Voci della Sanità 1 Dicembre 2020 11:34

AIDS, Bologna (PP): «In Parlamento proposta per piano triennale d’intervento»

La proposta é entrata nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera. La deputata: «Speriamo di poter iniziare presto l’iter di audizioni e discussione»

«Oggi é la giornata mondiale contro l’Aids, una pandemia iniziata negli anni ottanta che causa ancora infezioni e vittime in tutto il mondo. Sappiamo bene ora che non esistono categorie a rischio ma comportamenti a rischio e che soprattutto essere positivo al test Hiv non vuol dire avere la malattia Aids, ma le diagnosi sono ancora tardive e lo stigma é ancora presente». Lo scrive in una nota la deputata di Popolo Protagonista, Fabiola Bologna.

«In Italia ci sono 130mila persone Hiv positive. Nel 2019 sono state effettuate 2531 nuove diagnosi e l’età più colpita é quella tra i 25 e i 29 anni. Oggi – prosegue Bologna- una persona HIV positiva con le terapie può non sviluppare la malattia AIDS, non costituisce un pericolo per gli altri e può avere una aspettativa di vita normale. Per questo in Parlamento con l’intergruppo “Italia ferma l’Aids” abbiamo depositato, insieme ai colleghi D’Attis e altri, una proposta di legge di cui sono cofirmataria per una revisione e aggiornamento della legge 135/1990. Quello che prevediamo è l’esecuzione del test dai 16 anni senza il consenso genitoriale, piani d’intervento di durata triennale, previsione di trattamenti a domicilio per i pazienti e corsi di formazione e aggiornamento annuali per il personale che opera presso i reparti ospedalieri di malattie infettive».

Bologna spiega che la proposta é entrata ora nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera e «speriamo di poter iniziare presto l’iter di audizioni e discussione. Abbiamo ancora oggi il dovere di non restare indifferenti e sconfiggere il pregiudizio».

Articoli correlati
Vaccinazioni, Bologna (PP): «Ho chiesto a Speranza di istituire un tavolo di lavoro con tutte le professioni coinvolte»
«La campagna vaccinale per contrastare il Covid-19 sta accelerando, le regioni cercano di raggiungere gli obiettivi programmati e i numeri in assoluto sono in miglioramento. Questa crescita la dobbiamo senza dubbio al modello organizzativo unitario nazionale che sta funzionando nell’ambito degli hub vaccinali e degli ospedali grazie alla collaborazione di medici e infermieri che gestiscono […]
Malattie rare, Bologna (PP): «Testo unico in aula il 29 marzo. Priorità a questi malati per le vaccinazioni»
«Il Testo fornisce una cornice normativa completa per rendere uniforme il trattamento delle malattie rare su tutto il territorio italiano e per l’avanzamento della ricerca nel campo delle malattie rare», spiega Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
Liste d’attesa, Bologna (PP): «Con approvazione odg c’è impegno per ridurle. Fondamentale incentivare telemedicina»
«Utilizzare anche gli ambulatori mobili per programmi di screening e prevenzione» sottolinea la deputata Fabiola Bologna che ha presentato un Odg sul tema
Giornata nazionale degli stati vegetativi e GCA, Bologna (PP): «Pronta mozione per tutelare malati e famiglie»
«La ricerca deve essere messa al servizio delle famiglie che, nella loro imprescindibile centralità, devono essere guidate attraverso percorsi appropriati e specializzati» spiega Fabiola Bologna, medico ed esponente di Popolo Protagonista
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...