Voci della Sanità 1 Dicembre 2020 11:34

AIDS, Bologna (PP): «In Parlamento proposta per piano triennale d’intervento»

La proposta é entrata nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera. La deputata: «Speriamo di poter iniziare presto l’iter di audizioni e discussione»

«Oggi é la giornata mondiale contro l’Aids, una pandemia iniziata negli anni ottanta che causa ancora infezioni e vittime in tutto il mondo. Sappiamo bene ora che non esistono categorie a rischio ma comportamenti a rischio e che soprattutto essere positivo al test Hiv non vuol dire avere la malattia Aids, ma le diagnosi sono ancora tardive e lo stigma é ancora presente». Lo scrive in una nota la deputata di Popolo Protagonista, Fabiola Bologna.

«In Italia ci sono 130mila persone Hiv positive. Nel 2019 sono state effettuate 2531 nuove diagnosi e l’età più colpita é quella tra i 25 e i 29 anni. Oggi – prosegue Bologna- una persona HIV positiva con le terapie può non sviluppare la malattia AIDS, non costituisce un pericolo per gli altri e può avere una aspettativa di vita normale. Per questo in Parlamento con l’intergruppo “Italia ferma l’Aids” abbiamo depositato, insieme ai colleghi D’Attis e altri, una proposta di legge di cui sono cofirmataria per una revisione e aggiornamento della legge 135/1990. Quello che prevediamo è l’esecuzione del test dai 16 anni senza il consenso genitoriale, piani d’intervento di durata triennale, previsione di trattamenti a domicilio per i pazienti e corsi di formazione e aggiornamento annuali per il personale che opera presso i reparti ospedalieri di malattie infettive».

Bologna spiega che la proposta é entrata ora nel calendario della Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera e «speriamo di poter iniziare presto l’iter di audizioni e discussione. Abbiamo ancora oggi il dovere di non restare indifferenti e sconfiggere il pregiudizio».

Articoli correlati
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Usa: uomo guarisce da HIV, è il quarto caso al mondo
In California un uomo di 66 anni, sieropositivo da oltre 40 anni, non presenta alcuna traccia del virus dell'HIV. È in remissione da 17 mesi senza terapia antiretrovirale
HIV, Icar 2022. Maggiolo (SIMIT): «Eradicazione lontana, ma le terapie long-acting sono il punto di svolta»
Lo specialista: «Durante l’ultimo anno sono calate le nuove diagnosi di HIV. Due le motivazioni: meno test in pandemia, ma anche maggiore efficacia delle terapie per la riduzione della trasmissione. Tuttavia, a livello globale, l’HIV è ancora un’epidemia»
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Giornata Mondiale del Coma, Bologna (CI): «Creare tavolo permanente su cerebrolesioni»
Alla Camera conferenza stampa alla presenza del Sottosegretario Costa, delle società scientifiche SIN SIRN, SIMFER, SIRAS e delle associazioni di pazienti FNATC, "Gli Amici di Luca" e "La Rete"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale