OMCeO, Enti e Territori 13 Luglio 2018

ASL Roma 1, un concorso di idee per “Curare lo Spirito” negli ospedali

Pubblicato il bando della ASL Roma 1 in partnership con il Tavolo Interreligioso di Roma e con la collaborazione dell’ordine degli Architetti di Roma e Provincia per l’ideazione di uno spazio di meditazione, silenzio e preghiera aperto a tutte le fedi all’interno dell’ospedale San Filippo Neri e Santo Spirito. Valutare le migliori proposte progettuali per […]

Pubblicato il bando della ASL Roma 1 in partnership con il Tavolo Interreligioso di Roma e con la collaborazione dell’ordine degli Architetti di Roma e Provincia per l’ideazione di uno spazio di meditazione, silenzio e preghiera aperto a tutte le fedi all’interno dell’ospedale San Filippo Neri e Santo Spirito.

Valutare le migliori proposte progettuali per realizzare uno spazio in cui pregare e raccogliersi in silenzio. Questa la finalità del concorso di idee bandito dalla ASL Roma 1 in partnership con il Tavolo Interreligioso di Roma, che da vent’anni si impegna a diffondere un approccio multiculturale e interreligioso caratterizzato dal rispetto della diversità.

L’iniziativa si pone nella scia di una particolare attenzione che la ASL Roma 1 dedica all’umanizzazione delle cure in ospedale, e alla partecipazione delle associazioni di volontariato e delle confessioni religiose nel migliorare l’accoglienza e il rispetto dei diritti delle persone.

Il bando riguarda l’ideazione di uno spazio modulare non consacrato di circa 35 mq, da utilizzare come luogo di meditazione e preghiera, che rispetti le varie culture e fedi e sia accessibile ai diversamente abili. Dovranno essere evitati elementi iconografici (che potranno essere sostituiti con soluzioni come Light Engineering) e presentate proposte innovative sia nell’uso dei materiali e arredi che nelle componenti artistiche e figurative.

Il concorso prevede un riconoscimento economico ai primi due classificati, a cui la ASL Roma 1 si riserva di affidare l’incarico di elaborare il progetto esecutivo nelle sue strutture ospedaliere (Santo Spirito e S. Filippo Neri).

Per questo importante concorso sono stati istituiti due comitati, un Comitato D’Onore, a cui partecipano rappresentanti del mondo della cultura, della sanità e delle confessioni religiose, e un Comitato Scientifico con l’obiettivo di sostenere il progetto e diffonderlo nelle sedi più opportune.

La partecipazione al concorso è riservata agli Architetti e agli Ingegneri dell’Unione Europea, anche iunior, regolarmente iscritti ai rispettivi Albi professionali.

QUI PER IL BANDO: www.aslroma1.it

www.tavolointerreligioso.org

www.architettiroma.it

 

Le candidature dovranno pervenire entro l’10 ottobre 2018.

Articoli correlati
Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»
«Per stare bene non si può prescindere dall’ambiente in cui si vive e dagli stili di vita che si adottano» così Antonio Scala, organizzatore della conferenza internazionale sulle opportunità aperte dai Big Data in ambito medico e sanitario che si sta svolgendo al Cnr di Roma. Sanità informazione media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi
Ospedali sicuri per sette italiani su dieci, da migliorare Pronto Soccorso e centri trasfusione
I dati emersi da un sondaggio Doxapharma su un campione di 750 persone. Preoccupano i tagli al fondo sanitario e la mancanza di personale
di Federica Bosco
Sicurezza del paziente, 4 italiani su 10 ancora scettici sulle procedure adottate negli ospedali
Gli italiani esprimono un giudizio complessivamente buono sui temi legati alla sicurezza, ma trasfusioni (45%) e pronto soccorso (30%) continuano ad essere le aree considerate più a rischio. L'indagine di Doxapharma
Franco Di Mare si racconta: «Sono stato un caregiver per i miei genitori malati»
«Essere caregiver è qualcosa di più rispetto allo stato sociale, rispetto al welfare, perché nessuno come un parente riesce a stare vicino», il racconto del giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare
Umanizzazione delle cure, ai Fatebenefratelli un referente laico per ‘la cura spirituale’ dei pazienti. È il primo caso in Italia
Laura Zorzella, responsabile del centro Pastorale dei Fatebenefratelli del Lombardo-Veneto: «Così si garantisce una cura integrale, non solo medica. Al servizio dei pazienti una figura formata attraverso il corso post-laurea in “Umanizzazione e dimensione spirituale della cura nei contesti interculturali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...