OMCeO, Enti e Territori 30 maggio 2017

Accordo Stato-Regioni su fabbisogno formativo: ecco i posti a bando per sanità

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato la determinazione del fabbisogno per l’AA 2017-18 dei laureati in medicina e nelle professioni sanitarie. Ad esempio, saranno quindi 8.700 gli studenti che potranno iscriversi al corso di laurea in medicina, 850 in odontoiatria, 448 in farmacia, 14.065 in infermieristica, 1.927 in fisioterapia. L’elenco completo è disponibile qui. Il numero dei […]

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato la determinazione del fabbisogno per l’AA 2017-18 dei laureati in medicina e nelle professioni sanitarie. Ad esempio, saranno quindi 8.700 gli studenti che potranno iscriversi al corso di laurea in medicina, 850 in odontoiatria, 448 in farmacia, 14.065 in infermieristica, 1.927 in fisioterapia. L’elenco completo è disponibile qui.

Il numero dei posti messi a bando per medici, odontoiatri e tecnici della prevenzione è lo stesso dell’anno scorso, mentre per le altre professioni si registrano dei cali: gli infermieri perdono circa 1.500 posti, i fisioterapisti ne perdono più di 200. Il calo maggiore però è quello dei farmacisti, cui erano riservati 1279 posti nell’anno accademico scorso mentre nel 2017-2018 potranno accedere al corso di laurea solo 448 studenti. Le uniche professioni che vedono aumentare i posti a bando sono gli educatori professionali (da 794 a 800) e il tecnico ortopedico (da 120 a 140).

Ma come viene calcolato il fabbisogno formativo? È la stessa Conferenza Stato-Regioni a rispondere: «Il fabbisogno formativo è determinato con riferimento prioritario alle stime di domanda futura di professionisti sanitari espressa dal sistema sanitario regionale e nazionale nel suo complesso, ossia considerando i servizi sanitari erogabili sia dal settore pubblico sia dal settore privati, inclusi i libero-professionisti». Per equilibrare domanda e offerta viene quindi identificata la capacità di assorbimento del mercato del lavoro, quantificando eventuali carenze o eccedenze future. Il fabbisogno formativo dei professionisti sanitari, è calcolato quindi con l’ausilio di un modello previsionale che include dati e stime di medio e lungo termine quantomeno su precisi fattori: i cambiamenti demografici della popolazione di riferimento per ogni professione sanitaria; i cambiamenti nelle modalità di erogazione dei servizi sanitari e quindi di impiego dei professionisti sanitari; la quantità di professionisti sanitari al momento attivi sul mercato del lavoro; la quantità di professionisti già abilitati ma al momento non attivi sul mercato del lavoro; i flussi futuri di professionisti sanitari in uscita dal mercato del lavoro; i flussi futuri di professionisti sanitari in entrata nel mercato del lavoro.

Articoli correlati
Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia
Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...