Voci della Sanità 4 Novembre 2020

Cisl medici a D’Amato: «L’uomo solo al comando»

«Quando l’uomo solo al comando incontra esclusivamente il sindacato dei medici più rappresentativo, ma non per questo unica voce della categoria, potrebbe forse significare che all’uomo solo al comando della categoria medica interessa ben poco». Così in una nota Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti.

«Quando l’uomo solo al comando – si legge nella nota – annuncia che “aumenterà considerevolmente il numero dei posti letto Covid” potrebbe forse significare che all’uomo solo al comando interessa ben poco delle altre patologie acute e croniche che colpiscono la popolazione sempre più costretta a mettere le mani nel portafoglio per vedere erogate le prestazioni di cui hanno bisogno e di cui hanno diritto».

«Quando l’uomo solo al comando annuncia “presto bando rivolto a medici laureati e specializzandi” potrebbe forse significare che sa già che stanzierà finanziamenti importanti per garantire l’estensione delle garanzie delle polizze assicurative considerato che sarebbero medici laureati e specializzandi a dover pagare di tasca propria in caso di malaugurate denunce a loro carico».

«Quando l’uomo solo al comando – prosegue – annuncia prossimi bandi di assunzione potrebbe forse significare che non si è accorto che per il reclutamento di medici e personale di assistenza ci sono stati 6 mesi e che non solo non si è fatto a sufficienza quello che bisognava fare ma non si sono ascoltati quegli esperti che lanciavano continuamente allarmi durante l’estate. Forse l’uomo solo al comando potrebbe avere pensato che bastasse aumentare a dismisura i tamponi da fare senza provvedere contestualmente ad aumentare gli organici dei servizi di sanità pubblica che erano quelli ai quali spettava di fare i controlli ed i tracciamenti sul territorio».

«Quando l’uomo solo al comando annuncia che “verrà ulteriormente potenziata la sorveglianza sanitaria dei medici e di tutti gli operatori sanitari” potrebbe forse significare che ha preso consapevolezza dei dati che vedono i positivi e i malati di questa categoria in crescita esponenziale dopo che nei mesi passati molte criticità e carenze ci sono state nelle forniture di dispositivi di sicurezza».

«Quando l’uomo solo al comando ritiene che il confronto con i medici e i sindacati sia una faccenda da sbrigare a quattro occhi potrebbe forse significare che non crede al ruolo dei sindacati (degli altri sindacati) che sono organizzazioni alle quali i lavoratori danno delega fiduciaria e volontaria. Quando l’uomo solo al comando, che rappresenta il vertice della politica sanitaria nella propria regione, non risponde ad alcuna sollecitazione, istanza, richiesta di chiarimenti più volte rappresentate da organizzazioni sindacali disponibili comunque a collaborare nel rispetto dei reciproci ruoli ed ancor più in questa pandemia, potrebbe forse significare che si considera autosufficiente per rispondere alle necessità di sicurezza dei lavoratori e alle esigenze di salute dei cittadini del Lazio.

«In buona sostanza – concludono i due segretari – l’uomo solo al comando potrebbe forse avere nuovamente sbagliato la strategia intasando nuovamente gli ospedali e non potenziando la sanità territoriale di cui ci si riempie la bocca ma solo quella, purtroppo. Auguri all’assessore alla sanità della regione Lazio, uomo sempre più solo al comando».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Carenza personale, Cisl Medici Lazio alla Regione: «Aprire urgente tavolo di confronto»
Il sindacato invia lettera all'assessore alla sanità della regione Lazio
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia
In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture
Mascherine all’aperto: arriva l’obbligo anche nel Lazio. E il vaccino antinfluenzale potrà essere somministrato in farmacia
Dopo Calabria e Campania, arriva dal Lazio l'obbligo a indossare mascherine anche all'aperto per tutto il giorno. Tre le categorie escluse. Tra le novità anche test salivari nelle scuole e 100 mila dosi di vaccino anti-influenza nelle farmacie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli