informato sia sul proprio stato di salute sia sulle conseguenze che derivano dalle cure o dal rifiuto di queste decidendo in ogni momento di non iniziarle o sospenderle e dall’altra parte esenta l’operatore sanitario che rispetta la volontà del paziente da ogni responsabilità civile e penale.

«Quella licenziata oggi dal Senato è una norma di civiltà – afferma la Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, dottoressa Maria Vicario -. Finalmente infatti i pazienti che, a causa della loro patologia, decideranno in maniera cosciente e consapevole di non sottoporsi alle cure potranno farlo nel proprio Paese assistiti dal personale che li ha seguiti fino a quel momento e soprattutto circondati dalla presenza e dall’affetto dei familiari. Anche le 22mila ostetriche/i rappresentate da questa Federazione faranno, come sempre, il loro dovere assistendo e promuovendo la salute delle donne e del nascituro, dando a loro, ai familiari o alla persona di fiducia nominata, tutte le informazioni utili e professionalmente corrette affinché si scelga sempre per il proprio meglio. Sono certa – conclude la Presidente FNCO –, e auspico, che in quanto legge dello Stato si affronti con animo sereno e laico, continuando sempre a dare la priorità alla salute di chi si prende in carico».

Un altro aspetto molto importante della legge è quello del rapporto fiduciario tra paziente e operatore sanitario e che e la base di una informazione corretta, precisa e puntuale sulle condizioni di salute attuali e future, cui si aggiunge la non imputabilità civile e penale.

«Ritengo che fosse doveroso specificare nella legge quest’ultimo aspetto, ovvero che il mettere in atto il volere del paziente, anche quando questo va in senso diverso alla ricerca del mantenimento in vita a ogni costo, non possa essere oggetto di denuncia né civile, né penale – sottolinea la dottoressa Vicario -. Chi, come le ostetriche, lavora quotidianamente in sanità in ogni tipo di condizione, a volte anche dura da un punto di vista psicologico, conosce bene quale sia il valore e l’importanza della vita e in particolare la sua dignità. In special modo in un ambito in cui si ha a che fare contemporaneamente con adulti e neonati. Aiutare a mantenerla fino alla fine – conclude la Presidente FNCO – è uno dei compiti più complessi e più delicati cui siamo chiamati ad affrontare».

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Rivaroxaban, risultati positivi per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici
Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...