Voci della Sanità 4 Novembre 2020 19:01

Cisl medici a D’Amato: «L’uomo solo al comando»

«Quando l’uomo solo al comando incontra esclusivamente il sindacato dei medici più rappresentativo, ma non per questo unica voce della categoria, potrebbe forse significare che all’uomo solo al comando della categoria medica interessa ben poco». Così in una nota Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti. «Quando […]

«Quando l’uomo solo al comando incontra esclusivamente il sindacato dei medici più rappresentativo, ma non per questo unica voce della categoria, potrebbe forse significare che all’uomo solo al comando della categoria medica interessa ben poco». Così in una nota Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti.

«Quando l’uomo solo al comando – si legge nella nota – annuncia che “aumenterà considerevolmente il numero dei posti letto Covid” potrebbe forse significare che all’uomo solo al comando interessa ben poco delle altre patologie acute e croniche che colpiscono la popolazione sempre più costretta a mettere le mani nel portafoglio per vedere erogate le prestazioni di cui hanno bisogno e di cui hanno diritto».

«Quando l’uomo solo al comando annuncia “presto bando rivolto a medici laureati e specializzandi” potrebbe forse significare che sa già che stanzierà finanziamenti importanti per garantire l’estensione delle garanzie delle polizze assicurative considerato che sarebbero medici laureati e specializzandi a dover pagare di tasca propria in caso di malaugurate denunce a loro carico».

«Quando l’uomo solo al comando – prosegue – annuncia prossimi bandi di assunzione potrebbe forse significare che non si è accorto che per il reclutamento di medici e personale di assistenza ci sono stati 6 mesi e che non solo non si è fatto a sufficienza quello che bisognava fare ma non si sono ascoltati quegli esperti che lanciavano continuamente allarmi durante l’estate. Forse l’uomo solo al comando potrebbe avere pensato che bastasse aumentare a dismisura i tamponi da fare senza provvedere contestualmente ad aumentare gli organici dei servizi di sanità pubblica che erano quelli ai quali spettava di fare i controlli ed i tracciamenti sul territorio».

«Quando l’uomo solo al comando annuncia che “verrà ulteriormente potenziata la sorveglianza sanitaria dei medici e di tutti gli operatori sanitari” potrebbe forse significare che ha preso consapevolezza dei dati che vedono i positivi e i malati di questa categoria in crescita esponenziale dopo che nei mesi passati molte criticità e carenze ci sono state nelle forniture di dispositivi di sicurezza».

«Quando l’uomo solo al comando ritiene che il confronto con i medici e i sindacati sia una faccenda da sbrigare a quattro occhi potrebbe forse significare che non crede al ruolo dei sindacati (degli altri sindacati) che sono organizzazioni alle quali i lavoratori danno delega fiduciaria e volontaria. Quando l’uomo solo al comando, che rappresenta il vertice della politica sanitaria nella propria regione, non risponde ad alcuna sollecitazione, istanza, richiesta di chiarimenti più volte rappresentate da organizzazioni sindacali disponibili comunque a collaborare nel rispetto dei reciproci ruoli ed ancor più in questa pandemia, potrebbe forse significare che si considera autosufficiente per rispondere alle necessità di sicurezza dei lavoratori e alle esigenze di salute dei cittadini del Lazio.

«In buona sostanza – concludono i due segretari – l’uomo solo al comando potrebbe forse avere nuovamente sbagliato la strategia intasando nuovamente gli ospedali e non potenziando la sanità territoriale di cui ci si riempie la bocca ma solo quella, purtroppo. Auguri all’assessore alla sanità della regione Lazio, uomo sempre più solo al comando».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Quarta dose agli over 70, si partirà subito o in autunno con un vaccino nuovo?
A causa dell'aumento dei contagi ai tecnici del ministero della Salute è stato chiesto di anticipare l'estensione della somministrazione della quarta dose agli over 80. Inizialmente era prevista in autunno, in coincidenza con l'arrivo dei vaccini «aggiornati». Ora le cose potrebbero cambiare, anche se non tutti sono d'accordo
Lazio, via a piano straordinario per recuperare le liste di attesa
La Giunta regionale del Lazio presenta il Piano di recupero delle liste d'attesa per un investimento pari a 48 milioni di euro. Previste strutture aperte la sera e nel weekend
Nomine DG, Magi: «Auguri di buon lavoro ai direttori generali neo eletti»
Tra conferme e nuove nomine l’Omceo capitolino si augura che la sanità del Lazio insista nel percorso di risanamento intrapreso in questi anni
Ucraina, Sanità del Lazio pronta ad accogliere pazienti e inviare equipe sanitarie specializzate
Alessio D’Amato, assessore alla Sanità del Lazio: «Il nostro sistema sanitario regionale è già testato alle emergenze: ci siamo presi cura dei malati di Covid-19 provenienti dalla Romania e degli afghani durante la fuga da Kabul»
Concorso Medicina Generale in Lazio: 304 posti. Cosa ne pensano i candidati?
Per alcuni un sogno da realizzare, per altri una sfida per migliorare il mestiere, per altri ancora una seconda chance. Le impressioni raccolte a Fiera di Roma tra i partecipanti al Concorso per il corso di formazione in Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale